Lo trovi su

LE LOCATIONLE LOCATION

TITOLO INSERITO IL GIORNO 7/11/21 DAL BENEMERITO LESLIETIM
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Leslietim 7/11/21 17:40 - 1 commenti

I gusti di Leslietim

Coraggioso cambio di direzione rispetto ai più formulaici episodi precedenti della saga Marvel. Colpisce la capacità di raccontare una storia dalle proporzioni "cosmiche" mantenendo centrali le vite dei singoli componenti degli Eterni e le loro fragilità quasi umane, anche se non tutti hanno il tempo di essere approfonditi allo stesso modo (nonostante la lunghezza del film). Meno riuscite le parti comiche, che sembrano quasi aggiunte malvolentieri dalla regista Chloe per non sconvongere troppo gli spettatori del Marvel Cinematic Universe. Effetti speciali strepitosi.
MEMORABILE: Le apparizioni del Celestiale Arishem, le corse della "speedster" Makkari.

Rambo90 10/11/21 01:28 - 7064 commenti

I gusti di Rambo90

Marvel poco riuscito, nonostante il tentativo di discostarsi dalla formula ormai abusata dei film precedenti. La pecca più grossa sta in una sceneggiatura che non riesce ad essere epica come vorrebbe e in personaggi principali mal intepretati da Chan e Madden rendendo difficile entusiasmarsi alle loro avventure. Meglio i personaggi secondari, ognuno portatore di piccoli momenti ironici riusciti mentre la Jolie sembra l'unica davvero portata per l'azione. Buoni gli effetti, superflua la parentesi omo perché davvero irrilevante ai fini della trama (probabile escamotage pubblicitario).

Thedude94 13/11/21 11:14 - 841 commenti

I gusti di Thedude94

I Marvel Studios per realizzare la loro pellicola sui personaggi più complessi finora mai visti sul grande schermo decidono di affidarsi giustamente alla Zhao, che pur lasciando qualche traccia di struttura tipica del cinecomic moderno aggiunge autorialità e solennità a un universo apertissimo e potenzialmente senza limiti. C'era davvero bisogno d'una ventata di aria fresca, dopo film sciatti e ripetitivi; in questo senso anche il cast è ben delineato e riescono a spiccare indistintamente quasi tutti i protagonisti. La comicità non manca, ma è ben contestualizzata e non eccessiva.

Giufox 20/12/21 09:28 - 290 commenti

I gusti di Giufox

In buona fede si apprezza lo sforzo di realizzare un film sci-fi invece che di supereroi, ma non bastano un paio di tramonti e qualche traveling per svecchiarsi e tingersi d'autoriale; e la Zhao non riesce ad apportare quel tocco di empatia necessario per fare di una giostra un film. Come si possa poi passare dagli sguardi acuti di "Songs My Brothers Taught Me" ai "videogiochi" Marvel in una manciata di anni è domanda (tristemente) legittima. Pecunia non olet.

Galbo 23/01/22 08:02 - 11855 commenti

I gusti di Galbo

Il tentativo di dare una svolta “autoriale” ai film Marvel, reclutando la “Oscar winner” Chloe Zaho non convince. Film dai toni epici e dalle grandi ambizioni, Eternals è concepito come un grande spettacolo visivo ma risulta povero di contenuti, non riuscendo mai a decollare come spettacolo cinematografico. Il limite è l’eccessiva ripetitività, con le battaglie con i devianti che si ripetono e sembrano tutte uguali e i momenti più intimisti in cui la tensione cala e subentra lo sbadiglio. Cast convincente. 

Puppigallo 24/01/22 17:05 - 4858 commenti

I gusti di Puppigallo

Pellicola che ha come chiaro obbiettivo un pubblico di ragazzi con la mente aperta (si toccano varie tematiche, non solo legate alla a dir poco precaria situazione della Terra). I protagonisti hanno sfumature che segnalano un certo studio dei personaggi, gli effetti non sono male; e nonostante l'eccessivo minutaggio non si fa troppa fatica ad arrivare alla fine. La Jolie "bionda" sembra un po' fuori tempo massimo, vista l'età media del gruppo, Salma Hayek a parte. Nel complesso discreto.
MEMORABILE: Ikaris, che ha la testa parecchio dura e gli occhi "piuttosto" pericolosi; La genesi dei devianti; L'emersione del Celestiale.

124c 17/02/22 17:21 - 2832 commenti

I gusti di 124c

La guerra fra Eterni e Devianti si consuma sulla Terra per volere dei Celestiali, che hanno creato entrambe le razze. Millenni più tardi gli Eterni, nati per vegliare sui terrestri, si riuniscono per un'ultima missione. Clhoé Zhao dirige il film più adulto e ambizioso dei Marvel Studios, puntando più sulla psicologia e l'impegno del cast che sull'azione e le battute comiche. Operazione riuscita; si respira davvero qualcosa di nuovo, vicino agli X-men cartacei e animati, grazie ai due convincenti interpreti. Brave anche la Hayek e la Jolie, specie la seconda.

Enzus79 8/04/22 21:37 - 2285 commenti

I gusti di Enzus79

Ennesimo (ventiseiesimo) adattamento di un fumetto della Marvel, in questo caso quello degli Eternals, gruppo di supereroi che deve difendere l'umanità dai Devianti. Apprezzabile sotto il punto di vista narrativo (scritto dalla Zhao che viene da tutt'altro genere) e ovviamente tecnico, il film non annoia (nonostante la durata monstre di due ore e mezza) e anzi a tratti divertente anche. Niente di eccezionale ma intrattiene.

POTRESTI TROVARE INTERESSANTI ANCHE...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Discussione Michdasv • 7/05/22 22:56
    Galoppino - 217 interventi
    Il trailer che si vedeva in Italia spoilerava gran parte delle sorprese della seconda parte del film. 
  • Discussione Michdasv • 7/05/22 22:58
    Galoppino - 217 interventi
    i dieci Eternals hanno nomi che, talvolta, possono lasciare in lieve imbarazzo... per comodità degli spettatori metto di seguito un elenco degli abbinamenti tra i personaggi e le divinità cui sarebbero ispirati (il concetto, secondo gli ideatori, sarebbe che gli umani hanno travisato il nome esatto... mah!)

    Sersi assomiglia alla pronuncia americana di “Circe”, dall’Odissea, la Strega che cambia gli uomini in maiali (e in effetti il suo fidanzato terrestre l’accusa ripetutamente di essere una strega)
    Ikaris da Icaro, “il ragazzo che volò troppo vicino al Sole” (no spoiler…) infatti è l’unico che vola nel film
    Phastos da Efesto (Vulcano), fabbro inventore di tutti i marchigegni tecnici
    Makkari da Mercurio (Hermes), principalmente per la velocità (solo in una breve occasione di occupa di mercanteggiare). Contrariamente all’eloquente messaggero degli dei, qua è sordomuta.
    Druig da “druid”, sostantivo celtico per indicare genericamente saggi sacerdoti in unione con la Natura.
    Sprite da “sprite”, sostantivo celtico per indicare fatine magiche che fanno scherzi infantili e raccontano storie, come Trilli in Peter Pan. 
    Thena da Atena (Pallas, Minerva), dea della guerra con lancia e scudo. Diversamente dalla dea, Angelina Jolie non mostra nessuna saggezza. Purtroppo in Europa è anche il nome di una nota marca di pannoloni per anziani, ed è stranissimo che nessuno abbia pensato, in mezzo a tanti nomi storpiati, di non proporre un “Tzena” o un “Fena”.
    Gilgamesh da… indovinate un po’, Gilgamesh (la fantasia al potere). Parzialmente giustificato dal fatto che, per far progredire la civiltà babilonese, gli Eternals gli insegnano la Narrazione, la Mitologia e l’Epica (da cui scaturiranno la Letteratura, la Religione e il Patriottismo, eccetera) usando il suo vero nome, quindi i babilonesi lo ricordano e lo tramandano corretto fino ai giorni nostri.
    Kingo, dalla divinità babilonese Kingu, come sopra.
     
    Ajak, dal cognome della divina Salma Hajek, c’è poco da fare, è inutile che dalla casa di produzione si affannino a dire che era il nome di un personaggio latinoamericano dei fumetti… (scherzo ovviam) 
  • Discussione Michdasv • 7/05/22 23:08
    Galoppino - 217 interventi
    Archetipi (parte 1). Una vera e propria "mania" da parte di intellettuali che volevano irridere le religioni politeiste tra il rinascimento e il positivismo (ma ancora oggi) era ridurre ogni "pantheon" al preciso numero di dodici divinità principali, quasi come se fosse un archetipo universale. Il che, in realtà, non corrisponde mai al vero: le divinità greche ad esempio sono molte più che dodici, e quelle nordiche importanti sono meno (e prescindendo dalla differenza tra il Fulmine di Zeus e quello di Thor). Senza contare che se forse ci potrebbe essere una qualche parvenza di logica in ambito europeo (ma entro quali confini mai, e senza quali invasioni), cesserebbe del tutto esaminando le migliaia di divinità induiste, africane, o dei popoli nativi americani.
    Qua Kirby nel fumetto (del 1976!) e i cervelloni della Marvel Studios si sono ingegnati di mettere in campo alcune divinità maggiori (Atena, Mercurio,  Efesto/Vulcano), alcuni personaggi eroici (Circe, Gilgamesh) e un paio di sostantivi celtici (Druido, Fatina) per un totale di dieci, che, fra l'altro, non fa neanche dozzina. Ma in realtà, non rappresentano le dodici Divinità Maggiori, quanto piuttosto i dodici superpoteri più banali e prevedibili dell'universo Marvel e DCU sommati assieme.
  • Discussione Michdasv • 7/05/22 23:22
    Galoppino - 217 interventi
    Archetipi (parte 2). gli sceneggiatori sembrano quasi che un gruppo di bambini si sia messo a giocare disputando chi avrebbe vinto, tra Flash e Superman, o tra dr. Strange e Hulk. E che quel gruppo puerile abbia avuto il budget miliardario per mettere in scena le chiacchiere di un pomeriggio piovoso.
    Il peggio lo patisce il povero Madden, costretto a volare come Superman e sparare raggi laser dagli occhi (mamma mia...)
    Mercurio ridotto a Flash (quello parodiato in Gli Incredibili). Atena, che nei nostri licei è celebrata come dea della saggezza e della strategia bellica ragionata e prudente, qua passa il tempo impugnando lancia e spada con la mente ottusa peggio di Deadpool. Lasciamo perdere Gilgamesh coi pugni di Hulk, dimentichiamoci l'illusionista che si lascia toccare la mano (dai!), una che si autoguarisce i tagli come Wolverine, un altro che mima la forma delle pistole con le dita e poi spara (quasi come spiderman)... e scudi che volano come frisbee... dimenticavo quello che controlla ipnoticamente le persone attorno a lui.
    Efesto non è mai stato fortunato in amore, ma almeno forgiava armi di cui era orgoglioso - qui improvvisato pacifista politically correct, come se gli inventori non fossero da sempre consapevoli dell'uso che il committente farà della invenzione. Comunque ormai mostrare l'ingegnere che manipola ologrammi fa tanto Iron Man di venti anni fa ragazzi... e Efesto che usa le bat-manette ricorda tanto i gadget del Batman di Adam West...
    e non parliamo del loro interlocutore nel piano astrale (una divinità che crea gli dei?), che al confronto Thanos era un bambino col leccalecca...
  • Musiche Michdasv • 7/05/22 23:30
    Galoppino - 217 interventi
    La canzone che si ascolta durante la prima scena ambientata ai giorni nostri (a Londra) è "Time" dei Pink Floyd (1973).
    Il testo contiene sia allusioni al tempo che passa (per gli Eternals e per gli umani), sia il desiderio di "tornare a casa", sia la percezione che la giovinezza passi velocemente per alcuni