LE LOCATION

I COMMENTI

TITOLO INSERITO IL GIORNO 24/05/17 DAL BENEMERITO DEEPRED89
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Deepred89 24/05/17 23:10 - 3291 commenti

I gusti di Deepred89

Una notevole atmosfera, cupa e sensorialmente stimolante, sorregge un annacquatissimo dramma (tratto da una storia vera) su un ragazzo rapito dalla mafia. Gratuitissime velleità artistiche, stravisti escamotage onirici, attori accettabili ma non esaltanti; rimangono le riuscite ambientazioni in una singolare Sicilia fredda e boschiva e l'azzeccata fotografia, di buon livello nonostante l'uso talvolta discutibile del grandangolo. Con qualche pregio a livello visivo, ma due ore appaiono eccessive, per un soggetto tanto scarno.

Rebis 31/05/17 12:49 - 2088 commenti

I gusti di Rebis

Sognare è comprendere. In un mondo adulto che tumula l'evidenza in un silenzio omertoso, Luna si abbandona all'immaginale e lotta fino allo stremo per un brandello di verità. Film di denuncia che affiora dalle acque profonde della percezione, è imperfetto e squilibrato, ma ha il pregio di riconciliarsi con il potere dell'immaginazione, dove il senso di giustizia è semplicemente amore. Nel realismo magico, Piazza e Grassadonna trovano la chiave di accesso a un tumulto emotivo ancora acerbo ma più vivo, sincero e tenace di qualsiasi provvedimento istituzionale.

Nando 6/06/19 00:29 - 3485 commenti

I gusti di Nando

Il turpe omicidio dell'adolescente Di Matteo, figlio di pentito, ordinato da assassini mafiosi, rinasce in questa pellicola onirica e sognante che regala momenti fiabeschi e altri ignobili. Nel complesso si assiste a una narrazione lucida che denuncia malefatte vergognose con una realizzazione sempre cauta ma decisa. Ottimi i due interpreti principali.

Pigro 22/09/20 09:28 - 7819 commenti

I gusti di Pigro

Come raccontare la storia insostenibile dell’uccisione spietata di un tredicenne? La strada scelta è quella magico-fiabesca (ricorda un po’ Io non ho paura), con il ricorso al linguaggio onirico e horror (con qualche eccesso: la madre). Così, più che un film sulla mafia, ci troviamo in un’elegia per un ragazzo crudelmente rapito e ammazzato, come la vittima di un serial killer. Meglio le immagini (con inusuali paesaggi della Sicilia e bella fotografia d’atmosfera) dei dialoghi, mentre l’eccessiva e compiaciuta dilatazione del ritmo suona forzata.
Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


  • Curiosità Samuel1979 • 19/03/19 17:10
    Call center Davinotti - 2949 interventi
    L'album di calcio Panini in possesso del piccolo Giuseppe Di Matteo (Fernandez) è quello del 1993/94: