Cerca per genere
Attori/registi più presenti

CANDIDATO A SORPRESA

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 10
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/9/12 DAL DAVINOTTI
La sfida tra due candidati del North Carolina per un posto al Congresso è il terreno di battaglia per l'ennesima commedia americana in puro stile "Ferrell", con il simpatico comico (molto ben doppiato) nel ruolo del politico depravato e ignobile. Dovrebbe essere il candidato unico, ma all'ultimo momento spunta fuori il più stralunato degli avversari (Galifianakis), un ingenuo bamboccione utilizzato come uomo di paglia dai soliti intrallazzatori senza scrupoli (John Lithgow e Dan Aykroyd, in una parte ideologicamente simile a quella che interpretò anni addietro in UNA POLTRONA PER DUE). Un po' prevedibile nella sua realizzazione, la commedia di Jay Roach ha comunque al suo attivo qualche spunto davvero notevole e inatteso, che sfiora ripetutamente il confine con la volgarità senza però mai davvero oltrepassarlo. In fondo è come detto uno schema già ampiamente sperimentato e a far la differenza è soprattutto la regia (qui alle prese con una sceneggiatura niente male), in questo caso poco capace di compattare le scene scivolando in più occasioni in fasi di transizione poco avvincenti. A farne le spese è soprattutto il personaggio di Galifianakis, inevitabilmente molto meno incisivo di quello di Ferrell, che è invece travolgente ed esilarante nella sua inguaribile, sfacciata idiozia. La sfida tra i due sotto il profilo comico la vince quindi ampiamente Ferrell, con il collega che infila sì cinque o sei gag notevoli (l'intervista muta, l'incapacità nell'aprire le porte, lo spot "paternalista"...), ma che il più delle volte è condannato dai limiti di un ruolo costruito per fare da spalla alle vulcaniche iniziative di chi è (apparentemente) meno "ritardato"; non a caso guadagnerà spazio nel finale, quando l'inevitabile virata verso i lidi concilianti dell'happy ending confermerà la tradizionalità dell'operazione, pronta a seguire rigidamente una formula che in America è garanzia di successo. Ciò che più piace è la sconsideratezza di Ferrell (accetta con entusiasmo ogni proposta che distrugga l'avversario nel modo più scorretto possibile), il suo pensare in modo diverso da tutti e dalla morale comune trasformandolo in una sorta di Forrest Gump scioccamente malizioso e senza scrupoli. Potendo scremare certe pause e rallentamenti inopinati, certe intrusioni quasi mai divertenti del coordinatore della campagna (Dylan McDermott), certe ovvietà evitabili, avremmo potuto accostare il film ai migliori Ferrell-movie, così invece abbiamo un'altalena non del tutto soddisfacente, per quanto ricca di trovate "forti" e momenti memorabili. Siamo in definitiva in linea col più tipico dei film interpretati dall'ottimo comico: chi li conosce sa esattamente cosa aspettarsi.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 7/11/12 16:27 - 11140 commenti

La poco assortita coppia formata da Will Ferrell e Zach Galifianakis, è protagonista di questa commedia farsesca firmata da Jay Roach che ha per oggetto una competizione elettorale tra due singolari candidati. La sceneggiatura "serve" piuttosto male l'argomento, con una trama risaputa e prevedibile (compreso il finale "predicozzo" morale) e gag che raramente sono divertenti e sono invece troppo spesso infarcite di volgarità gratuita. Molto mediocre il doppiaggio italiano, che rende i personaggi ancor meno simpatici.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Puppigallo 5/10/12 12:41 - 4424 commenti

La classica commedia stile montagne russe; si sale con gag riuscite (talebano perchè ha la barba), per quanto esagerate, ma poi si scende, con ripetizioni e eccessive cadute di gusto (si scivola nel facile, con linguaggio pesante e soliti riferimenti sessuali). Comunque, i due protagonisti, soprattutto Ferrel, danno il loro contributo alla causa filmica destreggiandosi con disinvoltura, alle prese con un copione non certo eccelso, ma che gli permette di sbizzarrirsi, calcando volutamente la mano. Nel complesso, non male, anche se alcuni momenti sstridono un po' col resto dell'allegra cavolata.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Ferrel: "Ho avuto tracce di oro nelle feci...io cacavo oro!"; Il coordinatore di Galifianakis impone cani con la bandana; La cicatrice da scivolo. .
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Daniela 10/12/12 11:53 - 8712 commenti

Campagna elettorale senza esclusione di colpi fra il deputato in carica, scafatissimo e privo di scrupoli, e un candidato novellino, ingenuo bamboccio di cui una coppia di miliardari vuole servirsi per i propri affari... Commedia piacevole finché si resta sul terreno della satira politica, talvolta surreale ma non priva di plausibilità, ma scade nel finale buonista e conciliatorio. Se Galifianakis appare un pò spento, Ferrell sguazza nel ruolo che gli riesce meglio, quello del cafone maschilista volgare ed ignorante come una capra.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il "padre nostro" recitato da Ferrell con molte licenze poetiche.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Markus 22/9/12 10:32 - 3100 commenti

Le entusiasmanti battaglie elettorali statunitensi viste sotto la prospettiva della satira che punta alla pancia dello spettatore con boutade e cinismo che un certo tipo di commedia americana moderna impone e che prontamente non delude - quasi - mai. Eppure il mio giudizio non è del tutto compiacente; non tanto per il cast (che funziona perfettamente), quanto per la regia che s’accartoccia in repliche di gag (una volta si ride, la seconda meno) e momenti strappacuore francamente evitabili. Resta in ogni modo un buon film.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Redeyes 14/1/19 7:44 - 2086 commenti

Discreta pellicola dove Roach, tuttavia, si appoggia troppo sul duo comico sperando nel loro estro senza fornirgli grande materiale. Si sorride, soprattutto col maschilismo di Ferrell, ma siamo ben lontani dalla qualità di un "Frat Pack" classico, mentre Galifianakis gira piuttosto a vuoto. A peggiorare la situazione un finale smielato e moralista che annacqua ulteriormente la storia. Guardabile ma niente di più.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Pinhead80 21/8/18 11:05 - 3693 commenti

Discreta commedia che prende in giro con acuta ironia le maestose e "finte" campagne elettorali americane, finanziate dalle potentissime lobby costituite da milionari avidi e senza scrupoli. Lo scontro tra i due protagonisti è totale e coinvolgente. Spesso le battute sono esilaranti (tra tutte le confessioni a tavola della famiglia di Galifianakis). Altro punto a suo favore è che non ci sono momenti di stanca. Consigliato.
I gusti di Pinhead80 (Azione - Horror - Thriller)

Nando 18/10/13 7:03 - 3418 commenti

Una campagna elettorale al limite della decenza per due candidati in questo filmetto americano che si snoda tra gag volgari e poco ridanciane e predica buonista anti corruzione. La breve durata non mostra inutili orpelli ma sostanzialmente si assiste a una narrazione poco memorabile. Cast anonimo, nonostante un cameo di Goodman.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Didda23 22/10/13 11:05 - 2216 commenti

Ogni espressione di quel geniaccio di Ferrell vale sempre e comunque la visione del film. In questo caso, sulla carta, la scelta di farlo duettare con Galifianakis era perfetta; peccato che la sceneggiatura, nonostante qualche pillola politicamente scorretta, viaggi nella banalità più sconfortante. Lithgow e Aykroyd, purtroppo, sono relegati in personaggi troppo stereotipati che aggiungono poco e nulla alla verve comica del progetto. Facilmente si può incappare nella delusione. Solo per ferrelliani convinti.
I gusti di Didda23 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Viccrowley 17/10/13 22:53 - 774 commenti

La simpatia di Ferrell e di Galifianakis è al servizio di questa commedia che mette alla berlina un certo tipo di politica Usa fatta di proclami sensazionalistici, finte lacrime e bugie. Purtroppo il risultato è modesto, escluse alcune riuscite gag, dovute più alla fisicità e alla mimica dei due protagonisti che ad azzeccate idee di sceneggiatura. Finale troppo buonista, per quello che resta un divertissement da una visione e via.
I gusti di Viccrowley (Commedia - Fantascienza - Horror)

Rullo 13/10/12 21:57 - 388 commenti

Una commedia con Farrel e Galifianakis: come sbagliare? Incentrato prettamente sulla politica - quella americana - e sulla sua parodia distaccata. I due si scontrano senza esclusione di colpi, regalando spesso battute umoristicamente pregiate e mai troppo scadenti o inutilmente volgari. Tende a perdersi nel finale e ciò purtroppo non giova a un ritmo in precedenza eccellentemente sostenuto. Affiatata la coppia di attori, da godersi assolutamente in lingua originale.
I gusti di Rullo (Avventura - Commedia - Drammatico)