Il terrore del silenzio

Media utenti
Titolo originale: Hush
Anno: 2016
Genere: horror (colore)
Numero commenti presenti: 18

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/07/16 DAL BENEMERITO HERRKINSKI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Galbo 15/10/17 09:06 - 11346 commenti

I gusti di Galbo

Numerosi i film su portatori di handicap vs maniaci/serial killer/delinquenti vari. Nel mucchio questo è una delle pellicole più riuscite: merito anzitutto di una protagonista bella “tosta”, ben interpretata da un’attrice dalla buona performance interpretativa e fisica. Buona ambientazione che sfrutta bene gli spazi e montaggio serrato e incalzante con una durata ideale per evitare gli eccessi.

Herrkinski 26/07/16 22:35 - 5041 commenti

I gusti di Herrkinski

Il tema di una persona con handicap (in questo caso una sordomuta) in balia di un killer non è certo nuovo nell'ambito thriller/horror, così come l'assedio in casa e il clima claustrofobico da survival; negli ultimi anni se ne sono viste tante varianti ma comunque il film si eleva parzialmente sopra la media grazie a una buona costruzione della tensione, a qualche twist riuscito e alla notevole interazione tra chi interpreta vittima e carnefice; mantenere l'attenzione dello spettatore con soli 15 minuti di dialoghi in tutto non è cosa da poco.

Ryo 15/12/16 13:11 - 2169 commenti

I gusti di Ryo

Molto piacevole. Inizia come uno slasher poi diventa, praticamente per tutto il film, un "uno contro uno". L'originalità alla base della trama sta nella protagonista sordomuta, incapace di urlare ma sopratutto di sentire l'assassino. È un'ottima deviazione del genere che, sulla carta, per l'assassino renderebbe tutto molto più semplice. Apprezzabile anche il rimando all'interno del film, alla difficoltà della protagonista, scrittrice, che non riesce a trovare un finale per il suo libro scrivendone ben sette.

Hackett 20/02/17 17:43 - 1721 commenti

I gusti di Hackett

Thriller "dell' intruso" come ce ne sono stati tanti, partendo da Terrore cieco per arrivare a Them. Il prolifico regista Flanagan (tre film in un anno!) riesce comunque a capitalizzare al meglio una sceneggiatura esile e ritrita confezionando un coinvolgente thriller che non lascia tregua allo spettatore. Ottima l'interpretazione di Kate Siegel.

Mutaforme 16/03/17 18:12 - 392 commenti

I gusti di Mutaforme

Buon thriller che non si discosta molto dai classici di genere se non per l'assenza di dialoghi in molti tratti del film. La protagonista è infatti sordomuta e questo non può far altro che rendere ancora più agghiacciante la vicenda. Breve quanto basta per non far scendere mai la tensione. Non male.

Kinodrop 11/06/17 20:08 - 1465 commenti

I gusti di Kinodrop

La protagonista del thriller è una giovane scrittrice sordomuta che vive in una abitazione isolata (che sembra fatta apposta per essere il teatro di gratuita violenza maniacale). Difatti uno sconosciuto mascherato si presenta armato di balestra e di cattivissime intenzioni. Pochissimi dialoghi (ovviamente), molta penombra e claustrofobia e bei momenti di tensione. Regia realistica che rifugge da ogni eccesso drammatico (vedi le scene più cruente).
MEMORABILE: Il killer che bussa alla finestra usando la mano della morta; Il killer un po' maldestro; Le astuzie di Maddie.

Il ferrini 13/06/17 23:22 - 1665 commenti

I gusti di Il ferrini

La bella Kate Siegel, che Flanagan scritturò anche per Ouija, è la protagonista sorda di questo insolito thriller che nonostante qualche ingenuità riesce a creare una discreta tensione. Il killer, che gioca al gatto col topo, è Gallagher Jr, più a suo agio come buono in 10 Cloverfield Lane (e infatti avrebbe fatto bene a indossare la maschera fino alla fine). Dialoghi, come si può immaginare, ridotti all'osso ma la cosa non inficia la bontà del film, che può vantare anche una bella fotografia e una location (l'unica) piuttosto azzeccata. Buono.

Puppigallo 14/06/17 11:02 - 4499 commenti

I gusti di Puppigallo

Niente di particolarmente nuovo sul fronte psicopatici; e se la protagonista è sordomuta non è detto che, per par condicio, lo spettatore debba essere reso ipovedente (troppo buio; c'è un limite anche all'atmosfera). Ma nonostante ciò, questa pellicola non è male, grazie a una protagonista in parte e a un pazzoide che, inevitabilmente, la spingerà al limite e oltre. Il sangue scorre, le vittime non mancano; e il collegamento, varie opzioni, con il dono della scrittrice, che elabora diversi finali, è apprezzabile.
MEMORABILE: "Quando vorrai solo essere morta, io entrerò in casa; L'amica "bussa" alla finestra; Il corpo a corpo con handicap di stazza annullato.

Daniela 13/07/17 20:53 - 9226 commenti

I gusti di Daniela

In una casa isolata, donna sola con grave handicap è presa di mira da assassino seriale sadico... Plot già visto molte volte e la variante "sordomuta" in luogo della più usuale "cieca" non sarebbe sufficiente di per sé a renderla maggiormente interessante: se il film scorre bene nella sua breve durata, lo si deve alla gestione abile del racconto, al ritmo sostenuto, alla buona prova dei due interpreti. Siegel è tosta ma credibile, Gallagher Jr. ha un aspetto a prima vista rassicurante, il che rende ancora più nefando il suo comportamento. Qualche incongruenza, ma trascurabile.
MEMORABILE: La mano della morta usata come battacchio

Homesick 27/10/17 13:50 - 5737 commenti

I gusti di Homesick

Dalle menomazioni de La scala chiocciola e Gli occhi della notte al maniaco irridente del prologo di Scream i precedenti si sprecano; e anche la conduzione della gracilissima storia è un ricalco pedissequo dei logori schemi thriller della vittima braccata dal suo indistruttibile carnefice, atti a cercare di mettere a dura prova i nervi dello spettatore. Le proposte di variazione - i possibili diversi esiti della vicenda immaginati dalla protagonista sordomuta e gli incastri con il libro che sta scrivendo - non hanno seguito. Sangue e sadismo abbondante, come regola impone.
MEMORABILE: Il messaggio alla fine del libro.

Pesten 26/08/18 10:12 - 632 commenti

I gusti di Pesten

Negli ultimi anni sono usciti parecchi plot su portatori di handicap presi di mira da psicopatici, ma i risultati si son rivelati più o meno scadenti. Questo è forse uno di quelli che si salva dalla disfatta generica grazie a un ritmo bene o male sempre serrato che lascia rari momenti di pausa (ben utilizzati) e una serie di eventi che, per quanto inverosimili, non superano mai la linea sottile tra l'estremo e il ridicolo. Molto buono l'utilizzo della violenza, centellinata ma precisa e dignitoso il lavoro dei due protagonisti principali.
MEMORABILE: La scena della mano.

Anthonyvm 4/11/18 23:34 - 1795 commenti

I gusti di Anthonyvm

Classico thriller di suspense minimalista, in cui l'idea di base è più promettente dell'effettivo sviluppo. Non è facile mantenere vivido e attivo l'interesse dello spettatore quando i colpi di scena scarseggiano e la location è una sola, ma certi film riescono meglio di altri. Questo "Hush" ha un setup validissimo e alcune sequenze vincenti, ma la parte centrale soffre di qualche lentezza e il killer getta la maschera troppo presto (sarebbe stato meglio celarne l'identità del tutto). Bello comunque l'ultimo quarto d'ora. Piacevole, non di più.
MEMORABILE: La prima apparizione dell'assassino; Il cadavere dell'amica che bussa alla finestra; La resa dei conti finale, senza esclusione di colpi.

Taxius 29/01/19 02:00 - 1643 commenti

I gusti di Taxius

Scrittrice chiusa dentro una casa persa nel bosco e senza possibilità di comunicazione e maniaco assassino fuori dalla porta che non vede l'ora di farla a pezzi. La storia sa di già visto ma c'è un piccolo particolare che la rende interessante e diversa dal solito: la donna è sordomuta. Thriller horror dai buoni ritmi e con una discreta presenza di sangue che si regge tutto sulla buona prova dei due protagonisti. Sicuramente non uno di quei film che resterà nella memoria, ma assolutamente un buon passatempo, vista anche la sua breve durata.

Rufus68 4/07/19 22:12 - 3050 commenti

I gusti di Rufus68

Dopo mezzo secolo da Gli occhi della notte, gli sceneggiatori si saranno chiesti quale menomazione potessero inventarsi: olfatto? Gusto? Non gli rimase che il sordomutismo. E così fu. Horror (?) fatalmente tedioso (da pennica nella prima mezz'ora), scioccamente inverosimile (si pigliano scariche di botte, ma ci si rialza in piedi, sempre), con un cattivo spaventevole e carismatico quanto una tellina. Anche la controparte, però, è assolutamente anonima. Deprimente robetta seriale.

Gestarsh99 7/08/19 16:56 - 1315 commenti

I gusti di Gestarsh99

Fra Bertino campanaro fa sentire i suoi sord(omut)i rintocchi anche in quest'altro para-thriller d'assedio, imbardato di tutto punto per poter mettere l'invalida protagonista nella peggiore delle situazioni escogitabili da un organizzatore di incontri al buio incline al sadismo. L'oculato Flanagan, tutt'altro che fesso, va sul sicuro giocando con l'usato senza troppo affannarsi: scrittrice in ritiro, cellulari inservibili, balestrieri onnipotenti, cosce ferite strette con pezze emostatiche e un casale nella foresta degno di Moreau e Palud. Non è un buon favore per chi dal genere esige novità.
MEMORABILE: Il killer che frattura sadicamente le dita della mano alla povera Kate Siegel...

Pinhead80 15/09/19 13:31 - 3895 commenti

I gusti di Pinhead80

Una scrittrice sordomuta decide di vivere in un posto isolato dal resto del mondo per cercare ispirazione per il suo prossimo libro. L'orrore verrà a bussare a casa sua sotto forma di un serial killer. Horror claustrofobico a causa della menomazione della protagonista, che rende l'atmosfera ancor più disturbante. Il film riesce a reggere bene grazie all'espediente del gioco gatto-topo tra vittima e carnefice. Ben realizzata la scena in cui viene assassinata la vicina della protagonista proprio di fronte alle vetrate della cucina.

Minitina80 22/12/19 08:25 - 2304 commenti

I gusti di Minitina80

Nulla di nuovo sotto il sole perché horror di questo tipo ne sono stati realizzati parecchi. Si tratta del classico gioco del gatto con il topo e nulla più, ragion per cui in alcuni momenti l’attenzione viene meno a causa di una stasi di fondo che non riserva particolari sorprese. Punta esclusivamente sulla tensione, mentre di un eventuale approfondimento psicologico o narrativo non se ne parla minimamente. Per qualcuno potrebbe essere poco, malgrado sia diretto con mestiere e la durata sia di poco inferiore alla media.

Pumpkh75 7/07/20 15:49 - 1299 commenti

I gusti di Pumpkh75

Qualche dubbio di fondo (che ci fa la Siegel, sorda e muta, sperduta nel bosco alla mercè di chiunque?), ma anche una tensione più discreta, merito più dei duetti tra il gatto e il topo che dell’effettiva attrattiva della storia, invero moderata vista la non particolare originalità dello script. Per avere un cast così ridotto, il lato horror non è poi così parco. Flanagan conferma di avere diverse frecce al proprio arco ma ancora non ha tirato fuori il capolavoro. Quanto a fama e gloria, "Hush" continuerà ad essere solo una canzone dei Deep Purple.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.