Cerca per genere
Attori/registi più presenti

GLI ORRORI DEL LICEO FEMMINILE

All'interno del forum, per questo film:
Gli orrori del liceo femminile
Titolo originale:La residencia
Dati:Anno: 1970Genere: horror (colore)
Regia:Narciso Ib߽ez Serrador
Cast:Lilli Palmer, John Moulder-Brown, Cristina Galbˇ, Mary Mulligan, Mary Maude, Cßndida Losada, Tomßs Blanco, Pauline Challoner, Gloria Blanco
Note:(engl.: "The finishing school", aka "The house that screamed")
Visite:4297
Il film ricorda:La notte brava del soldato Jonathan (a R.f.e.), Nude... si muore (a Funesto), Phenomena (a Magi94), Suspiria (a Rebis, Trivex, Lucius, Funesto, Lythops)
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 32
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 28/1/07 1:05 - 4061 commenti

Quasi un capolavoro, forse senza quasi. ╚ uno di quei film che su grande schermo rendono ancora di pi¨. Il primo omicidio Ŕ di una "purezza" incredibile (forse il primo al rallentatore nella storia mondiale del cinema) ed Ŕ anche impreziosito dallo storcimento del commento musicale. La Palmer Ŕ eccezionale. Adorabili la Galbˇ e la Maude. Il film, oltre ad avere ispirato Suspiria, ha una chiarissima influenza anche su Occhi di cristallo e sul parimenti spagnolo The orphanage.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La Palmer che apre l'ultima porta (oltre, naturalmente, all'indimenticabile primo omicidio).
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Undying 10/10/07 17:25 - 3971 commenti

Se Ibß˝ez Serrador ancor'oggi (come sceneggiatore e regista di La culpa, film della serie PelÝculas para no dormir) rappresenta buona fetta del cinema fantastico spagnolo deve pur esserci una ragione: a parte l'eccezionale Come si pu˛ uccidere un bambino (1976), l'autore spagnolo diresse questo claustrofobico incubo "al femminile" con la presenza di un "liceo/carcere" che forse influenza l'argentiana accademia di danza "Elena Markos" (Suspiria). Notevole l'uso degli ambienti e delle luci e ottima la recitazione: con un finale che anticipa Body-puzzle.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I tentativi di fuga delle vittime nel finale.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Homesick 21/1/09 18:27 - 5714 commenti

Molto buono. Una lezione su come creare tensione e claustrofobia con minimo impiego di sangue, grazie all'attenta cura dell'atmosfera (un collegio femminile tetro come un maniero), degli sguardi, dei dettagli e al sapiente utilizzo delle musiche, del ralenti e del montaggio (si veda la sequenza delle frustate alternata a quella delle preghiere). Non manca un'aspersione di erotismo morboso. Ottime la severa e iperprotettiva Palmer, l'impaurita Galbˇ, e la Maude, sadica allieva-kap˛ precorritrice delle tante aguzzine lesbiche dei WIP.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il primo omicidio nel giardino: la lama, il sangue, i fiori, il ralenti, le musiche stonate...
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 9/8/09 12:21 - 6493 commenti

Splendido thriller, con qualche puntata nell'horror, caratterizzato da una storia godibile e inquietante e irrobustito da atmosfere anguste e repressive, che rimandano al clima della Spagna franchista, ritratte in maniera pienamente riuscita. Ottimo come film di genere e molto interessante anche come metafora. Notevoli le capacitÓ registiche di Serrador (che purtroppo girerÓ solo un altro film) e buona la prova del cast su cui spiccano la Palmer e la Maude, splendida ed affascinante aguzzina. InfluenzerÓ non poco il cine di genere a venire.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Rebis 26/5/09 21:19 - 2059 commenti

Superbo. Serrador filma la morte con tanatologica cinefilia e riesce a cogliere il raggelante istante della dissoluzione. Ogni elemento della messa in scena partecipa alla composizione di un tessuto percettivo greve e morboso, con l'orrore psicologico - silente, famelico ľ che avanza rapace fino ad esplodere nelle urla dietro la porta chiusa. Tutto Ŕ figlio legittimo e raccapricciante della violenza, con ombre lunghe stagliate dalla repressione franchista. Magnifica la Palmer e il fervido gineceo. Il finale concorre al brivido solo con le avatiane finestre che ridono.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le scene di morte; la porta che si apre accanto al pendolo; il cavallino a dondolo; la doccia di gruppo; la lezione di ricamo infuocata...
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

caesars 2/2/07 8:52 - 2245 commenti

Splendido film che forse risente leggermente del tempo passato. Gli omicidi sono realizzati molto bene ed in modo del tutto originale, ottimo esempio di come si possa creare suspense senza ricorrere ad effettacci e litri di sangue. ╚ un vero peccato che Serrador, dopo questa splendida pellicola e il validissimo Ma come si pu˛ uccidere un bambino, non ci abbia pi¨ regalato nulla.
I gusti di caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Ciavazzaro 2/6/09 12:57 - 4620 commenti

Inquietante e d'atmosfera. Ottimi gli attori e le scenografia del liceo, che quasi soffocca lo spettatore. Ottime la protagonista Lilli Palmer e una giovane Christina Galbˇ. Il finale provoca qualche brivido; da citare i delitti al rallentatore. Film d'atmosfera, promosso.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Herrkinski 5/3/12 2:00 - 3696 commenti

Pi¨ concentrato a creare l'atmosfera inquietante, piuttosto che a spargere troppo sangue, il film pu˛ anche contare su un'ottima fotografia e su una scenografia curatissima, che contribuiscono non poco al mood lugubre ed austero della pellicola. Eccellente il trio Palmer-Galbˇ-Maude e buona in genere tutta la prova del cast; ottime alcune trovate registiche e di montaggio; musiche un po' di maniera e ritmo d'altri tempi, ma gli estimatori del buon cinema horror del periodo credo non potranno che apprezzare comunque. Decisamente da rivalutare.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Brainiac 10/1/09 14:15 - 1081 commenti

Thriller diretto con classe. Serrador sceglie un gruppo di brave e sensuali attrici: dall'algida direttrice, alla ragazza timida, fino alla perfida aguzzina. C'Ŕ una buona tensione e la sceneggiatura Ŕ ben scritta. Il collegio Ŕ fotografato magistralmente e risulta sporco e tetro quanto basta. Nelle camere polverose la direttrice segrega le ragazze quanto il figlio, ovviamente complessato. Insistito il sottinteso sessuale. Morboso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La protagonista vede una mano che spinge una finestra: Ŕ un'allucinazione?
I gusti di Brainiac (Commedia - Gangster - Horror)

Hackett 6/7/08 12:44 - 1441 commenti

Davvero bello e sorprendente, un precursore del cinema che ha creato il connubio college-horror. Nonostante alcuni momenti un po' lenti, la trama Ŕ avvincente e le scene di delitto sono girate senza ricorrere allo splatter, a volte imbarazzante, dei film dell'epoca. Prevedibile forse l'assassino, ma il vero colpo di scena Ŕ nelle sue motivazioni. Bel finale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il secondo delitto, fermoimmagine e poi taglio di gola.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Ghostship 16/6/10 16:22 - 395 commenti

Morboso horror che dovrebbe avere ben altra fama. L'atmosfera che si respira sarÓ ripresa in numerose altre pellicole, specie italiche; ne saranno debitori Fulci ed Argento. Unico difetto Ŕ che ci˛ che gli ultimi due registi citati rendono in modo esplicito qui Ŕ ancora sotteso, nascosto, ma comunque non privo di grande fascino.
I gusti di Ghostship (Giallo - Horror - Thriller)

Trivex 28/11/11 10:22 - 1309 commenti

Girato benissimo, con una splendida fotografia e magnifiche scenografie che rendono bene il tempo antico. Particolari speciali come il grande luogo del bagno delle ragazze (notevolmente "docciate" in camicia) aiutano a rendere bene "il ruvido" del collegio, di alcune sue ospiti e della imperturbabile direttrice. Gli omicidi sono originali, d'avanguardia per come ripresi e dotati della violenza necessaria, nÚ pi¨ nÚ meno del dovuto. Tanti particolari morbosi, anche solo accennati, ma siamo solo nel 1970 (anche se a volte non si vede proprio). ****

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: I gesti dell ragazze mentre una di loro Ŕ in compagnia del ragazzo della legna (il desiderio brucia il corpo e la gelosia devasta l'anima).
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Rambo90 14/9/15 1:39 - 4927 commenti

Bell'horror spagnolo, che ha ispirato numerose opere successive (tra cui sicuramente Suspiria) e che riesce a inquietare grazie all'atmosfera morbosa e macabra (perchÚ di sangue ne scorre pochissimo). La fotografia e le scenografie concorrono molto alla riuscita, cosý come la bella colonna sonora. Buona l'interpretazione della Palmer e azzeccato il resto del cast. Peccato solo che l'identitÓ del killer sia piuttosto facile da intuire (cosý come le motivazioni), ma resta un cult del cinema d'orrore europeo.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Saintgifts 18/4/12 12:42 - 4099 commenti

Molte cose sono apprezzabili in questo giallo-horror: la scelta della casa, lucida di fuori ma sporca e fatiscente (i bagni) all'interno, cosý come la direttrice e le mademoiselles, eleganti nell'aspetto, ma bacate (non tutte) all'interno. Molte scene sono apprezzabili: la lezione di ricamo con l'attesa spasmodica del momento di piacere, la doccia con vestaglioni... pure il finale ha un senso e cresce con la giusta sordina. Poi ci sono cose poco credibili, ma fa parte del gioco; soprattutto aleggia sempre un senso di incompiuto.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Gi¨an 11/4/12 12:10 - 2343 commenti

Pi¨ di un film e ben prima che un thriller, La residencia Ŕ un trattato fenomenologico sull'"inqualificabile" passaggio dalla giovinezza all'etÓ adulta. Col suo ritmo implacabilmente assennato, Serrador riesce nell'impresa di dar conto dei pruriti come degli aneliti, delle voluttÓ quanto delle inibizioni che l'adolescenza trascina con sŔ. Lo fa con una purezza tecnica che rifugge qualsiasi morbositÓ, assurgendo fin dalle prime inquadrature all'aura del Classico. Commendevole la sfaccettatura del cast tutto, su cui impera l'altera postura di Lilli Palmer.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli omicidi "ovattati e puliti"; La scena della doccia; Le ragazze che torturano la Galb˛ facendole confessar il "mestiere" della madre.
I gusti di Gi¨an (Commedia - Horror - Thriller)

Myvincent 17/1/11 14:55 - 1888 commenti

Inquietante e ben fatto come pochi, questo film anticipa, per le situazioni e la claustrofobia, Suspiria di Dario Argento, dove per˛ aleggiano il soprannaturale e l'esoterico. Le atmosfere sono cupe ed agghiaccianti, gli assassinii originali e tenebrosi, la trama un po' troppo prevedibile, specie per i navigati amanti del genere. Un vero gioiello gotico...
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Stefania 1/4/12 19:06 - 1602 commenti

Utero vischioso e introflesso, che invece di nutrire il feto per darlo alla luce lo uccide, imprigionandolo, questo liceo femminile Ŕ un torbido ricettacolo di sottili sadismi, di ricattatorie dinamiche di sopraffazione, di tristi morbositÓ, di amori malati. Splendido thriller, sorprendenti gli omicidi al ralenti, come rivissuti in una trance; acuta metafora della repressione (sociale e politica) delle energie innovatrici, finalizzata al forzato mantenimento di un ordine ormai scheletrito e marcescente: come la mostruosa creatura in quella soffitta sigillata come una tomba. Tenebrosissimo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le sequenze alternate della doccia delle ragazze nella grande stanza bianca e del ragazzo imprigionato nel cunicolo buio.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Rufus68 18/7/16 23:11 - 1352 commenti

Film capostipite del genere che soffre di un difetto paradossale: l'hanno talmente copiato che ora, a distanza di decenni, sembra proprio lui a una derivazione. Al di lÓ di tale superficiale impressione occorre ammettere che "La residencia" Ŕ un piccolo gioiello: la regia Ŕ quasi elegante, non ha mai cedimenti o pur minime cadute nel cattivo gusto; l'accompagnamento musicale Ŕ davvero buono mentre il finale vanta toni di soave crudeltÓ.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Nicola81 27/9/16 18:33 - 1309 commenti

Thriller psicologico che gode di buona reputazione ma che non mi ha entusiasmato. L'atmosfera claustrofobica e morbosa che si respira nel collegio viene resa con efficacia e Serrador Ŕ bravo a dirigere con eleganza una storia che poteva prestare il fianco a derive boccaccesche, per˛ non riesce nÚ a imprimere il giusto ritmo nÚ a vivacizzare un soggetto piuttosto scarno. Il finale cattivo lascia il segno, ma l'identitÓ del colpevole Ŕ ampiamente prevedibile. Brava la Palmer, mentre tra le ragazze non emerge nessuna. Non male le musiche.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Rigoletto 25/4/12 12:15 - 1137 commenti

A me Ŕ sembrato niente pi¨ che un buon film, non certo un gioiello assoluto da far gridare al miracolo. Mi spiego, l'atmosfera Ŕ perfetta: il collegio Ŕ lugubre e la vita all'interno malsana e torbida, ed Ŕ costante la sensazione di stare col fiato sospeso. Gli ingredienti per una partenza in quarta ci sono tutti... il punto Ŕ che alla quinta non ci si arriva, rimanendo molto lento! Un thriller che alla fine tende un po' ad arrotolarsi su se stesso e che mozza il fiato perchÚ sa di non concluso, di esteticamente incompiuto. ***
I gusti di Rigoletto (Avventura - Drammatico - Horror)

Socrate 20/9/16 18:52 - 1109 commenti

Magnifico horror a tratti "ossimorico": la purezza delle fanciulle che si trasforma in cattiveria e morbositÓ, preghiere e sevizie, i fiori bianchi sporchi di sangue, l'inflessibile ma amorevole (nei confronti del figlio) direttrice. Serrador era anni avanti grazie a inquadrature e momenti sublimi (il primo omicidio, la lezione di cucito, Teresa e la professione della madre, gli ultimi "mostruosi" dieci minuti) e usa in maniera equilibrata la tensione. Anticipatore.
I gusti di Socrate (Commedia - Drammatico - Gangster)

Lythops 10/11/15 16:07 - 893 commenti

Piacevole sorpresa a dispetto del titolo pruriginoso che lascerebbe presupporre un banalissimo B-movie. La regia si dimostra in grado di mantenere viva l'attenzione fin dall'introduzione, con inquadrature attente a esaltare il lugubre collegio gotico in cui si svolgerÓ tutta la storia. A differenza dell'edizione italiana anni '70, che ha conosciuto molti tagli di natura anche "morale" nonostante il divieto ai minori, l'originale fa conoscere un'opera molto ben strutturata e piacevole, sotto certi aspetti originale per quel cinema di genere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Madame Fourneau e il suo concetto di "educare".
I gusti di Lythops (Documentario - Poliziesco - Thriller)

Bruce 22/12/09 12:57 - 857 commenti

Bel gotico spagnolo, robusto nella sceneggiatura, molto ben diretto ed interpretato, con le ambientazioni e la musica giuste. Nella prima ora il regista inquadra la situazione e costruisce, lentamente, l'atmosfera e negli ultimi trenta minuti, di puro thriller, affonda il colpo. Nulla Ŕ fuori posto. Fuorviante Ŕ invece il titolo italiano: molto meglio l'originale.
I gusti di Bruce (Giallo - Poliziesco - Thriller)

R.f.e. 8/5/09 15:35 - 836 commenti

Secondo me un capolavoro misconosciuto. E lo pensavo sin dal lontano 1979, quando scrissi un articolo entusiasta sul film per una fanzine all'epoca molto apprezzata, "Il Re in Giallo". Un bel thriller d'atmosfera, d'ambientazione "collegio femminile" - a me ricorda anche, un pochino, La notte brava del soldato Jonathan (1971) con Clint Eastwood, o il messicano "Hasta el viento tiene miedo" (1968) di Carlos Enrique Taboada - con un erotismo morboso pressocchÚ solo "suggerito", tutto a fior di pelle.
I gusti di R.f.e. (Avventura - Azione - Erotico)

Von Leppe 4/12/15 11:08 - 811 commenti

Giallo gotico che si fa apprezzare soprattutto per l'ambientazione nell'oscuro collegio (la residencia del bel titolo spagnolo) tra vetusti corridoi e stanze, dove si muovono le ragazze protagoniste come recluse, in un'atmosfera cupa e malsana. La soluzione orrorifica finale pu˛ risultare esagerata negli intenti e per questo poco riuscita, ma segna un po' l'apice dell'aura morbosa che permea tutta la pellicola.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

Funesto 28/9/09 22:23 - 523 commenti

Notevole esempio di horror a tinte forti (?) Anni Sessanta. Il regista sfrutta benissimo le limitatissime location donando al film unĺestetica sopraffina e delle ottime atmosfere gotiche. Ottime le recitazioni e la caratterizzazione dei personaggi (quella della Palmer su tutti) e riuscitissime le scene di paura. Anche i delitti, seppure poco o nulla sanguinosi, colpiscono nel segno. Soppesando questi pro, si pu˛ anche perdonare al film una certa lentezza e un soggetto di una povertÓ non indifferente. Molto, molto buono nel complesso. Quasi 4 pallini.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il primo, spettacolare delitto nella serra e il finale shock con la Palmer che urla come un'ossessa...
I gusti di Funesto (Animazione - Horror - Thriller)

Magi94 27/10/17 13:17 - 315 commenti

Molto bello, ha il suo punto di forza nelle atmosfere claustrofobiche che fanno sentire il peso della morale reazionaria franchista. Difficile non paragonarlo a Phenomena per l'ambientazione, per le compagne di collegio spietate e per la soluzione finale. Serrador dirige con una certa maestria (raggiungendo una punta che lascia il segno nel primo omicidio), ma bisogna anche dire che la sceneggiatura Ŕ relativamente fiacca (solo due omicidi!) e non c'Ŕ mai vera tensione. Ottimo il finale, ampiamente prevedibile, ma non in tutta la sua follia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il primo omicidio; La "ragazza" finale.
I gusti di Magi94 (Commedia - Drammatico - Horror)

Manowar79 8/12/08 14:02 - 309 commenti

Anno di grazia 1970: Serrador firma uno dei primi grandi esempi di "thriller collegiale" (sottogenere giÓ affrontato un paio d'anni prima da Margheriti), che in un certo senso anticipa lo stile e la psicologia argentiana di Phenomena. Assente l'elemento paranormale, ma l'atmosfera non manca e l'insistenza sul rapporto madre-figlio conia un clichÚ tutt'ora riscontrabile in svariate occasioni (The Orphanage). Finale choc. Seminale.
I gusti di Manowar79 (Commedia - Fantascienza - Horror)

Lebowski 7/5/10 9:12 - 82 commenti

Il titolo italiano ammiccante fa presagire tutt'altro, ma "La Residencia" Ŕ un film elegante che lesina in elementi exploitativi (almeno apertamente: la tensione morbosa Ŕ costante) e si concentra nella creazione dell'atmosfera e nella costruzione del finale, che davvero dÓ un senso alla storia; una volta tanto lo svelamento dell'identitÓ del killer e della sua psiche non Ŕ posticcia e pretestuosa. Riuscito anche il sottotesto politico: la repressione della libertÓ genera mostri. Un po' lento, poco incisivo qua e lÓ, ma memorabile. Ottimo cast.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale: ormai si Ŕ giÓ visto qualcosa di simile altrove, ma comunque lascia con un senso di sgomento anche lo spettatore attuale.
I gusti di Lebowski (Fantascienza - Horror - Poliziesco)

Fele 25/12/07 18:31 - 43 commenti

Ottimo pseudo-horror dimenticato, intriso di un ben amalgamato mix di sadismo, strisciante erotismo voyeuristico e malaticcio, velato incesto e devianza mentale. Gran bel finale, certamente non imprevisto, ma dai particolari eccessi straordinariamente riusciti. Torbido.

Casinista 11/3/10 12:16 - 39 commenti

Ottimo film del regista uruguayano Serrador, che ha il merito di sviluppare una credibile atmosfera orrorifica, senza accanirsi nella facile tentazione di particolari splatter. Viene magistralmente descritta con dovizia di particolari la realtÓ quotidiana all'interno della "residencia" che ben si sposa con ombre e giochi di luce a tal punto da rendere la spettrale dimora delle collegiali un vero e proprio cimitero vivente. Innegabile precursore del film argentiano Suspiria (1977).
I gusti di Casinista (Horror - Poliziesco - Thriller)

Macigno 19/4/07 9:42 - 25 commenti

Un buon thriller, ambientato in un collegio femminile che Argento ricorderÓ bene in Suspiria. Ben recitato (ottima Lilli Palmer, con uno sguardo capace di atterrire) ma un po' statico, con una soggetto che arranca alla ricerca di un appiglio che possa movimentare in qualche modo la situazione. Vi riesce grazie al finale straziante che lascia interdetti, con una soluzione non certo imprevedibile per quanto riguarda l'individuazione del colpevole ma molto interessante (per quanto non troppo plausibile) nella descrizione della patologia.
I gusti di Macigno (Comico - Fantascienza - Teatro)