In the Earth

Media utenti
Titolo originale: In the Earth
Anno: 2021
Genere: horror (colore)
Numero commenti presenti: 5

LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 8/05/21 DAL BENEMERITO LEANDRINO
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Leandrino 8/05/21 09:28 - 250 commenti

I gusti di Leandrino

Due scienziati si addentrano nella foresta inglese per una ricerca sperimentale con lo scopo di risolvere la pandemia in corso. Wheatley mette dentro tutto quel che abbiamo sperimentato durante la crisi sanitaria - isolamento, paranoia, (pseudo)scienza, mascherine e gel - e lo mette in contatto (o in contrasto) con l'ecologia. Il risultato è un horror notevole che, sebbene non sempre chiaro, colpisce per la potenza delle musiche e dell'immaginario, e materializza la pochezza della violenza tra uomini al cospetto della forza intestina quasi divina dell'iper-oggetto Terra.

Bubobubo 5/07/21 21:15 - 1530 commenti

I gusti di Bubobubo

Dalla terra veniamo, alla terra ritorniamo. Poco importa come: resti inanimati falcidiati da virus invisibili, superorganismi dotati di volontà autonoma, addirittura viaggiatori illegittimi attraverso dimensioni ed ere più o meno (s)conosciute. Folk horror pandemico? Lo si potrebbe definire così, ma si dovrebbe poi aggiungere "lovecraftiano" (per le suggestioni del finale), "tecnocratico" (per il rinfocolare della polemica natura-cultura) e, naturalmente, "survivor" (ma chi oggi non cerca di sopravvivere a suo modo?). Si fa prima a consigliarne la visione, cum grano salis.
MEMORABILE: Luci accecanti e suoni deformanti; In mezzo alla nebbia di spore senzienti.

Daniela 9/07/21 00:00 - 10665 commenti

I gusti di Daniela

Mentre nel mondo imperversa una pandemia, una ranger guida un ricercatore all'interno di zona boschiva dove da tempo un'altra scienziata sta conducendo studi sulla micorrize... Dopo la parantesi infelice del remake di Rebecca, Wheatley torna a temi più congeniali con questo horror a basso costo che presenta forti analogie con il contemporaneo Gaia: ambientazione silvestre, approccio mistico/folk ai misteri della natura, epilogo di difficile interpretazione. Un film non del tutto riuscito, certo ostico nei suoi eccessi criptici, ma originale, suggestivo, meritevole di visione.
MEMORABILE: Tutto quel che accade al piede del povero Martin. 

Kinodrop 13/07/21 19:44 - 1956 commenti

I gusti di Kinodrop

Cercare un rimedio a una tragica pandemia nei boschi inglesi invece che nei laboratori attrezzati porta i due protagonisti a scontrarsi con le forze della natura (aggravate da miti e superstizioni di altri tempi), tenute "sotto controllo" da una coppia di ricercatori ormai vittime di spore e alterazioni mentali. La parte horror è limitata "alle cure" di un piede sfortunato e all'incredibile, "sinistro" dj set diffuso tra gli alberi. Dove voglia andare a parare Wheatley non ci è dato sapere, resta solo un insieme di effetti sonoro-visivi del tipo videoclip a basso costo. Fumoso.

Anthonyvm 1/08/21 15:42 - 3025 commenti

I gusti di Anthonyvm

Se Bouwer, nel coevo Gaia, fonda il conflitto fra umanità e natura all'alba dell'apocalisse sul bagaglio iconografico dell'Antico Testamento, il buon Wheatley si appoggia a un cifrario folk-horror, ma ha la notevole intuizione di introdurre il metodo scientifico nel calcolo. Ragione e magia, fascino e mistero, l'impotenza di una mente radicata nella logica (Alma) e la follia di chi ha sepolto il senno in nome di una "nuova" verità (lo squilibrato Zach). Violenza survivalista, editing allucinogeni, tocchi kubrickiani (fra monoliti e matti con l'ascia) e un poco di humour: meritevole.
MEMORABILE: Il significativo subtext pandemico, fra quarantene, rapporti umani sfaldati e gel disinfettanti; Il piede infetto e operato; La musica degli alberi.

Joel Fry HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.