Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'AGENZIA DEI BUGIARDI

All'interno del forum, per questo film:
® L'agenzia dei bugiardi
Dati:Anno: 2019Genere: commedia (colore)
Regia:Volfango De Biasi
Cast:Giampaolo Morelli, Massimo Ghini, Alessandra Mastronardi, Herbert Ballerina (Luigi Luciano), Paolo Ruffini, Carla Signoris, Diana Del Bufalo, Paolo Calabresi, Antonello Fassari, Giulio Golia, Piero Pelù, Raiz, Nicolas Vaporidis
Note:Remake del film francese "Alibi.com" (2017).
Visite:363
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/1/19 DAL DAVINOTTI
Cosa c'era di più italianizzabile di una commedia che, dopo aver consumato brevemente le polveri di un'idea geniale, si trasformava in un autentico cinepanettone? E infatti ecco Volfango De Biasi rimetter mano al copione piuttosto raffazzonato di ALIBI.COM per acconciarlo in forma più consumabile a queste latitudini e andando a scegliere le facce giuste per renderlo spiritoso a dovere. L'operazione riesce, perché rispetto all'originale la versione italiana è più disinvolta, brillante, benché riprenda in pieno l'intera storia anche nelle sue parti meno azzeccate (la festa in maschera o la sosta forzata al campo rom, per esempio). Se Morelli, pur non mattatore per natura, si guadagna il ruolo di protagonista districando in prima persona un po' tutti i problemi creati da una situazione imprevedibile, Ghini si ritrova in un personaggio a lui ormai piuttosto consono, limato dalle esperienze natalizie con De Sica: è il padre della bella Clio (Mastronardi), innamoratasi di Fred (Morelli) che lei crede lavorare in una semplice agenzia di viaggio. Fred è invece il boss della SOS Alibi, agenzia specializzata in coperture per mariti che tradiscono le mogli, affiancato dal fido aiutante nerd (Ballerina) e dal neoassunto Paolo (Ruffini). Coincidenza vuole che uno dei loro clienti sia proprio il padre di Clio (ma Fred scoprirà esserlo solo in un secondo tempo), ansioso di partire per un weekend in Puglia con la giovane amante rapper (Del Bufalo). Fred accetterà di reggergli il gioco, ma un'altra coincidenza vorrà che nel medesimo albergo prendano alloggio sua moglie (Signoris) con la figlia. Insomma, tutti insieme appassionatamente come al solito, con Fred raggiunto lì dai due inseparabili collaboratori pronto a dare il via alla scoppiettante girandola di equivoci e colpi di scena. Nella prima parte il gioco funziona, le battute divertenti non mancano e Calabresi chiamato a fare l'amico depresso della famiglia di Clio calza a pennello nel ruolo, aggiungendo quel tocco stralunato e personale che piace. Poi però, proprio mentre l'ingranaggio, riprendendo in pieno la complessa traccia francese, sembra girare al meglio, si apre un secondo tempo in cui (come nel modello) si esagera, scomodando trovate ingegnose ma accozzate malamente col resto: la Mastronardi si fa fin troppo petulante, Morelli accondiscendente e la coppia Ballerina/Ruffini comincia a mostrare evidenti limiti. Restano la strabordante simpatia della Del Bufalo, oca alquanto credibile, la dolce, buffa grazia della Signoris e un Ghini che continua a giostrarsi bene nel caos generale. E in fondo anche l'ultima parte, in ALIBI.COM a tratti imbarazzante, recupera qui in comicità rendendosi perlomeno potabile e conducendoci a un finale buonista ma spassoso. Fassari uomo di chiesa tifosissimo della Roma ha un paio di buoni momenti che ci fan capire come l'idea poteva essere applicata con ottimi risultati anche escludendo la questione "corna". Non fosse un remake potremmo parlare di commedia fresca e originale, ben strutturata e moderna; ricalcando un modello per molti versi già solido, invece, molti dei meriti scompaiono.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Markus 21/1/19 8:26 - 2770 commenti

Remake di Alibi.com, una commedia francese di successo del 2017. Salvo la verve apportata dagli attori e qualche enfatizzazione dialettale (croce e delizia del nostro cinema), lo sforzo di Volfango De Biasi è minimo: di fatto fa un mero copia-incolla del film di derivazione senza aggiungere nulla di personale. Come il film francese, dopo lo spunto iniziale, si ride a denti stretti. In tal senso questo riedizione si può considerare un'operazione persa in quanto non in grado di correggere il grande difetto del film originario.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Rambo90 30/1/19 21:29 - 5589 commenti

Commedia godibile ed effervescente; benché parta da un'idea presa in prestito, riesce a crearsi una sua identità, soprattutto grazie a un cast ben assortito e in palla. Ghini e Morelli sono a loro agio con questo genere di copioni, mentre i meno dotati Ruffini-Ballerina-Del Bufalo per una volta non sfigurano, strappando anzi grasse risate. Qualche cedimento nella parte finale, con concessioni di troppo alla sguaiatezza (il campo nomadi, la rivelazione di Ruffini) ma tutto sommato un film che intrattiene a dovere.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Gabrius79 20/1/19 1:11 - 1086 commenti

Remake decisamente riuscito di un film francese grazie al lavoro di Volfango De Biasi e a un cast indovinato. Bravi Ghini e la Signoris in ruoli a loro consoni, ma anche la Del Bufalo non è da meno con il suo spirito e la sua freschezza. Morelli fa la parte del leone ma a volte arranca, così come la Mastronardi. Il duo Ruffini-Ballerina diverte e Calabresi, pur comparendo poco, si rende gustoso. Prima parte scoppiettante a fronte di una seconda a tratti debole (in primis le scene al campo rom e Ballerina alla festa in piscina). Gradevole.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)