DISCUSSIONE GENERALE di Devil

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Buiomega71 • 19/04/13 10:45
    Pianificazione e progetti - 24141 interventi
    Il diavolo non fà solo le pentole, ma dirotta pure gli ascensori.

    Praticamente la copia carbone del sottovalutato (e misconosciuto) thriller claustrofobico tedesco Out Of Order del regista elvetico Carl Schenkel, dove 4 persone rimanevano intrappolate nell'ascensore di un complesso per tutta la durata del film, con tensioni in crescendo e l'inevitabile scontro dovuto alla forzata "convivenza".

    In Devil c'è la stessa intelaiatura (e francamente L'ascensore di Dick Maas c'entra poco o nulla), a diversificarlo l'odore di zolfo del "satanic movie", che entra prepotentemente con suicidi stile Il presagio con tanto di rosario stretto nella mano, subliminali (ma mica poi tanto) faccioni demoniaci sul monitor della security (Pazzuzu docet), racconti e superstizioni di religiossissimi messicani e disvelamento finale di satanasso in persona, davvero ben reso e comunque sorprendente (anche se la sorpresina finale e mutuata dal primo Saw).

    Il tutto incorniciato in una plumbea e minacciosa Philadelphia (che sembra che l'apocalisse debba esplodere da un momento all'altro), splendidamente resa dalla fotografia di Tak Fujimoto.

    Buona resa della caratterizzazione dei 5 personaggi (molto poco simpatici) rinchiusi nell'ascensore per l'inferno: Una vecchia cleptomane che gira con uno spray al peperoncino scaduto nel 1987!; una nevrastenica truffatrice di ereditieri; un rappresentante di materassi da fucilazione immediata che ha messo sul lastrico diverse famiglie, come i furboni sgamati dalle Iene, un giovane reduce della guerra in Afghanistan e il violento addetto alla security che guarda caso e nero e che guarda caso si chiama Ben (di Notti romeriane), tutte mele più o meno marce, e uno di loro e il diavolaccio in persona e desidera prendere queste anime poco candide con sè.

    La tensione regge bene per tutti gli scorrevoli '77 minuti, con canovaccio alla The Cube, improvvisi salti sulla poltrona con peregrini apparizioni del volto del vero demonio in stadio subliminale, che fa tanto Emily Rose (il flash del volto demoniaco nello specchio dell'ascensore, di fianco al nero Ben), i morsi alla Paranormal Activity, schematismo baviano del "tutti contro tutti e scanniamoci così, senza pudor" e la rivelazione finale, che comunque, mette più di un brivido.

    Bellissimo il flashback dell'incidente stradale che riguarda il poliziotto e uno dei 5 predestinati all'inferno.

    Dowdle riconferma il suo talento dopo l'interessante Quarantena (di cui riutilizza gli spazi chiusi, la claustrofobia e l'orrore in tempo reale), e sa dosare la suspence e i colpi di scena (parchi ma mai invasivi, con qualche buon sfx di Robert Hall della Almost Human).

    Sembrava di vedere quei telefilm della paura settantiani a firma di Dan Curtis (tipo 4 storie per non dormire).

    Purtroppo il giudizio e limitato, a causa di una chiusa finale di imbarazzante buonismo e moralismo spicciolo da quattro soldi (tipicamente shyamalaniano), che francamente stride come le unghie sulla lavagna.

    Un pò di cattiveria in più non avrebbe guastato, invece di buttarla su patetismi pseudo religiosi del perdono, stile Radio Maria, che lasciano il tempo che trovano.

    Arrivati allo svelamento del diavolo stavo per credere di vedere un piccolo cult , il finale ruffiano e politicamente corretto mi ha tolto questa illusione.
    Ultima modifica: 19/04/13 12:44 da Buiomega71
  • Daniela • 19/04/13 13:37
    Gran Burattinaio - 5822 interventi
    Tutto sommato l'ho apprezzato, fatta la tara a bischerate assortite. Evento raro, anche il marito che di solito pisola pacifico ha fatto più di un salto sul divano, non per il terrore ma per l'orrore suscitato da tanto sprezzo delle misure di sicurezza...
    Però un dubbio mi rode: perchè mai il Diavolo in persona si dovrebbe scomodare per portarsi agli inferi persone che tanto si erano già dannate per conto loro? Ce ne fosse uno non dico umanamente simpatico ma almeno non del tutto detestabile... E' quel che succede in buona parte dei b-movie horror: mettono in scena personaggi che appena li vedi o li senti parlare ne desideri la morte violenta e possibilmente atroce...
    Ultima modifica: 19/04/13 13:38 da Daniela
  • Buiomega71 • 19/04/13 13:50
    Pianificazione e progetti - 24141 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Tutto sommato l'ho apprezzato, fatta la tara a bischerate assortite. Evento raro, anche il marito che di solito pisola pacifico ha fatto più di un salto sul divano, non per il terrore ma per l'orrore suscitato da tanto sprezzo delle misure di sicurezza...
    Però un dubbio mi rode: perchè mai il Diavolo in persona si dovrebbe scomodare per portarsi agli inferi persone che tanto si erano già dannate per conto loro? Ce ne fosse uno non dico umanamente simpatico ma almeno non del tutto detestabile... E' quel che succede in buona parte dei b-movie horror: mettono in scena personaggi che appena li vedi o li senti parlare ne desideri la morte violenta e possibilmente atroce...


    Perchè magari NON era solo il Diavolo, ma forse anche la divinità in persona...Come fece dire John Carpenter nel Signore del male: e se Dio e Satana fossero la faccia della stessa medaglia?

    Perchè mai satanasso dovrebbe punire solo i malfattori e gli individui spregevoli, mi domando io?

    SPOILER

    Per poi scendere a patti con piagnucolosi perdoni della vittima designata?

    FINE SPOILER

    Al di là delle "bischerate" a cui proprio non dò peso (detesto e trovo idioti i cosidetti "bloopers", parere prettamente personale, ovviamente), mi ha conquistato fino allo svelamento , sotto spoglie umane, del diavolo probabilmente...

    Ma mi e andato in vacca con quel finale moralistico da pochi centesimi che manco le Orsoline...

    Peccato, perchè il film i numeri li ha.
    Ultima modifica: 19/04/13 13:52 da Buiomega71
  • Daniela • 19/04/13 15:19
    Gran Burattinaio - 5822 interventi
    Ma per bischerate non intendono i bloopers, tipo Willis che in Die Hard entra in un tubo con una canottiera di un colore e ne esce con una di colore diverso. Intendevo piuttosto certe incongruenze logiche, psicologiche o narrative, tipo il comportamento assurdo dell'addetto alla manutenzione, più adatto a film stile I pompieri...
    Sono cose che personalmente mi fanno cadere la tensione e storcere il naso. Ed è un peccato perché il film è tutt'altro che disprezzabile e si fa seguire bene fino alla fine - purtroppo sbracata in senso moralistico, in questo sono d'accordo in pieno.
  • Buiomega71 • 19/04/13 15:27
    Pianificazione e progetti - 24141 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Ma per bischerate non intendono i bloopers, tipo Willis che in Die Hard entra in un tubo con una canottiera di un colore e ne esce con una di colore diverso. Intendevo piuttosto certe incongruenze logiche, psicologiche o narrative, tipo il comportamento assurdo dell'addetto alla manutenzione, più adatto a film stile I pompieri...
    Sono cose che personalmente mi fanno cadere la tensione e storcere il naso. Ed è un peccato perché il film è tutt'altro che disprezzabile e si fa seguire bene fino alla fine - purtroppo sbracata in senso moralistico, in questo sono d'accordo in pieno.


    Detesto sia i bloopers (che trovo infantili) che le cosidette "inverosimiglianze"

    Se un film mi prende e mi tiene sulla corda non stò lì a spulciare incongruenze o a fare la conta delle illogicità.

    Mi capita in rarissimi casi, se proprio il film che stò visionando mi stà annoiando a morte (o penso a programmare la settimana, oppure cerco di identificare le incongruenze presenti)

    Ma mi capita di rado, anche perchè preso dalla tensione difficilmente queste cose riescono a distrarmi dalla concentrazione.

    Piuttosto mi stizzisco con finali improponibili e ruffiani che, come nel caso di Devil, distruggono quello di buono che si era fatto fino a quel momento.
    Ultima modifica: 19/04/13 15:28 da Buiomega71
  • Greymouser • 19/04/13 15:58
    Call center Davinotti - 561 interventi
    Carissimi, se vi piace il tema dei film in ascensore, guardatevi Elevator: credo che lo trovereste comunque interessante.
  • Daniela • 19/04/13 16:22
    Gran Burattinaio - 5822 interventi
    Caro Grey, colgo al volo la dritta.
    E già che ci sono ti ringrazio per avermi fatto scoprire Compliance, visto ieri sera e sono ancora inc...(ahhggrrr! parola censurata), fa star male.
  • Buiomega71 • 19/04/13 16:38
    Pianificazione e progetti - 24141 interventi
    Greymouser ebbe a dire:
    Carissimi, se vi piace il tema dei film in ascensore, guardatevi Elevator: credo che lo trovereste comunque interessante.

    Io Grey contraccambio con piacere la dritta, se puoi vediti Out Of Order-Fuori Servizio, per il sottoscritto e forse il migliore dei "lift trapped movie".
  • Raremirko • 19/04/13 21:55
    Addetto riparazione hardware - 3825 interventi
    Da infarto la location...

    Brrrrrrr....


    L'ascensore bloccato credo sia uno dei posti più brutti che possano esistere.
  • Greymouser • 20/04/13 14:03
    Call center Davinotti - 561 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Caro Grey, colgo al volo la dritta.
    E già che ci sono ti ringrazio per avermi fatto scoprire Compliance, visto ieri sera e sono ancora inc...(ahhggrrr! parola censurata), fa star male.



    Sì, effettivamente Compliance fa venire un po' la gastrite, e in ogni caso l'ho trovato più inquietante di tanti film in cui scorre sangue a fiumi. A proposito di questi ultimi posso consigliare invece 13 Eeerie, che non è certo un monumento cinematografico, ma presenta alcuni momenti di buon cinema di genere.
    I consigli valgono anche per Buio, che ringrazio per la sua segnalazione.
    P.S.: mi pare di averlo già segnalato tempo fa, ma approfitto per raccomandare ancora caldamente The art of crying, secondo me un capolavoro assoluto.
    Per qualcosa di più recente, anche 90 minutter non è affatto amale.
    Buone visioni :)
  • Buiomega71 • 20/04/13 14:29
    Pianificazione e progetti - 24141 interventi
    Greymouser ebbe a dire:
    Daniela ebbe a dire:
    Caro Grey, colgo al volo la dritta.
    E già che ci sono ti ringrazio per avermi fatto scoprire Compliance, visto ieri sera e sono ancora inc...(ahhggrrr! parola censurata), fa star male.



    Sì, effettivamente Compliance fa venire un po' la gastrite, e in ogni caso l'ho trovato più inquietante di tanti film in cui scorre sangue a fiumi. A proposito di questi ultimi posso consigliare invece 13 Eeerie, che non è certo un monumento cinematografico, ma presenta alcuni momenti di buon cinema di genere.
    I consigli valgono anche per Buio, che ringrazio per la sua segnalazione.
    P.S.: mi pare di averlo già segnalato tempo fa, ma approfitto per raccomandare ancora caldamente The art of crying, secondo me un capolavoro assoluto.
    Per qualcosa di più recente, anche 90 minutter non è affatto amale.
    Buone visioni :)


    Grazie a te Grey, prezioso come sempre...
  • Daniela • 20/04/13 15:56
    Gran Burattinaio - 5822 interventi
    The art of crying l'avevo già messo in lista, dietro tua segnalazione, ma non sono riuscita a trovarlo... riproverò sperando di aver maggior fortuna. Grazie per le altre segnalazioni.
    Ultima modifica: 20/04/13 15:57 da Daniela
  • Daniela • 23/04/13 09:28
    Gran Burattinaio - 5822 interventi
    Buio, ieri sera ho visto Elevator, stesso tema di Devil (ascensore bloccato), ma, a parer mio, molto più convincente ... riesce a mettere in scena un piccolo inferno, senza aver bisogno di mettere in mezzo al diavolo.
    Me l'ha consigliato il nostro Greymouser, ti giro la dritta, estendendola a Raremirko, cui l'ambientazione dentro un ascensore mette i brividi :o) - allora dovrebbe dare un occhiata anche a Elevated, un corto di Natali, quello del Cubo.
    Per restare in tema di ascensori, a me in assoluto la scena che più è rimasta impressa è quella inserita in The Eye: il film complessivamente non mi è piaciuto, ma quella scena in cui la ragazza si trova dentro la cabina con lo spettro sospeso alle spalle mi ha messo i brividi, anche se non succede proprio nulla.
    Ultima modifica: 23/04/13 09:30 da Daniela
  • Buiomega71 • 23/04/13 10:11
    Pianificazione e progetti - 24141 interventi
    Daniela ebbe a dire:
    Buio, ieri sera ho visto Elevator, stesso tema di Devil (ascensore bloccato), ma, a parer mio, molto più convincente ... riesce a mettere in scena un piccolo inferno, senza aver bisogno di mettere in mezzo al diavolo.
    Me l'ha consigliato il nostro Greymouser, ti giro la dritta, estendendola a Raremirko, cui l'ambientazione dentro un ascensore mette i brividi :o) - allora dovrebbe dare un occhiata anche a Elevated, un corto di Natali, quello del Cubo.
    Per restare in tema di ascensori, a me in assoluto la scena che più è rimasta impressa è quella inserita in The Eye: il film complessivamente non mi è piaciuto, ma quella scena in cui la ragazza si trova dentro la cabina con lo spettro sospeso alle spalle mi ha messo i brividi, anche se non succede proprio nulla.


    Sinceramente , The Eye, mi ha fatto ronfare non poco (a parte il finale depalmiano/catastrofico), e la scena dell'ascensore mi e sembrata il solito (abusatissimo) clichè degli horror giappo...

    Elevator lo vedrò appena ci sarà il dvd italico (grazie , comunque, per la dritta)

    Per ora il migliore rimane ancora il teutonico Out Of Order.
  • Raremirko • 23/04/13 23:32
    Addetto riparazione hardware - 3825 interventi
    si grazie daniela, conosco i film, in altri lidi li ho anche commentati.

    Comunque quella dell'ascensore mi pare una paura comprensibilissima; prova te a rimanerci chiusa dentro per più di qualche minuto.


    argh...