Il mistero di Wetherby

Media utenti
Titolo originale: Wetherby
Anno: 1985
Genere: drammatico (colore)
Regia: David Hare
Note: Orso d'Oro al Festival di Berlino 1985.
Numero commenti presenti: 3

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/07/10 DAL BENEMERITO STEFANIA
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Stefania 20/07/10 04:57 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

Poche parole, intrise di un ingenuo e radicale pessimismo adolescenziale, poi il ragazzo, John, si spara a una tempia, sotto gli occhi di Jean, insegnante incontrata ad una festa la sera prima. Dramma vagamente pinteriano, (lo sconosciuto che pare conoscerti: passato che ritorna o futuro che si annuncia? Minaccia o salvezza?), ma il film è fin troppo verboso ed esplicito nel far emergere ombre, ricordi, disordini di vite ordinate, e nel palesare la distanza, forse irriducibile, tra il fragile idealismo della gioventù e il rassegnato disincanto della maturità. Notevole, comunque.
MEMORABILE: "Chissà perché proprio a casa tua, di fronte a te..." "Forse perché chi è solo riconosce chi è solo...".

Daniela 18/07/18 23:01 - 9226 commenti

I gusti di Daniela

Il suicidio di un giovane turba una matura insegnante: mentre tutti si chiedono cosa lo abbia spinto ad effettuare un gesto tanto violento davanti ad una donna appena conosciuta, lei è costretta a fare i conti con dolorosi ricordi di tanti anni prima... Il drammaturgo David Hare passa alla regia mettendo in scena una sua piéce: l'impianto teatrale si palese soprattutto nella prevalenza dei dialoghi, ma non pesa, veicolato com'è da un cast di alto livello e da una confezione impeccabile. Un film raffinato ed elegante, impreziosito dagli struggenti flashback di un amore giovanile.

Cotola 21/04/19 19:21 - 7459 commenti

I gusti di Cotola

Dramma britannico di chiara origine ed impostazione teatrale: non a caso è tratto dalla piéce di un drammaturgo. Un po' statico lo è, nemmeno troppo, ma riesce però a mantenere un buon grado di interesse verso le vicende trattate: in primis, ovviamente, sul movente che spinge il protagonista a fare quello che fa, davanti alla Redgrave. Buona la sceneggiatura che sa intrecciare bene i diversi piani temporali, sebbene ciò non sia determinante a svelare il mistero del titolo. Anzi: il finale lascia tutto un po' sospeso. Ottimo il cast. Più affascinante che bello.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Stefania • 20/07/10 17:18
    Portaborse - 606 interventi
    Mi piace sottolineare la presenza, in questo film, di Judy Dench, che molti anni dopo ritroveremo co-protagonista di "Diario di uno scandalo". Qui, accanto all'interpretazione compostamente dolente e magnifica della Redgrave, non sfigura la sua, di grande finezza, affascinante e sicura in difficili dialoghi.
  • Curiosità Buiomega71 • 8/11/14 10:24
    Pianificazione e progetti - 21765 interventi
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (Ciclo: "Scacco alla regina", 16 gennaio 1987) di Il mistero di Wetherby:

  • Discussione Zender • 8/11/14 12:02
    Consigliere - 43440 interventi
    Buiomega71 ebbe a dire:
    Direttamente dall'archivio privato di Buiomega71, il flanetto di Tv Sorrisi e Canzoni della Prima Visione Tv (Ciclo: "Scacco alla regina", 16 gennaio 1987) di Il mistero di Wetherby:


    Bravo Buio, sei diventato un asso nel trovare le date delle prime sull'archivio Stampa! Complimenti! Non credo tu sia ancora in grado di far eventuali ricerche incrociate anche sull'Unità come il superspecialista Didda, ma per adesso pare non servire :)
    Ultima modifica: 8/11/14 12:03 da Zender
  • Curiosità Daniela • 18/07/18 22:23
    Consigliere massimo - 5072 interventi
    Joely Richardson è Jane nei flashback in cui si vede la protagonista da giovane. Jane è interpretata da Vanessa Redgrave, ossia la vera madre di Joely Richardson e questo spiega la notevole somiglianza tra le due.

    In una delle prime sequenze, la giovane Jane dice alla madre di aver visto un film: "Orson Welles che ammazza tutti quei bambini. Per fortuna lo fanno fuori alla fine". Il film a cui fa riferimento è ovviamente Il terzo uomo.
  • Discussione Cotola • 21/04/19 19:26
    Consigliere avanzato - 3619 interventi
    Non una critica ma una curiosità:
    leggo la trama riportata da Tv sorrisi e canzoni e trasecolo. L'uomo non viene affatto trovato morto ma si suicida davanti alla Redgrave. Ciò conferma il mio dubbio che spesso chi scriveva queste sinossi, il film nemmeno lo aveva visto ma riportava, prendendo da chissà dove.
  • Discussione Buiomega71 • 21/04/19 19:32
    Pianificazione e progetti - 21765 interventi
    Cotola ebbe a dire:
    Non una critica ma una curiosità:
    leggo la trama riportata da Tv sorrisi e canzoni e trasecolo. L'uomo non viene affatto trovato morto ma si suicida davanti alla Redgrave. Ciò conferma il mio dubbio che spesso chi scriveva queste sinossi, il film nemmeno lo aveva visto ma riportava, prendendo da chissà dove.


    Quasi sicuramente, se si leggono alcune schede sull'eminente Il Farinotti ne è quasi l'apoteosi di trame errate e inesatte
  • Discussione Cotola • 22/04/19 00:52
    Consigliere avanzato - 3619 interventi
    Hai perfettamente ragione: anche lì si trovano svarioni davvero incredibili.
  • Discussione Daniela • 22/04/19 09:26
    Consigliere massimo - 5072 interventi
    Se per questo, svarioni riguardanti le trame si trovano un poco dappertutto, compresa Wikipedia dove almeno è possibile intervenire per correggere l'errore.