Le moulin maudit

Media utenti
Titolo originale: Le moulin maudit
Anno: 1909
Genere: corto/mediometraggio (colore)
Note: Film a colori. Proiettato a Bologna nel 2009, al Festival internazionale "Il Cinema ritrovato", che vede proiettati ogni anno film risalenti a cento anni prima.

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 27/10/10 DAL BENEMERITO B. LEGNANI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

B. Legnani 27/10/10 00:09 - 5173 commenti

I gusti di B. Legnani

Straordinario corto (meno di sei minuti), colorato a pochoir, di oltre un secolo fa. Storia di amore, di matrimonio di convenienza, di ritorno di fiamma, di tradimento, di vendetta omicida, di pentimento suicida. Il tutto con la presenza ossessiva delle rotanti pale, enormi, visibili pure riflesse nell'acqua, quasi ineluttabili. I personaggi sono spesso figurette schizzate, che paiono uscite da un quadro di Bruegel. Probabilmente è il film che turbò per anni i sonni del drammaturgo Julien Green. Tre anni dopo Machin tornò a filmare mulini. Bellissimo.
MEMORABILE: Notevole il colore a pochoir (come in un coevo documentario e nell'opera del massimo esperto del settore).

Pigro 15/11/10 10:42 - 8754 commenti

I gusti di Pigro

La storia ruspante delle corna al mugnaio e della vendetta di questi nei confronti di moglie e amante è narrata con grande intensità, soprattutto nell'ottimo dialogo tra gli eventi romanzeschi da feuilleton e l'ambiente naturale, fin dalla bella descrizione dell'aia in festa (con una buona fotografia e con la pellicola colorata). Ma ciò che rende assolutamente notevole questo film è l'imponenza terribile delle pale del mulino, che nelle ultime scene sono da brividi, fino all'ultimo riflesso della loro ombra sul canale. Impressionante.

Ciavazzaro 18/11/10 21:00 - 4774 commenti

I gusti di Ciavazzaro

Notevole. Dramma e vendetta si fondono insieme per questo corto, che merita di essere ricordato. Merito dei bravi attori (colui che fa il marito cornuto è molto bravo) e dell'atmosfera che si va creando nel corso dell'opera. Il mulino incombe, inquietante, su tutti i personaggi.

Gugly 21/11/10 22:22 - 1054 commenti

I gusti di Gugly

Lui, lei, l'altro: vendetta e rimorso nella campagna francese del secolo scorso. Notevole corto colorato a mano che trasmette, soprattutto nella seconda parte, il senso di tragedia e di morte, malgrado la velocità a passo ridotto e l'assenza delle voci dei protagonisti. La rabbia del marito esplode e diventa una sola cosa con la presenza incombente del mulino, strumento di punizione impressionante. Finale di purificazione nell'acqua.
MEMORABILE: Le pale del mulino che girano a velocità incredibile per il numero dei fotogrammi proiettati.

Galbo 28/01/18 10:30 - 11853 commenti

I gusti di Galbo

Il mulino del titolo è un elemento importante nella drammaturgia di questo feuilleton d'annata in cui si rappresenta l'ennesimo triangolo tra due uomini e una donna, con il marito tradito che mette in atto una terribile vendetta. Molto ben caratterizzato l'ambiente in cui si svolge la storia, interpretata da attori assai espressivi. In pochi minuti si mette in scena una storia ad alto impatto drammatico e piuttosto credibile. Buono.

Magerehein 16/01/22 12:57 - 220 commenti

I gusti di Magerehein

Rappresentazione davvero interessante; brevissima eppure estremamente intensa, parte ingannevolmente come una banale storia di tradimento coniugale frutto di un matrimonio di convenienza, salvo esplodere poi in una parabola di furiosa rabbia concentrata nella figura dello spiritato mugnaio. Non esiste redenzione né salvezza per nessuno e, alla fine, rimane soltanto il mulino, testimone e contemporaneamente strumento di orrore, a torreggiare su tutto il resto.
MEMORABILE: La vendetta, tanto terribile quanto creativa, del mugnaio; Il mulino in movimento riflesso nell'acqua.

Caesars 16/02/22 17:12 - 3336 commenti

I gusti di Caesars

Di notevole si devono annoverare almeno due elementi: la presenza quasi ossessiva delle pale del mulino, che incombono sui personaggi, e la sapiente tecnica per colorare i fotogrammi. Per il resto ci troviamo di fronte a un melodramma con tutti i crismi del caso: matrimonio per interesse, tradimento, omicidio, suicidio... La resa è comunque notevole e le immagini che Machin offre al suo pubblico sono davvero "potenti". Un buon lavoro che merita sicuramente la visione.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Pigro • 18/11/10 17:46
    Consigliere avanzato - 1578 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    ... il nostro esperto di corti...

    Troppo onore...!
    Comunque questo regista mi ha davvero incuriosito, anche perché a quel che ho capito questo film è stata una deviazione dal suo impegno principale che era il reportage documentario, in particolare nei paesi esotici. Ho provato a spulciare in internet se si trovasse qualcosa dei suoi documentari, ma non ho trovato nulla. Sarei davvero curioso di vedere come ci lavorava, vista la notevole sensibilità dimostrata in un soggetto fiction.
  • Discussione B. Legnani • 18/11/10 18:36
    Consigliere - 14564 interventi
    Pigro ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:
    ... il nostro esperto di corti...

    Troppo onore...!
    Comunque questo regista mi ha davvero incuriosito, anche perché a quel che ho capito questo film è stata una deviazione dal suo impegno principale che era il reportage documentario, in particolare nei paesi esotici. Ho provato a spulciare in internet se si trovasse qualcosa dei suoi documentari, ma non ho trovato nulla. Sarei davvero curioso di vedere come ci lavorava, vista la notevole sensibilità dimostrata in un soggetto fiction.


    Pare che abbia usato anche altre volte i mulini.
  • Discussione B. Legnani • 19/11/10 00:00
    Consigliere - 14564 interventi
    Pigro ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:
    ... il nostro esperto di corti...

    Troppo onore...!
    Comunque questo regista mi ha davvero incuriosito, anche perché a quel che ho capito questo film è stata una deviazione dal suo impegno principale che era il reportage documentario, in particolare nei paesi esotici. Ho provato a spulciare in internet se si trovasse qualcosa dei suoi documentari, ma non ho trovato nulla. Sarei davvero curioso di vedere come ci lavorava, vista la notevole sensibilità dimostrata in un soggetto fiction.


    Presumo che tu l'abbia già letto:
    http://fr.wikipedia.org/wiki/Alfred_Machin
  • Discussione Pigro • 19/11/10 10:46
    Consigliere avanzato - 1578 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Presumo che tu l'abbia già letto:
    http://fr.wikipedia.org/wiki/Alfred_Machin


    Sì, infatti è lì che avevo letto della sua attività di reportage in Africa ecc. Davvero molto interessante, ed è un peccato che si conosca poco, e che soprattutto non ci siano occasioni per vedere facilmente quel che ha fatto.
  • Discussione B. Legnani • 21/11/10 21:40
    Consigliere - 14564 interventi
    Per Gugly, Manfrin, Dusso, Blutarsky.

    Il film di cui si parlava oggi a tavola è questo. Nella scheda c'è il link.
    Ultima modifica: 21/11/10 21:41 da B. Legnani
  • Discussione Gugly • 21/11/10 21:45
    Portaborse - 4666 interventi
    Grazie mille!!!
  • Discussione B. Legnani • 27/01/18 11:02
    Consigliere - 14564 interventi
    Pigro ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:
    Presumo che tu l'abbia già letto:
    http://fr.wikipedia.org/wiki/Alfred_Machin


    Sì, infatti è lì che avevo letto della sua attività di reportage in Africa ecc. Davvero molto interessante, ed è un peccato che si conosca poco, e che soprattutto non ci siano occasioni per vedere facilmente quel che ha fatto.


    Mai disperare.
    https://www.youtube.com/watch?v=slPdI6u_aUc
  • Discussione Pigro • 27/01/18 18:40
    Consigliere avanzato - 1578 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Pigro ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:
    Presumo che tu l'abbia già letto:
    http://fr.wikipedia.org/wiki/Alfred_Machin


    Sì, infatti è lì che avevo letto della sua attività di reportage in Africa ecc. Davvero molto interessante, ed è un peccato che si conosca poco, e che soprattutto non ci siano occasioni per vedere facilmente quel che ha fatto.


    Mai disperare.
    https://www.youtube.com/watch?v=slPdI6u_aUc


    Grazie!!
  • Discussione B. Legnani • 30/01/18 15:41
    Consigliere - 14564 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    Visibile qui:

    http://www.europafilmtreasures.it/fiche_technique.htm?ID=325


    Il link soprastante non funziona più.
    Il film è però visibile qui:
    https://fr.wikipedia.org/wiki/Alfred_Machin
  • Discussione Caesars • 16/02/22 17:04
    Scrivano - 15391 interventi
    B. Legnani ebbe a dire:
    B. Legnani ebbe a dire:
    Visibile qui:
     
    http://www.europafilmtreasures.it/fiche_technique.htm?ID=325


    Il link soprastante non funziona più.
    Il film è però visibile qui:
    https://fr.wikipedia.org/wiki/Alfred_Machin
     La versione linkata da B.Legnani, dura circa 6 minuti.

    qui si può vedere una versione più estesa, contenente una lunga sequenza (in b&n) in più.