Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/06/09 DAL BENEMERITO LUCIUS
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Lucius 17/06/09 04:04 - 2988 commenti

I gusti di Lucius

La triste parabola di un giovane che voleva fare l'attore e che si ritrova invece in una serie di situazioni al limite del degrado. Non per questo il film è da sottovalutare. Sesso fine a se stesso per una storia molto realistica ed emblematica per tante altre di aspiranti artisti. Uno su mille ce la fa. Bravo Techinè.

Daniela 25/04/22 21:05 - 11931 commenti

I gusti di Daniela

Appema maggiorenne, Pierre lascia il paese natale nei Pirenei per andare a cercar fortuna a Parigi nella speranza di diventare attore ma lo attendono fallimenti e umiliazioni, tanto da indurlo a prostituirsi per sopravvivere... Una parabola amara sulla perdita delle illusioni da parte di un ingenuo provinciale perso nei meandri di una città ostile, diretta da Téchiné con uno sguardo spietato che non esclude l'empatia e la pietà. In parte il semi-esordiente Blanc, folgorante Béart nel ruolo di una prostituta, di grande finezza la prova di Noiret nei panni di un anziano omosessuale.

Paulaster 27/10/22 10:04 - 3913 commenti

I gusti di Paulaster

Ragazzo di provincia va a Parigi sognando di diventare attore. Nella prima parte l'inesperto deve destreggiarsi per sopravvivere regalandoci discreti momenti di realismo (il collega marchettaro, la donna che ospita), anche se quando recita sul palco si capisce che non è la sua strada. Discutibile la fase centrale in cui un'aria spensierata aleggia, pur presente una prostituzione a tratti violenta. La Béart rivitalizza il concetto di disperazione anche se l'innamoramento che segue sembra poco plausibile. Téchiné dimostra padronanza dei mezzi senza strafare.
MEMORABILE: La cena da Noiret; L'amplesso della donna che ospita; Le urla durante la sodomia.

Kinodrop 28/11/22 20:29 - 2495 commenti

I gusti di Kinodrop

Un ragazzo deciso e dal carattere levantino lascia il paesello nei Pirenei per tentare la fortuna nella grande città, con tanta voglia di realizzarsi e si scontra con una realtà più dura del previsto che lo porterà nell'ambiente della prostituzione maschile. Un realistico racconto di formazione (col suo giusto finale) in cui si avverte anche l'eco letteraria del provinciale che crede che tutto gli sia dovuto, che il regista ha saputo tenere in equilibrio senza cadere nel moralistico e senza indugiare sui cliché del mondo omosessuale. Bravo Blanc, un po' marginali Noiret e Béart.
MEMORABILE: L'arrivo a Parigi e il rapporto con la padrona di casa; La cena insieme all'amico in casa della coppia gay; Il pestaggio e la svolta del finale.

Ivan Desny HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Homevideo Homesick • 12/03/10 07:59
    Scrivano - 1368 interventi
    Dal 6 aprile in dvd per Medusa.
  • Homevideo Lucius • 25/05/14 13:03
    Scrivano - 9081 interventi
    Immagine al min. 1:25:23 del dvd targato Medusa:


    Ultima modifica: 25/05/14 13:04 da Lucius
  • Musiche Lucius • 27/05/14 12:07
    Scrivano - 9081 interventi
    La canzone che il gruppo di balordi canta e costringe a cantare alla coppia di amanti, prima della violenza sessuale è "Petite fille" della punk rock band francese Les Wampas:

    http://www.youtube.com/watch?v=4uPdyYR1o70