Discussioni su Black Panther: Wakanda forever - Film (2022)

  • TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/11/22 DAL BENEMERITO MICHDASV
  • Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Non male, dopotutto:
    124c, Capannelle
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c’è:
    Thedude94
  • Gravemente insufficiente!:
    Michdasv, Reeves, Hiphop

DISCUSSIONE GENERALE

  • Se ti va di discutere di questo film e leggi ancora solo questa scritta parti pure tu per primo: clicca su RISPONDI, scrivi e invia. Può essere che a qualcuno interessi la tua riflessione e ti risponda a sua volta (ma anche no, noi non possiamo saperlo).
  • Michdasv • 12/11/22 09:49
    Galoppino - 284 interventi
    Trovo di cattivo gusto proporre a un pubblico di afroamericani una Inondazione che annega la città dei neri come se fosse New Orleans. Capisco le gioie implicite nel rinfocolare le polemiche sugli scarsi aiuti e la scarsa prevenzione ma una alluvione è di cattivo gusto.
    Per puro caso la città ideale nel 2022 è Chicago con la sua squadra di basket all-black, i Chicago Bulls (oh, che coincidenza, il presidente Obama è un grande fan!)
    Il revisionismo contro il colonialismo del 1571 è un po' noioso: è colpa di Martin Freeman se un frate spagnolo era avido? E perché non mettere in scena anche un altro frate spagnolo che però difendeva i nativi (c'erano anche loro, da Las Casas a Mission)? Diceva Napoleone che la Storia vien riscritta dai vincitori ma qui si insulta sia la lingua spagnola, sia il dogma, sia le epidemie, peccato che poi buona parte delle canzoni del film son proprio in spagnolo (e se non c'erano gli inglesi, ci sarebbe mai stata Hollywood?)
    Apoteosi del revisionismo: la generalessa nera gongola perché Martin Freeman è un bianco etero in catene. Scusate, ma è colpa di un onesto agente della Cia che oggi ha cercato (goffamente) di aiutare, se cinquecento anni fa altri bianchi (non lui) hanno colonizzato le Americhe? E cosa gongola una wakandiana, che semmai è l'unico popolo che non è mai stato sottomesso da nessuno (anzi: che per secoli ha guardato senza intervenire mentre sia neri, sia bianchi schiavizzavano altri neri e altri popoli?).
    E i popoli nativi del centroamerica erano noti per la loro perpetua condizione di belligeranza tra loro, con schiavi, genocidi e tutto il resto anche prima del 1492, qualsiasi archeologo può confermarlo.

    TL:DR - in breve: noioso, propagandistico, sciocco. Due ore e mezza di tempo buttato via. 
  • Michdasv • 12/11/22 09:57
    Galoppino - 284 interventi
    Le guerriere femmine che si lanciano con una corda giù da un muro verticale è copiato da "La Grande Muraglia" con Matt Damon.
    I tunnel di corrente oceanica copiati da "Alla ricerca di Nemo"
    Uh! Una ragazzina ha costruito una armatura come quella di Iron Man! copiato da... "Iron Man"
    A proposito: una modella magrissima e che non ha mai avuto un addestramento nelle arti marziali, dopo meno di una settimana sconfigge nella lotta una divinità addestrata al combattimento per 500 anni e che, secondo il film stesso, è "forte come un Hulk" (concetti copiati da "She-Hulk serie tv"): Rocky, poveretto, passava ore ad allenarsi, ma a queste modelle evidentemente non è richiesto.
    Già il film è noioso. Se l'unica cosa interessante è la caccia al plagio... voto sottozero.
  • Capannelle • 12/12/22 20:17
    Scrivano - 3045 interventi
    Michdasv ebbe a dire:
    A proposito: una modella magrissima e che non ha mai avuto un addestramento nelle arti marziali, dopo meno di una settimana sconfigge nella lotta una divinità addestrata al combattimento per 500 anni e che, secondo il film stesso, è "forte come un Hulk"
    A me sembra che l'universo Marvel trabocchi di personaggi che si trasformano da pulci/nerd a eroi invincibili. Diamo spazio anche a lei dai...

    Ho letto nelle tre recensioni monopalla un gran fastidio verso la deriva politically correct e se da un lato capisco "l'allarme" dico però che in un universo multiforme e variegato come quello Marvel ci può stare senza far danni. E' un tipo di allarme che ho sentito nell'ultimo Bond ma penso/spero che nemmeno i produttori inglesi volessero seriamente reingegnerizzare il Bond moderno con una donna di colore.

    Su Wakanda Forever: avevo basse aspettative dopo le recensioni, le figlie mi hanno trascinato in sala e mi sono ricreduto. Non è memorabile nè originale ma scorre bene, non è troppo pacchiano ed emozionante quanto basta.

  • Michdasv • 13/12/22 09:25
    Galoppino - 284 interventi
    Ehm... no. Nel primo film, la sorella era esplicitamente descritta come un nerd senza muscoli.
    E in ciascun altro film dedicato ai singoli eroi, assistiamo a una sia pure rapida evoluzione tramite allenamenti, prese di coscienza, maggiore consapevolezza, controllo di muscoli e armi (la potenza è nulla senza controllo, diceva la pubblicità della Pirelli).Hulk ci mette anni a controllarsi, e perfino uno longevo come Thor impara solo nel terzo film qual'è il suo vero potere (sei forse il dio dei martelli?)
    Qui no, anzi. La totale pacifista passa da "nerd-da-lab" a "maciste-contro-tutti" in un batter d'occhio, come già accaduto sia a She Hulk sia a Miss Marvel (stessi mesi di realizzazione). In ciascuno dei casi, la ragazza di partenza è una educata signorina senza la minima preparazione alla lotta (almeno Vedova Nera aveva frequentato un'accademia, e la nuova Hawkeye si esercitava con l'arco tutti i giorni) (e la "she-Loki" impiega anni prima di poter padroneggiare la magia, sopravvivendo a stento).
    Tu mi domandi se io intendevo dare l'allarme verso un trend ideologico che permea tanti film di Hollywood in questi ultimi due o tre anni (cinque o dieci anni).
    Beh, diciamo che pensavo più "ai figli", che a "padri che le figlie" li trascinano a vedere queste cose.
    Io non ho nulla contro le donne guerriere in film di azione: anzi sono le mie preferite, da Eowin a Ripley, da Red Sonja alle pilotesse di guerre stellari. Ma vorrei che nei film fosse esplicitato che il mestiere della lotta è frutto di concreto allenamento e non un Diritto da rivendicare in astratto.
    Ad esempio: l'incoronazione.
    Nel primo film è chiara solo una cosa: che perfino nell'evoluto Wakanda, l'unico modo di scegliere il sovrano è un duello tribale combattuto da due energumeni. Idea strana, perchè con tutta quella saggezza e quella ricchezza, preferirei far governare una persona molto saggia piuttosto che forte, ma accettiamolo come regola locale. Ma poi?
    Nel secondo film, invece, il Potere viene ereditato da due donne senza duello sacro. Prima la Madre (perchè?) e poi la Sorella (perchè? anche ammettendo un ignoto cavillo a favore della regina madre in caso di improvviso decesso, perchè la Sorella?). E non soltanto non vincono nessun duello, ma nessuno dei numerosi pretendenti fa obiezioni. Se fosse accaduto molti anni fa, avrei pensato "coincidenze". Ma adesso, con la propaganda perpetua di questi anni, mi è impossibile non interpretarlo come un messaggio di propaganda politica: il Potere "deve" essere ceduto alle donne, gratis, anche senza che affrontino un regolare duello, anche senza che abbiano compiuto uno specifico addestramento (poi, però, i giornali di cronaca dal mondo reale ci dicono che una ministra inglese può durare meno di un mese) (e le guerre combattute per ordine di Isabella, Elisabetta, Caterina, Vittoria, e Margaret, poi Condoleeza e Hilary, senza dimenticare Angela, dimostrano che donne al potere non significa Pace) (Isabella è quella regina che - dopo aver massacrato i maomettani a Granada nel 1492, e aver convertito a forza i marrani -  ha istituito  e fondato il regime da cui nacque l'oppressione dei nativi centramericani rappresentati nel film, strano che in mezzo a tutti gli sceneggiatori anticolonialisti nessuno si sia ricordato di Lei).
    Opinione personale, senza pretesa di convincere nessuno.
  • Michdasv • 13/12/22 10:14
    Galoppino - 284 interventi
    Chadwick Boseman, purtroppo, è deceduto, e mi dispiace.
    Ma era un attore.
    Permettemi di dire, su un sito di cinefili che "era SOLO un attore": non un santo o un martire.
    Forse Hollywood ha smesso di fare film sul Joker? Su Batman? Su Superman? Ma se perfino han fatto Don Camillo dopo che è morto Fernandel! con esiti scarsi, ma l'hanno fatto.
    E allora non dovremmo più vedere drammi di Euripide, Shakespeare, Pirandello, perchè gli attori che li hanno impersonati sono già morti e nessuno li può sostituire?
    Il problema l'aveva già indicato Brecht nel 1939: "beato il popolo che non ha bisogno di eroi."
    La propaganda hollywoodiana rivolta agli afroamericani aveva puntato tutto su Wakanda e su Boseman. Come se fosse un vero eroe e non un attore (come se Wakanda, che è più immaginario della Fontana della Giovinezza, fosse un posto reale da cui provengono tutti gli afroamericani).
    Avrebbe potuto essere interessante una riflessione sulla vita, sulla morte, sulle cerimonie funerarie, invece abbiamo la beatificazione di un santo come se fosse una persona reale.
    è stata una buona scelta? per la mia opinione personale, pessima scelta.
  • Capannelle • 13/12/22 23:59
    Scrivano - 3045 interventi
    Sulla esagerata divinizzazione (o sfruttamento commerciale) di Boseman sfondi una porta aperta, anche io ci ho visto tanta voglia di cavalcare l'onda.
    Sulle illogicità di Wakanda o dell'ascesa della studentessa boh non le ritengo così forzate o fuori luogo nell'evoluzione del film. Che poi tutto sia molto Wakanda-centrico, a iniziare dalla riunione dell'Onu dove sembrano i depositari mondiali della saggezza. ok quello lo ammetto senza dubbi.