Cerca per genere
Attori/registi più presenti

FRANKENSTEIN

All'interno del forum, per questo film:
Frankenstein
Titolo originale:Frankenstein
Dati:Anno: 1910Genere: corto/mediometraggio (bianco e nero)
Regia:J. Searle Dawley
Cast:Augustus Philips, Charles Ogle, Mary Fuller
Visite:277
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 7
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/1/10 DAL BENEMERITO PIGRO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 29/3/14 15:11 - 4585 commenti

Cortometraggio a quadri, virati in vari colori, che mette lo scienziato al centro della vicenda, con un mostro che è ben diverso da quella che diventerà (peraltro in seguito) la tradizionale versione della creatura. Si lascia guardare senza problemi, nonostante il tempo trascorso. Notare l'uso dello specchio per allargare il campo visivo dello spettatore.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Pigro 13/1/10 9:53 - 7533 commenti

Prima vita cinematografica per Frankenstein, tenera se vista oggi. La narrazione è un po' sbrigativa e il mostro sembra più che altro un fricchettone; inoltre le questioni relative alla vita, al bene e al male ci sono sì ma con poco rilievo. Il fulcro di tutto sono invece gli effetti speciali, con una notevole nascita del mostro che prende forma lentamente da una tinozza, e con la sua morte inghiottito da uno specchio. Si segnala anche la scena del deliquio dello scienziato che sembra uscita da un quadro di Füssli.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Pinhead80 11/11/14 13:12 - 3709 commenti

Il primo Frankenstein ci appare diverso da quello che ormai è entrato a far parte del nostro immaginario, sia per quanto riguarda la creazione che per gli sviluppi della storia e l'aspetto del mostro. Nonostante sia molto datato, lo si guarda con interesse in quanto rappresenta un pezzo di storia del cinema.
I gusti di Pinhead80 (Azione - Horror - Thriller)

Faggi 16/6/16 16:50 - 1433 commenti

Con il capolavoro di Mary Shelley questa pellicola ha in comune quasi solo il titolo: è più la vicenda di un alchimista che da un intruglio in un pentolone crea un mostro (un suo doppio?) persecutore e geloso. Detto questo si assiste a un prodotto divertente con una messa in scena macabra interessante, belle trovate formali (la nascita della creatura, lo specchio) e un fulminante e inventivo finale (rassicurante ma strano). Ha più di cento anni e li porta bene. Pionieristico, imperdibile.
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)

Anthonyvm 24/2/20 14:52 - 1414 commenti

Stranamente il Frankenstein prodotto da Edison non fa menzione del galvanismo e dell'elettricità: qui il mostro è creato per mezzo di pozioni e calderoni stregoneschi. Inutile discutere sull'artigianalità degli SFX (comunque per l'epoca ingegnosi), tuttavia qualche buon esperimento visivo si fa notare (il finale con lo specchio, che sembra suggerire una lettura à la Jekyll e Hyde sul rapporto fra Victor e la creatura). Il look del mostro, con fronte alta e squadrata, ispirerà l'assai meglio noto Frankenstein di Whale. Corto buffo ma fascinoso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il fantoccio che sorge dal pentolone e muove ossessivamente il braccio su e giù; L'apparizione del povero mostro "quasimodesco"; Il bizzarro finale.
I gusti di Anthonyvm (Animazione - Horror - Thriller)

Von Leppe 24/9/10 12:36 - 1000 commenti

Pensando che è del 1910 (100 anni fa) è un gran film, anche se breve. La creazione del mostro nel pentolone è il massimo per uno dei primissimi horror della storia, cosi come pure il finale nello specchio. Il mostro è molto simile a quello descritto nel romanzo da Mary Shelley: sproporzionato nel fisico e con i capelli lunghi, ma nel volto vediamo già i lineamenti di quello che sarà Boris Karloff con la fronte enorme. Debitore di Melies, questo film è come un gioco di magia.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Claudius 12/5/19 7:53 - 362 commenti

Prima trasposizione cinematografica del classico di Mary Shelley, anche se non resta molto del romanzo originale. Notevoli il finale con lo specchio e gli effetti speciali. Rivisto oggi fa tenerezza e appare più che mai datato ma, considerando che la pellicola ha più di un secolo di vita, non si può non apprezzare lo sforzo effettuato dal regista. Da vedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il campo visivo che si allunga.
I gusti di Claudius (Avventura - Horror - Sentimentale)