La famiglia Brady

MMJ Davinotti jr
Titolo originale: The Brady Bunch Movie
Anno: 1995
Genere: commedia (colore)
Note: Ispirato all'omonima serie televisiva che andò in onda dal 1969 al 1974. Seguito da "Il ritorno della famiglia Brady" (1996).
Papiro: elettronico
Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

L'IMPRESSIONE DI MMJ

THE BRADY BUNCH era stata in America una celebre sit-com dei primi Settanta che raccontava le avventure di una famiglia allargata (padre con tre figli e madre con tre figlie si incontrano per unirsi sotto un unico tetto). Il film, al quale hanno partecipato – in ruoli inevitabilmente differenti – quasi tutti i protagonisti della serie originale (5 stagioni all'attivo dal '69 al '74), si propone di riportare in scena l'idea senza mancare di rileggerla ironicamente facendone risaltare gli aspetti anacronistici. L'esperimento è piuttosto curioso, ma il risultato non va molto al di là di una revisione cui mancano veri spunti umoristici in grado di alimentarne lo spirito semi-parodistico. Si immagina qui che i Brady siano gli unici che si rifiutano...Leggi tutto di vendere la loro casa a uno speculatore intenzionato ad acquisire l'intera zona per trasformarla in un gigantesco centro commerciale. Papà Brady (Cole), architetto non esattamente di successo, ha tenuto duro, ma ora scopre che deve all'ufficio delle tasse 20.000 dollari da pagare entro una settimana se non vuole che la casa gli venga messa all'asta! Tocca pensare a qualche sistema per recuperare i soldi e naturalmente anche i figli, avendo sentito della cosa, cercheranno a loro modo di trovare il denaro. La storia sta tutta qui, perché per il resto si seguono semplici vicende legate alla diversa indole dei ragazzi: il figlio grande con velleità da musicista, quello di mezzo alle prese coi primi pruriti del sesso, la maggiore, Marcia (Taylor, splendida e futura moglie di Ben Stiller), indecisa sul cavaliere che la porterà al ballo della scuola, la media invidiosa dell'avvenente sorella e afflitta da problemi alla vista (gli occhiali le deturpano il viso, dice, ma non metterli comporta seri inconvenienti) e la piccola incapace di non spifferare tutto quello che sente dire in giro. Solo il figlio minore resta decisamente ai margini, mentre è Marcia a guadagnarsi lo spazio più ampio. Una bonaria presa in giro del perbenismo laccato di quegli anni, trasportato ad oggi con effetti che rasentano il ridicolo senza però mai affondare il colpo. Al di là dei completi disgustosi del padre (camicia e cravatta a pallini – ma diversi – giacca a scacchi e pantaloni spinati), del look inamidato della madre (Long), l'impressione è quella di tuffarsi nei Settanta con più di un particolare che non torna. Replicati i caratteristici titoli di testa in split screen con lo storico brano di Sherwood Schwartz & Frank De Vol cantato in gruppo dalla famiglia, resi riconoscibili rispetto agli originali tutti i nove inquilini della casa (genitori, sei figli e una governante) costretti ad arrangiarsi con un bagno solo. Ci si adatta a seguire qualcosa di altamente prevedibile e che nulla propone di nuovo rispetto alle dinamiche tipiche legate alle differenti età dei figli; tranne forse per la sorella di mezzo, in cui l'invidia per la maggiore si concretizza nelle inquietanti voci che sente in testa preparandosi a un futuro da reparto psichiatrico...
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/11/19 DAL DAVINOTTI

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.