Svaniti nel nulla (5 puntate)

Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Partendo (tanto per cambiare) dalla scomparsa di una donna, l'intreccio di Harlan Coben ci porta a seguire una fittissima serie di incroci tra personaggi le cui vite vengono prese in esame dal 1995 al 2020 attraverso l'ormai usuale gioco di rimbalzi temporali. Se però una volta di più c'è da stupirsi di fronte alla capacità dell'autore di dar vita a una vicenda tanto intricata unita da collegamenti contorti in un primo momento impensabili in cui tutto o quasi torna, si rileva in questo caso una meccanicità piuttosto fastidiosa, portata alla luce da una regia non in grado di creare l'atmosfera necessaria ad ammantare il tutto di quel clima di mistero che possa dissimulare parzialmente l'artificiosità...Leggi tutto dell'intreccio. Perché è chiaro che si viaggia sempre ai confini dell'improbabile, negli snodi chiave. L'apertura è di notte a Nizza (città che rappresenterà lo scenario maggiormente utilizzato), nel 2010, quando nell'ampio giardino di una villa vediamo un uomo inseguirne un altro sparando. Nella piscina il cadavere della giovane Sonia (Marillier), nel vicino molo la conclusione della fuga di uno dei due, che si getta in acqua raggiunto dai colpi di pistola dell'altro. Era Fred Lucchesi (Duvauchelle), fratello del più giovane Guillaume (Oldfield), che ritroveremo dieci anni dopo al lavoro presso un ente dedito al recupero dei ragazzi di strada. Vive da due anni con Judith (Harzoune), la quale tuttavia scompare all'indomani del funerale della madre di Guillaume e dopo che quest'ultimo le aveva appena chiesto di sposarlo. Un autentico dramma per il giovane, totalmente assorbitone e deciso, con l'aiuto di un amico e collega (Gouix), a capire dove Judith sia finita. Una caccia che porterà i due fino a Barcellona mentre nel frattempo la storia comincerà sempre più a dividersi in segmenti di diversa durata studiati per portarci a conoscere lentamente il passato dei protagonisti. Non ci si limiterà però solo all'iniziale alternanza tra 2010 e al 2020, perché in breve - sempre introdotti da didascalie che specificano luogo e data - si moltiplicheranno i salti intermedi (e pure antecedenti il 2000) permettendo alla vicenda di ramificarsi col rischio di far perdere la testa a chi segue. E poiché possiamo dire che molte di queste microstorie non avranno alcuna influenza se non marginalissima nello svolgersi dell'intreccio principale, ci si chiede perché avergli concesso tanto spazio: va bene voler costruire un retroterra che dia spessore ai personaggi, ma così facendo si confondono le acque al punto da rendere faticosa la comprensione dell'insieme. Anche per questo - e per il carisma non sensazionale del protagonista - riesce difficile lasciarsi coinvolgere appieno dalla serie; il soggetto poi è sì curato in molti dettagli ma meno incisivo del previsto, ruotando intorno ai soliti giri di droga adattati al plot relativo all'immancabile scomparsa misteriosa. Detto di un cast più anonimo dello sperato, si può notare come ogni puntata sia introdotta dal nome di uno dei personaggi, cui viene dedicato un approfondimento specifico. Non sempre saranno approfondimenti importanti (si divagherà comunque spesso, dai propositi iniziali) ma rappresentano almeno il tentativo di dare organicità e un filo logico alla frammentatissima narrazione. L'asetticità della confezione (anche la fotografia dai colori accesi è un po' piatta) non depone a favore della serie, che quindi nel suo complesso non può dirsi riuscita come la maggior parte di quelle tratte da Coben (senza dover citare l'apice, rappresentato dal SUBURBIA KILLER di Oriol Paulo). Resta comunque un discreto intrattenimento, una sfida costante a riordinare mentalmente l'accaduto e le vicende contingenti in attesa che il finale ci porti a capire se avevamo azzeccato la soluzione o meno. Curioso che la defunta Sonia e sua sorella cresciuta siano interpretate dalla stessa attrice, costretta a dover ripetere a chi incontra "Sì lo so" quando le fanno notare l'estrema somiglianza con la sorella.
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 19/09/21 DAL DAVINOTTI

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.