Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LA GARçONNIèRE

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/5/10 DAL BENEMERITO COLUMBO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Panza
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Lucius
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Columbo


ORDINA COMMENTI PER:

Lucius  9/10/19 16:53 - 2784 commenti

Sospeso in un clima di kammerspiel, recitato con grande vigore espressivo, si discosta dal cinema impegnato di De Santis pur restando godibile per l'intera durata. Da un lato l'amore coniugale, dall'altro quello eccitativo, che qui ha il volto della Miletic, molto similare alla Marion di Psyco. L'alcova: una garçonnière nel centro di Roma. La sequenza dell'hula hoop, nonostante la valenza evocativa, è del tutto inadatta al momento in cui è inserita. Il tradimento è un'arma a doppio taglio, può ferire, ma non necessariamente uccide. Intimista.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Panza   23/2/20 12:44 - 1472 commenti

Pur penalizzata da qualche dialogo didascalico, la pellicola, aperta in medias res, conta su un ottimo cast e su una sceneggiatura che tratteggia con vigore il disfacimento di un rapporto coniugale in cui i due poli si respingono e si attraggono. Talvolta l'audio viene analogicamente accostato alle immagini: la telecronaca di un incontro di boxe con un pestaggio, il dialogo della moglie con il marito che aspetta l'amante. Nella garçonnière invece il regista gioca con i riflessi dei volti degli attori negli specchi. Emozionante il dialogo finale.
I gusti di Panza (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Columbo 21/12/10 12:53 - 75 commenti

Un costruttore tradisce la moglie, che lo pedina, lo scopre e lo punisce. De Santis, con una mediocre sceneggiatura scritta addirittura a dieci mani (Bernari, Pirro, Petri, Guerra, Giraldi) non sa bene che pesci prendere, oscillando pericolosamente tra critica sociale dell'istituzione matrimoniale borghese e polveroso voyeurismo da kammerspiel. Questo stucchevole dramma privato era davvero ben poca cosa per sollecitare la fantasia di un autore sensibile per vocazione alla collettività, alle masse e al loro ruolo nella storia. Il cast non aiuta.
I gusti di Columbo (Giallo - Poliziesco - Thriller)