LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/05/20 DAL BENEMERITO LOU
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lou 24/05/20 18:47 - 1034 commenti

I gusti di Lou

Con chiari riflessi autobiografici, la sorella di Lapo e John Elkann debutta alla regia con un film intimista che ripercorre le ansie da bambina legate alla separazione dei genitori. C'è molta tenerezza nel racconto del periodo trascorso dai tre fratelli alle porte di Roma nella casa del padre, uomo disordinato e inaffidabile ma empatico e diretto. Scamarcio è molto calzante nel ruolo, contribuendo a smorzare efficacemente le pretese di autorialità del film.

Zampanò 26/05/20 14:24 - 298 commenti

I gusti di Zampanò

Film dinamico ma indeciso, che per trovare la quadra imbarca tanto, pure la voce off. Elkann, all'esordio, si muove tecnicamente a suo agio. Il busillis resta la piega da prendere e pare una nemesi visto che la difficoltà di sceneggiare è un neo del personaggio-regista (un solido Scamarcio). Ogni direzione degli eventi, più leggera o più drammatica, sdrucciola, non va fino in fondo. Valide restano alcune intuizioni (la religiosità di Seb; il mare d'inverno). Datazione anni 80 per ragioni autobiografiche e poi senza smartphone si gira meglio.
MEMORABILE: La fuga romana della Rohrwacher con Seb.

Galbo 1/06/20 06:55 - 11596 commenti

I gusti di Galbo

La storia di una famiglia disgregata che cerca momenti di unità e intimità, nel debutto di Ginevra Elkann. Un film che manca di una storia "forte", ma che riesce a raccontare bene il quotidiano spesso ozioso di un gruppo familiare, con un tono elegiaco e malinconico che affascina e dimostrando un' indubbia padronanza del mezzo. Nota di merito anche per la direzione degli attori, con una prova impeccabile di Scamarcio e dei tre giovanissimi attori protagonisti. Un debutto promettente.

Ira72 12/06/20 17:19 - 1012 commenti

I gusti di Ira72

Indubbiamente con stile, Elkann esordisce in modo semplice ma non semplicistico nel raccontare una storia di vita comune densa di malinconia. Il quotidiano narrato in modo raffinato, senza grandi guizzi o sorprese come spesso accade nella vita. Forse talvolta potrebbe scivolare nel manierismo non fosse per il bravo Scamarcio che armato di autenticità ne risolleva le sorti. Anche gli altri interpreti sono comunque all’altezza. Il ritmo è pacato (fin troppo) ma la durata contenuta aiuta a seguire bene il narrato fino alla fine. Si poteva evitare forse l’eccesso di dialoghi in francese.

Capannelle 17/06/20 23:52 - 3864 commenti

I gusti di Capannelle

Film abbastanza discontinuo in cui i tre giovani interpreti rubano progressivamente la scena ai più famosi Scamarcio e Rohrwacher. Del resto è anche quanto riserva la sceneggiatura: i due si adeguano con mestiere ma non c'è una grossa evoluzione, nei loro ruoli. Più filanti le storie dei ragazzi, specie gli incontri in loco e le aspettative tipiche di ogni fascia d'età. Lo stile della Elkann c'è ed è già un pregio all'esordio, lascia delle buone sensazioni ma non trova una concretizzazione che rimanga impressa nella memoria.

Pigro 27/06/20 10:04 - 8371 commenti

I gusti di Pigro

Adulti più infantili dei bambini, incapaci del ruolo genitoriale o di rappresentare un modello: è quello che scoprono tre fratelli lasciati dalla madre svagata nelle mani del padre distratto. La narrazione tende a sottrarsi ai canoni e agli stereotipi del cinema familiare, e mette a segno qualche bello spunto, promettente per un’opera prima. Ma la sceneggiatura rimane in superficie evitando affondi più sostanziosi e la (pur buona) regia non lesina trovate argute ma ancora troppo orecchiate da modelli di tendenza. Leziosetto ma comunque sincero.

Paulaster 30/06/20 09:03 - 3112 commenti

I gusti di Paulaster

Figli di separati passano l’estate col padre. Ginevra Elkann narra una cronaca familiare prendendo spunti dalla propria infanzia, osservando le dinamiche di una famiglia non convenzionale mantenendo un occhio benevolo. La prima parte, più descrittiva, racconta il loro “essere fuori posto”; poi il film si fa più arioso con l’entrata in scena dell’ospite. Piccole rese dei conti nel finale, che risultano comunque affettuose. Ambientazione anni 80 solo con lievi rimandi storici (film e canzoni).
MEMORABILE: Vestiti da sci in stazione a Roma; I matrimoni immaginati; La telefonata alla moglie che aspetta un altro figlio; Tutti davanti allo specchio.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Zender • 13/01/21 08:43
    Consigliere - 44453 interventi
    Puoi metterli insieme entrambi Huck, se vuoi.
  • Discussione Zender • 13/01/21 15:09
    Consigliere - 44453 interventi
    Dura però da questo esser certi della cosa...
  • Discussione Huck finn • 13/01/21 15:39
    Galoppino - 358 interventi
    In questo articolo (ma anche altrove in rete) si legge che al film partecipano con due camei anche il padre e il fratello della regista, ossia Alain e John Elkann. Il primo è facilmente identificabile come componente del coro durante la messa ortodossa. Il secondo è meno facilmente identificabile (non viene mai inquadrato da vicino); si tratta probabilmente dell'amico che Carlo (Scamarcio) incrocia al volo sulla porta quando va a portare la sceneggiatura alla casa di produzione.
    Ultima modifica: 13/01/21 18:21 da Huck finn
  • Discussione Zender • 13/01/21 19:13
    Consigliere - 44453 interventi
    Mi son spiegato evidentement male Huck: non volevo che cancellassi le foto, dicevo solo che avevo dei i dubbi sul riconoscimento... Soprattutto il primo fotogramma l'avrei lasciato...
  • Musiche Huck finn • 19/01/21 21:10
    Galoppino - 358 interventi
    La colonna sonora originale è di Riccardo Sinigallia

    Brani della colonna sonora:

    Julio Iglesias - Se mi lasci non vale
    Ricchi e poveri - Sarà perché ti amo
    Davi Vieira - Quando voce
    Giovanni Venosta - Il valzer di Vera Zasulic (Piano solo)
    Umberto Tozzi - Stella stai
    Riccardo Sinigallia - Prima di andare via
    Ultima modifica: 20/01/21 09:37 da Zender