LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/04/13 DAL BENEMERITO DELPIERO89
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Delpiero89 29/04/13 15:26 - 263 commenti

I gusti di Delpiero89

Struggente film ambientato nella Mosca del 1941. Tra i bombardamenti tedeschi si vive l'amore e la separazione di una giovane coppia. Il regista, pur non disdegnando qualche virtuosismo, pone molta attenzione alla quotidianità, alla vita reale, proponendo un film solido e emozionante. Con un inizio da film francese alla Godard, il film si fa poi cupo addentrandosi nel pieno dramma bellico. Ottimi gli attori e le ambientazioni. Palma d'oro al Festival di Cannes del 1958.
MEMORABILE: Il rientro a casa dei due giovani amanti; Il personaggio del padre medico; La scena conclusiva con il ritorno dei soldati.

Rufus68 15/04/16 23:44 - 3421 commenti

I gusti di Rufus68

Dramma della guerra e della separazione, il film risulta, oggi, abbastanza prevedibile. Allora, a renderlo memorabile fu il virtuosismo del regista (basti vedere la scena finale o quella in cui Veronika sale nella casa bombardata) e una inaspettata franchezza (specie nel ritratto degli imboscati, esonerati dal fronte e grassatori della borsa nera): due aspetti che sancirono la diversità della pellicola rispetto ai rigori del realismo socialista. Nei momenti di stanca soccorrono, per fortuna, gli occhi da cerbiatta della Samojlova.

Giufox 21/05/21 16:05 - 236 commenti

I gusti di Giufox

Il dinamismo dei movimenti di macchina è di una valenza espressiva e cognitiva davvero innovativa. Si abbozza una storia d'amore intangibile, enfatizzandola con l'abuso del grandangolare, per poi sfaldarla e salutare il cinema patriottico precedente a colpi travelling condominiali, tradimenti scippati tra le bombe e parallelismi sociali (monologo di Fedor alla camerata). Tra ospedali, paludi e scoiattoli - virtuosismi ascensionali e acrobazie registiche che impongono quelle emotive. E a conti fatti ci si permette di guardare all'avvenire: dopo guerra e miseria che altro si può fare?
MEMORABILE: La marcia nel fango di Boris che fa eco ne "L'infanzia di Ivan" e "Va e vedi"; La panoramica a 360° sulle scale; Veronica che attraversa le folle.

Silvia75 27/11/21 20:35 - 84 commenti

I gusti di Silvia75

Mosca 1941: Vera e Boris sono due teneri innamorati ma i loro sogni e progetti saranno distrutti dalla guerra. Film sovietico con una regia magistrale e molto all'avanguardia: intensi primi piani, carrelli, angolazioni sorprendenti. Accurato nelle psicologie e nelle descrizioni sociali, si avvale di una eccellente protagonista. Vari gli ambienti: le case, l'ospedale, il fronte. Palma D'Oro a Cannes 1958.
MEMORABILE: La regia nella sequenza del tentato suicidio.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.