Leon Morin prete - Film (1961)

Leon Morin prete
Media utenti
Titolo originale: Léon Morin, prêtre
Anno: 1961
Genere: drammatico (bianco e nero)
Note: Distribuito in Italia anche col sottotitolo "La carne e l'anima".

Volti del cinema italiano nel cast VOLTI ITALIANI NEL CAST Volti del cinema italiano nel cast

Location LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/03/12 DAL BENEMERITO GIùAN
1
1!
2
2!
3
3!
4
4!
5

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione ( vale mezzo pallino)
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Giùan 15/03/12 11:32 - 4666 commenti

I gusti di Giùan

A Besançon, durante il periodo di occupazione nazista, il rapporto di attrazione passional-spirituale tra una giovane vedova ed un sacerdote convinto della sua missione. Uno dei più sottovalutati film di Melville, il cui già caratteristico stile ieratico è propedeutico all'innesto di una sotteranea ma palpabile tensione sensuale. Tra Dreyer e Bresson, il regista è bravo a far emergere la complessa psicologia dei due personaggi con un mirato lavoro di sottrazione. Belmondo e Riva straordinari nel rivelare le ambigue ambivalenze dell'anima e della carne.

Silvia75 4/09/22 00:26 - 165 commenti

I gusti di Silvia75

Besançon, Francia, durante la guerra. Una giovane donna atea conosce casualmente un giovane prete. I loro colloqui spirituali la porteranno a diventare cattolica ma anche ad innamorarsi di lui. Un film sorprendente, censurato quando uscì in Italia. Una bella regia e un suggestivo tono fotografico in bianco e nero. Perfetta Emmanuelle Riva, bravo e simpatico Belmondo, ma fuori ruolo nel ruolo del prete.

Daniela 10/09/22 06:45 - 12789 commenti

I gusti di Daniela

Durante l'occupazione nazista, In una cittadina francese di provincia una vedova atea e marxista avvicina un giovane prete per deriderne la fede ma finisce per essere conquistata dalle sue parole... Entrato nella storia del cinema per i suoi noir all'insegna del rigore formale, l'ebreo convertito al cattolicesimo Melville qui dirige un film altrettanto rigoroso, una sorta di thriller etico incentrato su una seduzione intellettuale in cui ci si interroga sul significato della fede e la figura di Dio. Opera originale e ben interpretata, ma impegnativa e non per tutti i gusti.
MEMORABILE: Prma della partenza, i pochi averi sparsi sul pavimento.

Paulaster 12/06/24 18:02 - 4526 commenti

I gusti di Paulaster

Durante l’occupazione tedesca una ragazza francese si intrattiene con un prete a parlar di religione. Soggetto basato sui ragionamenti, provocazioni e conseguenti riflessioni, che non si sposa benissimo col periodo gramo della guerra. Le chiacchierate hanno una certa sostanza (addirittura parlando di amori saffici e masturbazione) anche se a volte ricadono in frivolezze tra chi crede e chi no. La Riva è spigliata e regge l’intero film, Belmondo è solo serioso ma non ha per niente l’allure del religioso. Nell’ultima parte le voglie amorose divengono ripetitive.
MEMORABILE: Lo scambio di sguardi con la direttrice; La predica ai fedeli; Il fagotto francescano.

Irène Tunc HA RECITATO ANCHE IN...

Spazio vuotoLocandina BravissimoSpazio vuotoLocandina Noi siamo 2 evasiSpazio vuotoLocandina CamillaSpazio vuotoLocandina Le due inglesi
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare l'iscrizione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICHE:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.