Quell'ultimo ponte

Media utenti
Titolo originale: A Bridge Too Far
Anno: 1977
Genere: guerra (colore)
Note: Il film è tratto da "A bridge too far" del colonnello Cornelius Ryan.
Numero commenti presenti: 10

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 9/02/08 DAL BENEMERITO CAPANNELLE
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Capannelle 9/02/08 12:18 - 3700 commenti

I gusti di Capannelle

Rievocazione del tentativo alleato, fallito, di impadronirsi di alcuni ponti e aprire un varco alle truppe alleate appena sbarcate. Nonostante l'alto budget, motivato dalla parata di star e dalle tante scene d'azione, la pellicola non suscitò grandi emozioni. Non presenta in effetti dialoghi o scene molto avvincenti. Molti attori sono sprecati. Ma è tra quelli di (pura) guerra quello con le migliori ricostruzioni tecniche dei mezzi di guerra, sia aerei che di terra.

Galbo 19/04/09 07:55 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Ambientato in Olanda nel 1944, il film è la storia di un gruppo di soldati alleati che vengono paracadutati ad Arnhem nel tentativo di aprire un varco tra le linee nemiche impadronendosi di alcuni ponti. Il regista Richard Attenborough realizza un film molto curato dal punto di vista tecnico (con scene davvero spettacolari) ma non altrettanto nella caratterizzazione psicologica dei personaggi, che risultano quasi sempre piuttosto scialbi nonostante il notevole cast disponibile.

Daniela 17/02/10 13:50 - 9220 commenti

I gusti di Daniela

Professionale ma poco interessante, a dimostrazione che il dispiego di mezzi, se garantisce una maggiore verosimiglianza nelle scene d'azione, non assicura però un sufficiente coinvolgimento in carenza di una sceneggiatura ben calibrata. Fra le tante star coinvolte, nessuna si ritaglia un proprio spazio nella memoria, figurine di un diorama che non riesce ad appassionare. Anzi, un cast tanto prestigioso, al di là del richiamo pubblicitario, si rivela controproducente, stante lo scarso approfondimento dei rispettivi personaggi.

Nando 30/01/11 12:16 - 3458 commenti

I gusti di Nando

Ispirato ad una cocente sconfitta anglo-americana verificatasi durante la II Guerra Mondiale in terra olandese, il film mostra un cast stellare e di grande rilievo ma non riesce ad emozionare nonostante la grande ricostruzionte scenografica ed i notevoli mezzi utilizzati. Con un cast del genere mi aspettavo non solo una pura ricostruzione cronachistica ma anche un'indagine psicologica.

Tarabas 10/10/12 00:28 - 1687 commenti

I gusti di Tarabas

Storia dell'operazione Market Garden, che avrebbe dovuto consentire lo sfondamento alleato della Linea Sigfrido e la rapida penetrazione in Germania già alla fine del 1944. Un piano troppo rischioso e basato su informazioni non accurate, che consentì ai tedeschi un'ultima vittoria, prima del crollo. Supercast, enorme dispendio di mezzi, ma nessuna vera emozione; un film invecchiato malissimo, che peraltro in tv passa con un metraggio misterioso di 125 minuti (di cui non si trova riscontro) e in un pan & scan sciagurato con colori pastello.

Kriminal 30/12/12 09:41 - 48 commenti

I gusti di Kriminal

Onesto e spettacolare war movie che tuttavia non scade nella retorica né in toni troppo epici e nemmeno nel piagnisteo come spesso succede nei film di guerra. Illustra in maniera netta la bruttezza della guerra e ci svela anche che non fu per niente facile da parte degli Alleati avere ragione dell'esercito della Wehrmacht.

Piero68 20/08/13 08:31 - 2754 commenti

I gusti di Piero68

Se la sceneggiatura non entusiasma e il cast stellare alla fine risulta addirittura dispersivo non si può non dare atto a Attenborough di aver girato un war movie all'epoca impensabile (era il 1977!), sia per dispendio di mezzi che per soluzioni registiche. In un'epoca in cui gli effetti speciali in questo tipo di film erano davvero agli albori il regista regala scene cruente e fa sentire comunque lo spettatore sul campo di battaglia. Non un capolavoro ma, ripeto, va sicuramente apprezzato lo sforzo.

Saintgifts 20/04/15 12:33 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Per l'argomento e per il ricco cast richiama alla mente Il giorno più lungo, di quindici anni prima. Grandi mezzi usati per ricostruire il momento storico e azioni di guerra piuttosto verosimili e realistiche. Di rilievo, oltre alle strategie militari dei due fronti, il rapporto con i civili coinvolti nelle battaglie e il loro generoso apporto. Forse troppo stigmatizzati alcuni personaggi nell'episodio a loro riservato, con l'impressione di voler valorizzare al massimo la notorietà dell'attore in questione. Buon film di guerra.
MEMORABILE: Ave Maria piena di grazia, Ave Maria piena di grazia...

Vito 27/12/15 21:36 - 638 commenti

I gusti di Vito

Grandioso film sull'Operazione Market Garden durante la Seconda guerra mondiale, tra l'altro una battaglia persa dagli Alleati. Quindi una pellicola per nulla retorica e che non celebra onore e gloria ma che porta lo spettatore a riflettere sull'orrore e la ferocia della guerra. Dal punto di vista tecnico la ricostruzione è perfetta: sembra veramente di trovarsi tra le esplosioni, le macerie, la distruzione. Cast stellare.

Lythops 18/07/17 18:09 - 972 commenti

I gusti di Lythops

È un film che, visto oggi, ha sicuramente molto da dire nelle scene d'azione, che costituiscono l'85% del lavoro e fa pensare che oggi girarne uno simile senza ricorrere agli effetti digitali sarebbe impossibile. Al di là di questo si soffre per la mancanza di scavo psicologico, affidato alle espressioni di grandi attori ma sicuramente non alla sceneggiatura. Resta così un'opera divertente "da vedere", ma senza che rimanga particolarmente impressa.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Kriminal • 21/12/12 20:46
    Galoppino - 1 interventi
    Un buon film di guerra che narra di un episodio della fase cruciale della Seconda Guerra Mondiale illustrando la guerra così com'è: una cosa brutta e da evitare. Senza cadere in toni troppo epici e retorici e senza degenerare nel piagnisteo: cosa che spesso succede nei film di tale genere. Da questo films si deduce altresì che per gli Alleati non è stato affatto facile liberare l' Europa dalla morsa del nazismo.