LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

Clicca qui per leggere il papiro di Marcel M.J. Davinotti Jr.
TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/06/09 DAL BENEMERITO EZIOBANANA POI DAVINOTTATO IL GIORNO 19/04/11
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Saintgifts 28/05/13 09:58 - 4098 commenti

I gusti di Saintgifts

L'incipit con la "millecento" dei camorristi che passa veloce per le strade che attraversano i campi, riempendo di polvere i contadini che guardano silenziosi, fa capire molto bene quale sarà il tono del dramma che si svilupperà. Sorprusi, botte, umiliazioni, paura e omertà... nessuno osa contrastare il boss locale, che prega la Madonna di Pompei perché continui a proteggerlo. Il giovane Paolo è la scheggia imprevedibile che inceppa l'ingranaggio mafioso. Qualche tempo dilatato, ma in generale ben girato e interpretato. Buone fotografia e musica.
MEMORABILE: La scazzottata nella stalla tra Paolo (Blain) e Carmelo (Urzì); Il carosello dei cavalli nella piazza. La non presenza delle forze dell'ordine.

Fauno 26/03/17 19:54 - 1954 commenti

I gusti di Fauno

Scorrevole ed elementare: mondo sbagliato e ovunque c'è sempre il più forte che prevarica i più deboli; stavolta il casus belli sono i bovini. Come tecnica e coinvolgimento emotivo sembrava filare verso l'Olimpo, senonché la reazione finale mi ha punto sul vivo. Ma è mai possibile che solo in Italia si devano sempre tirare fuori i bambini come misura di tutte le cose? Devastazioni, depredamenti, aggressioni, ladrocinii, umiliazioni; tutto viene tollerato, ma i bambini guai! Solo loro possono a seconda dei casi assopire la mente o svegliarla dal letargo.
MEMORABILE: "Più lavora, più si compromette"; "Vorrei cambiare nome pur di non avere più a che fare con lui".

Rufus68 13/10/18 23:32 - 3219 commenti

I gusti di Rufus68

Deludente riguardo alle aspettative (alimentate dalle vicissitudini della pellicola) e banale nello svolgimento e nella caratterizzazione dei personaggi. I cambi di campo (il pentimento, l'avvio alla criminalità del protagonista) un po' faciloni testimoniano di una psicologia drammatica ridotta all'osso (e, quindi, mediocre e nemmeno näif o popolare). Di positivo rimangono alcuni accenni neorealistici, i meriti indubbi negli intenti civili e la presenza di Urzì.

Pessoa 2/12/20 19:25 - 1351 commenti

I gusti di Pessoa

Energico mafia-movie ante litteram di sorprendente attualità, il film di Siano ha l'indubbio merito di aver affrontato con cognizione di causa il problema della criminalità organizzata in Campania quando operava ancora in ambito rurale e le istituzioni ne negavano anche l'esistenza. Molto buona la prova del protagonista Blain, ma tutto il cast rende in modo credibile la vicenda. Il ritmo serrato, la sceneggiatura curata e l'attenzione ai dettagli rendono la visione particolarmente piacevole. Un piccolo capolavoro del nostro cinema B utile e interessante, da riscoprire senz'altro.
MEMORABILE: Le scene d'azione, in particolare il redde rationem nel finale.

NELLO STESSO GENERE PUOI TROVARE ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.