Crimes of Passion - Passione criminale

Lo trovi su

LE LOCATION

I COMMENTI

L'IMPRESSIONE DI MARCEL M.J. DAVINOTTI JR. (cos'è?)

La storia c'è, costruita attorno a un primo crimine (presunto) che vede coinvolti due colleghi di una grossa azienda: lui, Jerry (Higgins), è sposato da anni con Shannon (Sloan) ma l'ha già tradita una volta e le cose tra loro non vanno più così bene (da quattro mesi niente sesso); lei, Rebecca (Meyer), è la classica vamp arrampicatrice sociale che la guardi in faccia e non ti sbagli: se può fregarti lo fa. Complice una battuta finita in gaffe e qualche bicchiere di troppo dopo un ritrovo aziendale, i due hanno un incontro nella camera di lei sul quale nessuno (tantomeno noi) può dirsi certo di quanto accada. Il film stacca e si passa al giorno dopo, con la sorpresa di Rebecca che...Leggi tutto si presenta in ufficio e accusa Jerry di aver tentato di violentarla. Lui casca dalle nuvole, dice che hanno solo bevuto qualcosa insieme e poi se n'è andato, ma più d'una circostanza lo accusa, non ultima una botta sulla spalla conseguenza di quella che la donna ha descritto come una colluttazione. Il capo chiama Berry e glielo dice chiaro: dimettiti, non puoi permetterti di danneggiare l'immagine dell'azienda; lui non ci sta e fa partire un'azione legale, aprendo un contenzioso mentre con la moglie si prepara a studiare il divorzio. Sembrerebbe la classica storia centrata sul dubbio di colpevolezza, di quelle che per l'intera durata o quasi tocca chiedersi se lo stupro c'è stato o meno, ma non è proprio così. Il presunto stupro è solo il primo passo di un intreccio molto più complesso e fitto di colpi di scena, in cui gli autori si divertono a incrociare ricatti, colpevoli, sospetti in un turbinare di accuse e di piani criminosi. I protagonisti restano Jerry e Rebecca, naturalmente, ma subentrano anche un amico del primo e il detective dell'area legale dell'azienda (Brennan), con la moglie di Jerry sullo sfondo che non si capisce fino a che punto possa entrare nel complesso gioco approntato per coinvolgere gli spettatori. Non potendo contare su grandi prestazioni attoriali e dovendo scontare i limiti di budget imposti da una produzione televisiva, il regista Richard Roy si aggrappa alla sceneggiatura di Brad Mirman sapendo che è sufficientemente articolata per mantenere viva l'attenzione. L'impatto resta modesto, la fotografia priva di profondità e i difetti tipici dei prodotti in serie preparati per la tv sono quelli di sempre, tuttavia l'intrattenimento non può dirsi dei peggiori e, al netto di qualche zoppicamento dietro la macchina da presa che genera pause non richieste o scene in cui la suspense proprio non esiste (al di là del tentativo d'instillarla a forza), il film procede e prepara il campo a un finale pirotecnico che nell'ultima parte trova una realizzazione (relativamente) all'altezza, abile nel fornire le risposte attese con sufficiente plausibilità. Se lo si vuole insomma correttamente inscrivere nell'ambito che gli appartiene non si può dire che fallisca gli obiettivi: la creatività in sede di ideazione dell'intreccio non manca!
Marcel M.J. Davinotti jr.
Chiudi
TITOLO INSERITO IL GIORNO 13/01/21 DAL DAVINOTTI
Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
ORDINA COMMENTI PER: BENIAMINI GERARCHIA DATA

Anthonyvm 27/07/21 15:45 - 3013 commenti

I gusti di Anthonyvm

Godibile thriller televisivo che pare provenire da una realtà alternativa in cui Sex crimes di McNaughton è stato concepito per il piccolo schermo. Dopo una partenza da dramma carrieristico-familiare (il marito fedifrago, la femme fatale arrivista), prende piede un effetto domino di coup-de-théâtre criminosi e rivelazioni a sorpresa (molti facilmente prevedibili, altri meno), una sfilza di twist così rapida che lo spettatore finisce per assuefarvisi, restando in divertita attesa del successivo capovolgimento di prospettive e ponendosi poche domande sulla verosimiglianza dell'insieme.
MEMORABILE: La mera presenza di Dina Meyer; Colluttazione sulla strada; Il sacco insanguinato in casa e l'arrivo improvviso dell'ex-moglie; Il finale malignetto.

Harry Standjofski HA RECITATO ANCHE IN...

Per inserire un commento devi loggarti. Se non hai accesso al sito è necessario prima effettuare la registrazione.

In questo spazio sono elencati gli ultimi 12 post scritti nei diversi forum appartenenti a questo stesso film.


DISCUSSIONE GENERALE:
Per discutere di un film presente nel database come in un normale forum.

HOMEVIDEO (CUT/UNCUT):
Per discutere delle uscite in homevideo e delle possibili diverse versioni di un film.

CURIOSITÀ:
Se vuoi aggiungere una curiosità, postala in Discussione generale. Se è completa di fonte (quando necessario) verrà spostata in Curiosità.

MUSICA:
Per discutere della colonna sonora e delle musiche di un film.