Il velo dipinto

Media utenti
Titolo originale: The painted veil
Anno: 2006
Genere: drammatico (colore)
Numero commenti presenti: 15

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 29/12/07 DAL BENEMERITO SUPERVIGNO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Supervigno 29/12/07 23:39 - 229 commenti

I gusti di Supervigno

Trasposizione cinematografica dell'omonimo, bellissimo romanzo di Maugham, è un film sicuramente godibile, grazie alla splendida fotografia e ai bravi attori (protagonisti e non) che lo interpretano. Perde però molto del realismo e della profondità del romanzo, edulcorando la trama in modo da trasformare in una drammatica, ma in fondo consolatoria, storia d'amore quella che era invece la storia - molto più interessante - di una donna che si scontra con i propri limiti, li combatte, ne supera alcuni e impara a convivere con gli altri.

Il Gobbo 30/12/07 11:06 - 3011 commenti

I gusti di Il Gobbo

Tedioso polpettone sentimental-storico dal romanzo di Maugham, di ostinato anacronismo: a che pro fare film così nel ventunesimo secolo? Per carità, tutto a modino, attori bravi (e presenze supercult come la mitica Emma Peel degli Avengers nei panni della madre superiora, e il grandissimo Anthony Wong!), locations suggestive, dècor senza pecche. Eppure, circola un'aria di kolossal della domenica pomeriggio, di anni'50, di David Lean di riporto. Se ne può fare a meno.

Magnetti 6/03/08 18:19 - 1103 commenti

I gusti di Magnetti

Prima parte noia mortale... Soap opera ripulita e ripatinata per il cinema... insomma insopportabile e soporifera. Seconda parte migliore se non altro perché i personaggi di Norton e della Watts acquisiscono un certo spessore e riescono a dare un senso al tutto. Però, arrivati alla fine, ci si accorge di aver aggiunto pochissimo al proprio background cinematografico. Appena appena vedibile.

Harrys 9/03/09 13:53 - 683 commenti

I gusti di Harrys

Anche se alla fin fine si riduce al solito polpettone sentimentale, la ricostruzione storica e l'atmosfera suggestiva che permea l'intera pellicola rende questo film diverso dagli altri del suo genere. Si avvale anche di due attoroni del calibro di Edward Norton e Naomi Watts: il risultato non può che essere soddisfacente.

Saintgifts 30/10/15 09:17 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

Location cinese ruffiana, ma potrebbe essere stata scelta per accentuare il dramma del colera su uno sfondo naturale paradisiaco, oppure come metafora di un amore coniugale, che visto dal basso sembra gretto e rancoroso, ma che alzando lo sguardo si rivela poi intenso e vero. Fatto sta che a me il film è piaciuto, anche se ricalca una falsariga del passato, o forse proprio per questo. Da non dimenticare l'altro amore vero dell'uomo buono Townsend e nemmeno la figura della madre superiora. Finale adattato con bambino scelto bene. Brava la Watts.

Nando 19/10/10 23:14 - 3584 commenti

I gusti di Nando

Melodrammone con ambientazione cinese anni venti che vede un inizio in flashback di una coppia spezzata dal tradimento di lei. Nella seconda parte la tragica e particolare location, un villaggio infestato dal colera, porterà al ritorno di fiamma. Belle le immagini coadiuvate da un'interessante colonna sonora. La narrazione è abbastanza lineare e trova buona linfa dai bravi interpreti.

Galbo 27/01/11 05:52 - 11702 commenti

I gusti di Galbo

Dramma sentimentale ambientato tra Inghilterra e Cina e tratto da un romanzo di Maugham. Piuttosto fedele al romanzo (tranne che per il finale), il film prende poco nella prima parte, dove si assiste ad una quasi calligrafica descrizione della società dell’epoca ma si “riscatta” nella seconda che mette maggiormente a fuoco le motivazioni e i caratteri dei personaggi. Buona la ricostruzione ambientale e la prova del cast.

Pigro 1/01/12 10:01 - 8521 commenti

I gusti di Pigro

Un paesino cinese sperduto devastato dal colera: lì, un medico e la moglie che dall’odio reciproco ritrovano l’amore. Drammone sentimentale capace di evitare il mélo, non solo grazie all’immersione in un contesto altamente suggestivo (il territorio, l’epidemia, il clima nazionalista-rivoltoso) ma anche grazie alla sensibilità con cui si riescono a descrivere gli slittamenti dei sentimenti, sorvolando sui dettagli da feuilleton e puntando all’asciuttezza. Film di classe, con un sapore da cinema d’altri tempi, rinvigorito da uno sguardo moderno.

Redeyes 2/01/12 10:11 - 2268 commenti

I gusti di Redeyes

Drammone del meriggio. Il limite, ed un po' anche la fortuna, è che si sviluppa esattamente come ti potresti aspettare. E quindi con due bravissimi protagonisti e cioè con una colata di miele a margine di altrettanto fiele. Non è certamente uno di quei film che t'entusiasmano ne che ti fanno piangere ma nemmeno ti tediano. Molto belli i paesaggi. Passabile.

Myvincent 8/04/12 08:29 - 2958 commenti

I gusti di Myvincent

Una donna ordinaria, ma che non finge di essere altro, sposa senza amore un uomo che col tempo impara ad apprezzare, ma solo quando è troppo tardi. La morale del film è tutta qui, gli scenari esotici e i costumi fanno il resto in questa pellicola di medio consumo con attori che s'impegnano fino in fondo e una qualche ragione, dunque, per lasciarsi vedere.

John Curran HA DIRETTO ANCHE...

Daniela 17/12/12 08:13 - 10782 commenti

I gusti di Daniela

Donna inglese trapiantata in Cina diventa l'amante di un diplomatico, salvo poi comprendere il valore del marito, un medico che si prodiga per combattere un' epidemia di colera... Trasposizione di uno dei romanzi meno felici di Maugham. abbastanza fedele (epilogo a parte), sontuosa nella forma grazie alle belle ambientazioni naturali ma modesta nella sostanza e banalizzata rispetto al testo di origine. Eccellente il cast di contorno (Jones, Wong, Rigg) mentre convincono meno i due protagonisti, in particolare Watts. Comunque si fa vedere.

Vitgar 9/10/14 13:32 - 586 commenti

I gusti di Vitgar

Bella ambientazione e buona regia per un film che pur con tanti cedimenti e un'eccessiva lunghezza si lascia vedere. Un finale molto prevedibile per una storia di immaturità e di leggerezza nel confrontarsi con gli altri. Kitty è una ragazza "mediocre", viziata che comincia a capire qualcosa della vita quando è tardi. Bravi gli interpreti. Ottima la colonna sonora di Desplat, che deve molto all'impressionismo di Debussy.

Frankpast 21/07/16 19:47 - 3 commenti

I gusti di Frankpast

Film/dipinto (e non solo per il titolo). Colori pastello inglesi vs tinte eliotrope cinesi. Una Watts convincente, strenuamente impegnata a gestire una storia elaborata ma poco strutturata. La trama è da romanzo Harmony ma, il film alla fine appassiona. L'intento "didattico" si fonde con costruzioni storiche abbozzate. Il film è impreziosito da una colonna sonora leggera, emotiva. Una canzoncina francese per bambini si arricchisce di una triste solennità che vale la pena provare. Sorpresa.

Pinhead80 3/08/18 22:11 - 4156 commenti

I gusti di Pinhead80

Nella Cina degli anni Venti un batteriologo sposa una donna in cerca di emancipazione dalla famiglia, che però non lo ama. Finiranno per scoprire entrambi di essere più vicini di quanto credevano. Una storia d'amore molto delicata dove il sentimento affiora nel tempo tramite la conoscenza, la scoperta della propria imperfezione, la sofferenza. Notevoli sia la fotografia che l'interpretazione dei due protagonisti.

Didda23 3/02/20 14:54 - 2324 commenti

I gusti di Didda23

Una discreta opera del filone sentimentale con una prima parte un filo troppo convenzionale ma che si riprende nell'intensa parte conclusiva, nella quale le anime dei due protagonisti si avvicinano. La ricostruzione ambientale rispetta tutti i crismi del caso, anche se sono gli scorci naturalistici a impressionare maggiormente. Cast corretto con prove routinarie della coppia di amanti Watts-Schreiber, mentre Norton fornisce una prestazione altamente sopra la media. Regia di stampo classico che segue la vicenda senza troppi sussulti formali.
MEMORABILE: Norton che decide di non aprire la porta per scoprire l'adulterio; La proposta di Norton; L'avvicinamento nella parte conclusiva.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Buiomega71 • 10/09/20 16:23
    Pianificazione e progetti - 23212 interventi
    E' mancata Diana Rigg
  • Discussione Von Leppe • 10/09/20 18:07
    Call center Davinotti - 984 interventi
    Volto noto sia in televisione che al cinema, la ricordo soprattutto in "Oscar insanguinato"
  • Discussione 124c • 11/09/20 01:00
    Risorse umane - 5174 interventi
    Per me, sarà sempre la signora Emma Peel, una prece.
  • Discussione Caesars • 11/09/20 09:16
    Scrivano - 13855 interventi
    R.I.P.
    Ha recitato in moltissimi film, ma io per me rimane indissolubilmente legata alla serie "Agente speciale"
  • Discussione Didda23 • 11/09/20 09:33
    Comunicazione esterna - 5754 interventi
    Più recentemente ha avuto un ruolo notevolissimo ne Il trono di spade. Lady Olenna ci mancherai...