LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Gli inconveniente del successo: Pecker (Edward Furlong), un ragazzetto di Baltimora con la fissa della fotografia (scatta in continuazione), diventa improvvisamente famoso e scala in un lampo le tappe della celebrità, ma famiglia e amici finiscono col diventare oggetto di odiosa curiosità e i loro loro rapporti col “genio” cominciano a incrinarsi; una favoletta scontata e inconcludente che vale solo per la galleria di bizzarri personaggi che la popolano, retaggio di uno stile che il regista John Waters seppe imporre nel cinema underground conquistandosi un seguito risicato ma entusiasta. Altri tempi, però. Oggi Waters si balocca con le sue piccole follie senza più riuscire a graffiare, diventando quasi...Leggi tutto la parodia di se stesso. Eppure qualche tocco personale resiste orgogliosamente: la “dolce” Chrissie ad esempio, glucosio-dipendente che si strafoga di ogni sorta di dolciumi, o la fidanzatina (Christina Ricci) di Pecker, che gestisce una lavanderia automatica con piglio tirannico. Negativa invece la scelta di un protagonista come Edward Furlong: più adatto a ruoli più “impegnati” (strepitoso lo stesso in AMERICAN HISTORY X) o comunque lontani dall'ironia, campo in cui ha da fare poco o niente. Registicamente PECKER è un film  fiacco, fiacchissimo (come gran parte dei lavori firmati da Waters), che pare seguire l'ispirazione del momento infischiandosene di dare organicità a una sceneggiatura appena abbozzata. Se il film a tratti riesce gradevole è per le invenzioni estemporanee insomma, legate a un mondo di sbandati e disadattati che Waters (di Baltimora) conosce molto bene.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Fele 19/12/07 22:04 - 43 commenti

I gusti di Fele

Il film presenta i soliti eccessi alla JohnWaters conditi, come sempre, da quella leggerezza da bimbo cattivello che permettono all'autore di dire e mostrare qualsiasi cosa, ma senza essere mai veramente perfido.

Supercruel 6/10/08 01:00 - 498 commenti

I gusti di Supercruel

Commedia di Waters interessante dal punto di vista contenutistico e divertente oggetto filmico di per se stesso. Da una parte abbiamo un interessante discorso su arte alta/popolare, kitsch, camp e dell'altra una sceneggiatura - divertente, ritmata, ben sviluppata - che fa prendere vita a personaggi colorati, improbabili, appariscenti. Meno radicale e visivamente trash che in passato, "Pecker" è un Waters che, ad ogni modo, funziona piuttosto bene.

Magnetti 19/03/09 11:36 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Se ci si scopre bravi artisti (fotografi in questo caso), si è della periferia di Baltimora e si vuole monetizzare il talento cosa fare? Andare a New York... salvo scoprire che poi il business dell'arte uccide l'arte, la banalizza, la costringe in clichè insopportabili. Meglio tornare a casa. Il film porta questa parabola in un contesto para-provinciale fatto di personaggi strambi. Una commedia divertente che graffia un pochino. Come si diceva nel film The big kahuna "vivi a New York per un po' ma lasciala prima che ti indurisca".

Giùan 16/09/11 13:50 - 2927 commenti

I gusti di Giùan

È un Waters ormai completamente "addomesticato" quello di Pecker, tanto da arrivar a metter in scena se stesso giovanissimo "pilluccatore", pronto ad immortalar ogni stravaganza da Baltimora a New York. C'è tuttavia da dar atto al Zozzo John che la sua progressiva docilità è stata scelta stilistica coerente, segno di intelligente sensibilità. Fotografia pastosa, colori morbidi, così distanti dallo stile ruvido e naif, evidentemente funzionale, degli anni '70. Lo stesso schema narrativo è ormai classico, eppure son certo John colpirà ancora. È Ok la Ricci.
MEMORABILE: Il covo del pelo; la sorellina "malata" di dolci.

Galbo 14/03/12 16:32 - 11343 commenti

I gusti di Galbo

Gradevole commedia diretta da John Waters che mette un pò da parte lo spirito dissacrante degli esordi per una storia incentrata su una sorta di suo alter-ego. Il film dà al regista la possibilità di una non tanto velata critica al mondo dell'arte e alla sua rappresentazione mediatica. Buona la prova di Edward Furlong, bravo attore che si è un pò perso per strada.

Pinhead80 2/08/15 11:47 - 3884 commenti

I gusti di Pinhead80

L'estro e la follia creativa di John Waters non la conosciamo da adesso. Pur avendo abbandonato le esagerazioni scatologiche di Pink flamingos egli ci presenta una galleria nuova di personaggi bizzarri e interessanti. Furlong è un fotografo che riesce ad avere successo mettendo in mostra foto che ritraggono la propria quotidianità. Waters riesce sempre a trovare il modo più strano per dire le cose ma ci riesce benissimo. I valori della comunità così come l'effimerità del successo vengono servite come ostriche con contorno di scarafaggi.
MEMORABILE: Il fotografo cieco che scatta foto all'impazzata e scalza Pecker come autore del momento.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.