Risorse umane

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/09/08 DAL BENEMERITO PIGRO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Pigro 5/09/08 08:06 - 7919 commenti

I gusti di Pigro

Giovane laureato fa il tirocinio nella fabbrica dove il padre lavora da operaio e viene messo al reparto “risorse umane” per decidere molti licenziamenti. Un film di forte impegno sindacale: un’opera più unica che rara, che pone al suo centro le lotte dei lavoratori contro i licenziamenti decisi dai padroni senza vera strategia. Bello l’equilibrio tra la drammatica storia privata (padre operaio e figlio manager) e la lotta operaia ripresa con piglio simil-documentaristico. Ma non riesce a emozionare come potrebbe.

Stefania 3/03/10 00:34 - 1600 commenti

I gusti di Stefania

L'anziano operaio Jean Claude lo presenta con orgoglio ai dirigenti della fabbrica dove lavora da trent'anni, suo figlio Frank, neo-laureato in economia. Frank è lì soltanto per uno stage, ma si ritrova coinvolto in una battaglia sindacale contro il licenziamento di dodici operai. Tra questi, suo padre... Nello stile documentaristico di Cantet, uno scontro tra generazioni e tra classi, dal quale emerge il difficile dilemma di Frank, diviso tra l'incomunicabilità con suo padre e il disprezzo per i suoi padroni.
MEMORABILE: Il violento confronto tra Frank e Jean Claude quando quest'ultimo si rifiuta di partecipare all'occupazione della fabbrica.

Galbo 6/03/10 09:07 - 11453 commenti

I gusti di Galbo

Efficace rappresentazione di un dramma sociale (i ridimensionamenti di personale nelle fabbriche tramite licenziamenti) contrapposto ad una vicenda personale e famigliare in questo bel film di Laurent Cantet che affronta la vicenda in modo sobrio e lucido, senza alcuna concessione alla spettacolarità e pertanto in modo realistico. Componente emotiva scarsa probabilmente per precisa scelta registica.

B. Legnani 11/08/15 16:06 - 4789 commenti

I gusti di B. Legnani

Grande delusione. Paga l’anacronismo nel pensare oggi (con quanto accaduto nell’ultimo decennio) a quelle 35 ore che si ipotizzò d’introdurre in Italia, ma il grave è che parte da un assunto nobile (i figli che rubano il posto di lavori dei padri) svolgendolo in modo rozzo, con snodi inverosimili, e in modo ridicolo: una macchietta la sindacalista, una macchietta l’imprenditore. Delirante l’ingresso notturno senza sistema d’allarme. Tradotto male dal francese. Recitato così così e doppiato peggio.

Cotola 8/11/15 00:07 - 7630 commenti

I gusti di Cotola

Temi molto importanti, interessanti ed attuali (a parte le trentacinque ore ed i suoi effetti) quelli trattati dal film: il mondo del lavoro, la fabbrica, i "vecchi" e i "giovani" e la distanza, forse incolmabile, tra generazioni. Il merito principale del regista è quello, a mio avviso, di trattarli in modo sobrio e direi anche onesto pur essendo abbastanza chiara la politicità del film. E soprattutto non giudica e non dà risposte ma spinge ad osservare e a porsi domande cui non è facile rispondere. Gli attori sono quasi tutti non professionisti e si vede.

Magi94 19/11/20 22:30 - 705 commenti

I gusti di Magi94

Efficace dramma proletario francese. Visto l'anno di uscita potrebbe sembrare fuori tempo massimo, ma la storia e l'ambientazione non stonano negli anni 90: non racconto di una classe proletaria "unita nella lotta", ma di operai ormai (quasi) piccolo-borghesi, con la voglia di lavarsi di dosso il passato sporco e il fascino delle nuove generazioni per il mondo dei colletti bianchi. Serrata e credibile la storia, con il drammaticissimo personaggio del padre, straziante e molto veritiero. Bravi gli attori, da ascoltare in lingua originale perché il pessimo doppiaggio è macchiettistico.
MEMORABILE: Lo sfogo del figlio verso il padre. Il viscido personaggio del "padrone".
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.