Cerca per genere
Attori/registi più presenti

PERMANENT VACATION

All'interno del forum, per questo film:
Permanent vacation
Titolo originale:Permanent vacation
Dati:Anno: 1980Genere: drammatico (colore)
Regia:Jim Jarmusch
Cast:Chris Parker, Leila Castil, John Lurie, Richard Boes, Sara Driver, Charlie Spademan, Jane Fire, Ruth Bolton
Visite:183
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/4/09 DAL BENEMERITO PIGRO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Non male, dopotutto a detta di:
    Pigro
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Deepred89
  • Scarso, ma qualcosina da salvare c'è a detta di:
    Schramm


ORDINA COMMENTI PER:

Pigro 11/4/09 10:25 - 7362 commenti

Vagabondaggi di un ragazzo nella metropoli: si pu˛ sintetizzare cosý l'errabondo cammino del protagonista per strade devastate e semideserte. Un giro senza apparente meta, per superare il senso di solitudine, cercando contatti umani che non corrispondono alle attese. Un film post-punk o jazz, anarchico o new wave, che non Ŕ un vero racconto, ma semmai la descrizione poetico-musicale del sentimento di sradicamento dei giovani newyorkesi 'arrabbiati'. Immagini curate. Esordio interessante per un regista alla ricerca di uno stile personale.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Schramm 16/4/15 13:04 - 2358 commenti

Sitibondo per vocazione, per disperazione e per calcolo, Aloysious capisce a spese altrui che errare significa vagare di sbaglio in sbaglio, ogni traiettoria e ogni spazio sono sintomi o diagnosi di un fallimento, di un isolamento cosmico inscalfibile, di un viaggio senza termine della notte. La sottrazione sembra essere la musa di Jarmush, che appeso agli anelli di Kaurismaki e Kern fa dello scarno e del disadorno una categoria dello spirito scopico, e dello svuotamento la sola materia con la quale riempire un film che, come il suo protagonista in esilio da se, deambula a vuoto irritando, tediando e spazientendo.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Deepred89 5/6/14 22:14 - 3115 commenti

L'esordio di Jim Jarmusch altro non Ŕ che il classico film indipendente tutto grana, bassa definizione e recitazione spontanea; peccato che all'orizzonte non si intraveda molto altro. Qua e lÓ affiorano dialoghi arguti che lasciano intuire una delle future carte vincenti del regista, ma il film rimane esile e fine a se stesso, peraltro senza un capo e una coda che siano veramente tali. Si respira un'interessante atmosfera da underground anni 80, ma il fascino si esaurisce qui e, dopotutto, Cassavetes faceva film del genere giÓ 25 anni prima.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)