Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL TERRORE DI FRANKENSTEIN

All'interno del forum, per questo film:
Il terrore di Frankenstein
Titolo originale:The Ghost of Frankenstein
Dati:Anno: 1942Genere: horror (bianco e nero)
Regia:Erle C. Kenton
Cast:Lon Chaney Jr., Cedric Hardwicke, Ralph Bellamy, Lionel Atwill, Bela Lugosi, Evelyn Ankers, Janet Ann Gallow, Barton Yarborough, Doris Lloyd, Leyland Hodgson, Olaf Hytten, Holmes Herbert
Note:Quarto episodio della saga di Frankenstein. Aka "Il fantasma di Frankenstein".
Visite:364
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 2/10/10 DAL BENEMERITO VON LEPPE

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Rebis 20/5/20 22:53 - 2087 commenti

Quarto tassello della "tetralogia Frankenstein", prima che la saga dirotti nei cross over e nelle parodie, è il capitolo più debole e derivativo. Professionale nella forma, ma dilettantesco nella scrittura, riserva troppe ingenuità ricorrendo alle solite scene clou (il risveglio, il processo, l'intervento, la rivolta, la fiaccolata finale). Sotto il mascherone di Jack Pierce, Lon Chaney jr. non ha un briciolo della tormentata umanità di Boris Karloff. Bela Lugosi, nel ruolo di Ygor (cui viene espiantato il cervello!) vivacizza un film inerte.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Rufus68 15/12/16 23:09 - 2982 commenti

Nonostante la nobiltà delle interpretazioni (Atwill) e il mestiere di Lugosi, il film si limita a collezionare i momenti salienti dei primi episodi. L'incanto è svanito e sul tappeto rimane solo il goffo lambiccarsi delle situazioni (uno scambio di cervelli, nientemeno), buono per diluire il vecchio brodo e mantenere costanti incassi. Il fascino retrò è indubbio; non è sufficiente, tuttavia, a tenere in piedi questa floscia derivazione.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Myvincent 16/3/16 8:59 - 2469 commenti

Dal castello di Frankenstein in fumo si apre un nuovo capitolo per il mostro dei mostri, telecomandato come al solito dal perfido Ygor. La trama è di un pretestuoso che più non si poteva, ma qui ne guadagnano certamente il ritmo e i sussulti narrativi. Inoltre, Lon Chaney jr. dà alla maschera quel non so che di "umano" che non guasta per niente. Classicone.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Minitina80 2/8/15 0:18 - 2248 commenti

Nulla da eccepire sul piano tecnico, dove non sfigura affatto, così come sul lato puramente registico. Tuttavia non è il primo della serie sulla creatura di Frankenstein e si vede poiché lascia per strada molta della poetica del romanzo a favore di un gotico più votato all’impianto canonico. Per quanto gli avvenimenti raccontati non sfigurino affatto, è inevitabile che ci sia un minimo di ridondanza su certi aspetti. Non male, specie Lugosi nei panni di Ygor.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Von Leppe 2/10/10 16:27 - 1009 commenti

Ormai gli anni 30 sono passati, siamo nel 1942 e le scenografie distorte espressioniste lasciano il posto ad ambienti più reali e naturali, anche se notevoli (soprattutto il castello all'inizio e la cittadina di Visaria). Boris Karloff rifiuta l'ennesimo ruolo della creatura, che non sarà mai più eguagliato. Il film comunque funziona: Lon Chaney jr interpreta il mostro e la trama si snoda attorno al suo cervello "sbagliato" che avrà dei buoni risvolti per la qualità del film.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Ygor: "Meglio la morte che una vita come questa, ora che posso avere la speranza di una vita eterna".
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Lupus73 27/5/20 2:10 - 427 commenti

Chiude la tetralogia di Frankenstein della Universal (il più iconico) senza Karloff, con Ygor redivivo (ancora Lugosi) e il mostro incarnato da Lon Chaney Jr. È il film più forzato e sottotono dei quattro, in cui poco rimane della magia espressionista per un gotico con scenografie più vicine al realismo. Seguiranno vari spin off d'incontro con gli altri mostri (Dracula, Uomo lupo) fino alla trasformazione in commedia con Gianni e Pinotto, che segna la fine del classic gothic Universal. Lo scambio del cervello sarà ripreso dalla parodia di Brooks.
I gusti di Lupus73 (Horror - Peplum - Thriller)