Due fuggitivi e mezzo

Media utenti
MMJ Davinotti jr
Titolo originale: Les fugitifs
Anno: 1986
Genere: commedia (colore)
Note: Aka "2 fuggitivi e mezzo".
Numero commenti presenti: 4
Papiro: cartaceo

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Almayer 16/10/07 10:21 - 169 commenti

I gusti di Almayer

Terzo film della saga di Francois Pignon (ideata da Francis Veber), sorta di Fantozzi d'oltralpe. Perfetto abbinamento in stile Stanlio e Ollio. Depardieu è un famoso ladro, ma appena uscito di prigione ha la sfortuna di imbattersi in Richard-Pignon... Gag assicurate soprattutto nella prima parte, ma Veber c'inserisce anche qualche scena strappalacrimuccia. Pur preferendo altri film della serie, anche solo la prima mezz'ora vale il prezzo del biglietto. Spettacolare Michel Blanc (Il Mostro) nel ruolo di un dottore ubriaco.

Galbo 26/02/08 07:25 - 11381 commenti

I gusti di Galbo

Riuscita commedia di produzione francese (ne è stato realizzato un remake americano) Due fuggitivi e mezzo è frutto di una felice sceneggiatura, buona combinazione di commedia, farsa, un accenno di poliziesco e trame sentimentali. Il film diretto da Veber con grande senso del ritmo si avvale di un cast in cui i due attori principali appaionio estremamente affiatati e in grande forma.

Daniela 16/03/09 16:19 - 9375 commenti

I gusti di Daniela

L'idea di partenza - con il rapinatore dilettante che prende come ostaggio proprio un professionista del furto - e l'affiatamento della coppia formata dal rude Depardieu e dallo sfigato lagnoso Richard garantiscono per buona parte della pellicola una bella dose di divertimento, cui dà il proprio contributo anche Michel Blanc in una buffa caratterizzazione. Poi il tono inclina sul lacrimevole e il divertimento cala, anche se la commedia resta piacevole. Ancora più riuscito il remake americano girato dallo stesso Veber tre anni dopo,

Disorder 23/07/14 15:10 - 1408 commenti

I gusti di Disorder

Quella del "cattivo" che si improvvisa angelo custode e salvatore del "buono" deve proprio essere un'idea fissa del cinema francese (Luc Besson ci ha costruito sù una carriera). Il film appare oggi un po' ingenuo e datato ma ancora divertente, grazie soprattutto a un Depardieu davvero simpatico e indovinato per il ruolo. All'epoca deve avere avuto un certa risonanza, tanto da meritarsi un diligente remake americano (curiosamente realizzato dallo stesso regista). Niente male.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Zender • 14/06/17 14:32
    Consigliere - 43497 interventi
    Dalla collezione "Sorprese d'epoca Zender" il flano del film: