"Ray Donovan" stagione per stagione

26 October 2016

LA PAGINA DEGLI ESPERTI

In questa pagina sono raccolti i commenti pervenuti sulle singole stagioni di "Ray Donovan". Chi volesse contribuire commentando un'unica e precisa stagione non ha che da CLICCARE QUI  e farlo, scrivendo nel forum il proprio commento e facendolo anticipare dal numero della stagione (es. STAGIONE 2) e dal relativo pallinaggio. Il commento verrà prelevato “automaticamente” (per via umana, cioè da me) dal forum e trasferito in questa pagina nel punto esatto.


STAGIONE 1 (2013)
***!
Il protagonista è una sorta di mr. Wolf che risolve i problemi dei vip losangelini ma non riesce a risolvere i propri, fra scheletri nell'armadio e famiglia incasinata. Serie rocciosa e cupa come il volto di Schreiber, un uomo che non deve chiedere mai e se deve chiedere lo fa a cazzotti, ma comunque dotato di un proprio codice morale, a differenza del padre interpretato da Voight nel ruolo più gigione e nefando della sua carriera. Confezione di classe, bel cast con nomi di pregio, trama intrigata che incuriosisce: sono gli ingredienti di una serie non molto originale ma tosta ed avvincente. (Daniela)

STAGIONE 2 (2014)
***! Il piano astruso di Ray per liberarsi del padre ingaggiando il suo peggior nemico si è rilevato un vero fallimento, anche se ha avuto il pregio di farci vedere in azione un James Woods in perfetta forma. Così Jon Voight continua sempre a fare la cosa sbagliata nel momento sbagliato, tanto da mettere nei guai anche il figlio maggiore minato dal Parkinson, a cui presta il volto sofferto l'ottimo Marsan. Fra le new entry nel cast Hank Azaria, assai adatto al ruolo di un procuratore distrettuale con pochi scrupoli. La serie si mantiene su un buon livello, miscelando drammi familiari, intrighi più o meno criminali e scene d'azione. (Daniela)

STAGIONE 3 (2015)
***! 
Nonostante qualche momento di stanca, legato sopratutto alle ambasce sentimentali della figlia di Ray e alle paturnie dell'indecisa moglie casalinga, la serie continua ad appassionare con i suoi personaggi ben caratterizzati e le numerose svolte narrative. Per salvare il fratello maggiore finito in prigione per colpa del padre, Ray si mette al servizio di un miliardario dai modi poco raccomandabili, interpretato dal luciferino Ian McShane, e, tanto per non perdere l'abitudine, intreccia una relazione con la figlia di questi, ossia Katie Holmes versione donna in carriera. E si, perché il caro Ray, pur mantenendo sempre un'aria tormentata, va a letto con tutte le femmine disponibili, salvo poi fare il mortalmente offeso quando la moglie ha a sua volta una relazione con un poliziotto carino e dolce. Finale che lascia in sospeso in attesa della quarta stagione già in programma. (Daniela)

STAGIONE 4 (2016)
***!
Come se non gli bastassero i guai che deve risolvere per motivi professionali, il buon Ray deve fare i conti con quelli che gli tira addosso il padre lazzarone, compresi quelli legati alla mafia russa. Quando tutto sembra perduto, a sorpresa sarà però proprio il babbo a pescare l'asso nella manica. La sanguinosa resa dei conti finale parrebbe poter chiudere la serie, ma è stata confermata una quinta stagione. Questa si è mantenuta ai livelli delle precedenti, con un tasso maggiore di violenza e qualche tiramolla di troppo (la moglie con il tumore). Nel cast, fra Schreiber sempre ingrugnito e Voight sempre su di giri, si conferma la bravura di Marsan, a tratti commovente. (Daniela) 

Articoli simili

commenti (0)

RISULTATI: DI 0