LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 25/09/15 DAL BENEMERITO LUCIUS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lucius 25/09/15 00:50 - 2968 commenti

I gusti di Lucius

L'incredibile mole di filmati inediti su Amy montati sapientemente forma un cerchio concentrico, quello della breve e intensa vita di una delle più grandi interpreti del mondo. Un documentario scioccante, emozionante, denso di rivelazioni, in grado di scavare nel profondo di questa giovane ma immensa personalità, sia dal punto di vista professionale che da quello umano. Una visione assolutamente imperdibile che travalica il pubblico per approdare nel privato per un ritratto a tutto tondo. Ciao Amy.

Herrkinski 13/11/15 04:04 - 6935 commenti

I gusti di Herrkinski

Filmati personali inediti, interviste con amici, colleghi, ex-fidanzati, familiari e crew lavorativa per tracciare un ritratto rispettoso ed emozionante di una cantante dal talento naturale raro, vittima (come altri grandi artisti) della popolarità e della propria fragilità. Ben fatto il montaggio cronologico, riuscite le interviste off-screen; uno sguardo dall'inizio alla fine nella vita di Amy tra successi, dolori, parentesi agrodolci e testimonianze affettuose, oltre che spezzoni di esibizioni canore struggenti. Si rischia la lacrimuccia...

Paulaster 11/11/15 17:55 - 3761 commenti

I gusti di Paulaster

Quando una superstar ci lascia le penne a 27 anni (età malefica per il rock) per sua stessa autodistruzione, quale occasione migliore per un biopic? Immagini private anche impietose e corollario di predatori come il padre e il marito per chi si dice avesse il destino segnato. Per fortuna la musica abbonda e il talento pure, specie nell’inedita età adolescenziale. Un’operazione verità che punta troppo il dito sulle debolezze, meno su chi ha avuto responsabilità dirette.
MEMORABILE: Il duetto con Toni Bennett.

Galbo 19/04/16 05:42 - 11930 commenti

I gusti di Galbo

Cristallino talento musicale ma personaggio di estrema fragilità emotiva, Amy Winehouse ha avuto una carriera rapida ma intensa interrotta da una morte troppo precoce. Il documentario a lei dedicato è certamente esaustivo dal punto di vista iconografico e contiene delle esibizioni musicali (non molte purtroppo) di assoluto valore. Come era tuttavia purtroppo facile attendersi, il film non rinuncia ad un occhiata "dal buco della serratura" che viola il privato dell'artista non aggiungendo nulla dal punto di vista documentale.  

Disorder 19/08/18 17:28 - 1414 commenti

I gusti di Disorder

Col senno di poi, le avvisaglie della sua tragica fine c'erano davvero tutte e appare incredibile che nessuno sia riuscito a strappare la povera Amy da una morte che era ormai praticamente annunciata. Il documentario è impietoso nel mostrarci la debolezza emotiva di quest'artista (probabilmente la più grande performer femminile dei suoi anni) e forse calca un po' troppo la mano nel descrivere la meschinità di alcune persone, ma è comunque interessante soprattutto per la notevole mole di materiale audiovisivo. Nel complesso buono.

Marcolino1 11/02/20 17:48 - 553 commenti

I gusti di Marcolino1

Il ritratto impietoso della crudeltà e della superficialità del mondo dello spettacolo e il dietro le quinte, luogo della vita reale: con questa dicotomia il documentario si stacca dal concetto di biografia tradizionale. Il montaggio equilibrato delle immagini di repertorio, privo di quei sensazionalismi nei quali ci si potrebbe imbattere con facilità in storie "difficili" come questa, fa emergere l'anima-voce come unica ragione dell'esistenza, cancellando la stupidità del divismo e un corpo-involucro fragile, che svanisce con un senso di malinconia.
MEMORABILE: La mancanza costante di punti di riferimento per Amy e la sua solitudine di fronte alle problematiche; Le battute crudeli su Amy nei talk-show in tv.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Mco • 25/11/15 22:12
    Scrivano - 9935 interventi
    In dvd e blu-ray dal 4 dicembre 2015 per Nexo Digital.
  • Discussione B. Legnani • 2/01/16 00:32
    Consigliere - 14696 interventi
    E' mancata Natalie Cole.
  • Curiosità Zender • 29/02/16 08:52
    Pianificazione e progetti - 46214 interventi
    Oscar 2016 come miglior documentario.