LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

Per il debutto da protagonista su grande schermo del celebre stand-up comedian Harland Williams, la Disney appronta un buffo film spaziale per adolescenti che in fondo – almeno per il suo pubblico di riferimento – funziona. Le gag non mancano, Williams ha la faccia sufficientemente plastica per lavorare con l'espressività richiesta e la sgangherata missione su Marte qualche battuta azzeccata la centra. Il nostro è Fred Randall, un progettista spaziale accusato di aver sbagliato i calcoli per la simulazione del previsto atterraggio della NASA sul pianeta rosso. In particolare uno (Onorati) dei tre astronauti virtualmente precipitati continua a ripetere che la colpa è di Randall, ma una nuova simulazione davanti...Leggi tutto al computer dimostra il contrario e colpisce in testa, con una macchina giocattolo utile alla prova, proprio il grande accusatore, che finisce fuori combattimento. La missione tuttavia va portata a termine ugualmente nei tempi previsti e la selezione per il terzo astronauta la vincerà proprio Randall, che salirà quindi sullo Shuttle con la bella Julie (Lundy), il comandante Overback (Sadler) e la scimmietta Ulisse. Quest'ultima però, mentre i tre si preparano all'ipersonno (otto i mesi previsti), ruba all'ultimo momento il posto in capsula a Randall costringendolo a un lungo periodo di solitudine sull'astronave. La prima parte del film è dedicata come d'abitudine alla fase di addestramento, durante la quale Randall prevedibilmente supererà brillantemente le prove in modi imprevedibili, la seconda è occupata dal viaggio e l'ultima allo sbarco su Marte e a una sua breve esplorazione. Tre fasi distinte, costruite senza gran fantasia, in cui si lavora soprattutto sulle gag come nei tanti film comici o parodistici strutturati similmente; alcune di esse vanno a segno, altre fan cascare le braccia. Non va però mai dimenticato il target, quindi molto fanno le facce del protagonista e l'abbondanza di slapstick, che naturalmente non può mancare (si veda l'alloggiamento di Randall che si stacca dalla classicissima macchina che gira vorticosamente per simulare la gravità). C'è anche spazio per qualche trovata appena più ragionata, col livello che si alza leggermente (si fa per dire, si resta pur sempre nell'ambito della comicità facile per ragazzi) dal momento in cui il lem poggia i piedini sul pianeta. Certo, magari qualcuno storcerà il naso per un paio di battute volgari, ma anche quelle sono realizzate discretamente e il loro effetto lo sortiscono. Tipicamente d'altri tempi il rapporto tra il protagonista e la piacente  astronauta, così come ovvia è la funzione da mascotte della simpatica scimmietta. Il tutto si può insomma vedere, in attesa delle celebri note di Elton John e della sua “Rocketman” sui titoli di coda.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/08/22 DAL DAVINOTTI

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.