Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'ULTIMO SPETTACOLO

All'interno del forum, per questo film:
L'ultimo spettacolo
Titolo originale:The Last Picture Show
Dati:Anno: 1971Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Peter Bogdanovich
Cast:Timothy Bottoms, Jeff Bridges, Cybil Shepherd, Ben Johnson, Cloris Leachman, Ellen Burstyn, Eileen Brennan, Sam Bottoms, Randy Quaid, Clu Gulager
Note:Seguito da "Texasville".
Visite:983
Il film ricorda: American graffiti (a Buiomega71), Gioventù bruciata (a Homesick)
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 16
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 26/12/07 DAL BENEMERITO LOVEJOY

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 4/9/08 6:39 - 10684 commenti

Brillante parallelo tra la chiusura di un locale (in questo caso un cinema) e il tramonto di una generazione, L’ultimo spettacolo è un film che come pochi altri ha saputo ritrarre la disillusione di una nazione alla vigilia di uno degli eventi più contradditori della sua storia (la guerra del Vietnam). Girato in un efficace bianco e nero e segnato dall’efficace ambientazione (una piccola città del Texas), il film si caratterizza per la bella sceneggiatura che compie una buona caratterizzazione psicologica dei personaggi e per l’ottimo cast.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Pigro 3/3/10 10:10 - 7121 commenti

Adolescenti dei primi anni 50 in pieno risveglio ormonale in un piccolo paese di provincia. Con una narrazione asciutta che guarda proprio al cinema di quegli anni (in un bellissimo b/n) e con una sensibilità registica di alto livello, Bogdanovich realizza un grande film, in cui le vicende di ciascun personaggio hanno il respiro universale di vite sospese tra bisogno d'amore e deserto sociale, e in cui il tempo distruttore di illusioni cala la sua scure alla fine anche sui ragazzi protagonisti strappandoli in vario modo alle loro speranze.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 17/1/10 18:47 - 5737 commenti

Accorato, penetrante, elegiaco. Mesto canto della fine di un’epoca – l’America dei western fordiani, rievocata dalla proiezione de Il fiume rosso nel cinema del glorioso Johnson – e delle inquietudini delle nuove generazioni nell’imminenza della guerra di Corea, che il morbido b/n di Surtees e le musiche diegetiche (radio) involgono in una densa atmosfera di malinconia e di suggestioni rétro. Gli attori (giovani promesse e veterani) recitano con la sommessa intensità di Gioventù bruciata e l’esordiente Shepherd (anche nuda) magnetizza con la sua bellezza tersa e altera. Salutare nostalgia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L’ultima proiezione. Il sorprendente nude-party in piscina con impacciato strip-tease della Shepherd. La morte di Billy. Il ritorno da Ruth.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 31/8/08 19:38 - 6795 commenti

Splendido film di Bogdanovich che regala emozioni a profusione grazie ad una bellissima sceneggiatura e ad un cast di attori da urlo alcuni dei quali non si ripeteranno facilmente a questi livelli (si pensi a Cybil Shepard). Intensa, struggente e coinvolgente come poche, è una pellicola che non bisogna lasciarsi sfuggire per nessun motivo. Gioiello di inestimabile valore e bellezza. Con un seguito ("Texasville") dal risultato inferiore ma comunque ottimo.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Deepred89 4/1/14 23:22 - 3046 commenti

Un American graffiti in (bianco e) nero, pessimista e disilluso fino al midollo (anche in modo gratuito in chiusura), toccante e coinvolgente nel trascinarci nelle vite dei suoi personaggi, con la loro umanità, i loro difetti, le loro speranze, per poi scagliarci contro i loro errori e le loro sconfitte. Il tutto in un contesto di grande suggestione: un nuovo, mortifero Texas che si contrappone all'ormai sepolto (dalla polvere, o forse dalle ceneri degli antieroi peckinpahiani) west incarnato dal bellissimo personaggio di Ben Johnson. Notevole.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Lovejoy 26/12/07 23:16 - 1825 commenti

La storia di alcuni giovanotti pochi giorni prima di partire per il Vietnam e della chiusura imminente del cinema della città. Bellissimo, commovente, splendidamente diretto da un Bogdanovich al meglio. Rimane impresso nella mente per un bianco e nero sfolgorante e per le interpretazioni di un autentico vecchio leone del grande schermo, ovvero il mitico Ben Johnson nei panni del gestore del cinema, per il quale ha vinto un meritatissimo Oscar come Attore Non Protagonista. Oscar anche alla Leachman come Attrice Non Protagonista.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Tutte quelle dove appare Sam Il Lione, meravigliosamente interpretato da un grandissimo Ben Johnson.
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)

Saintgifts 30/5/11 10:48 - 4099 commenti

Film del 1971 che parla di un'America (quella provinciale del Texas) di vent'anni prima. Racconta di cose che finiscono, la gioventù, le sale cinematografiche, gli stili di vita e la vita stessa. Lo fa con belle immagini velate però di melanconia e con personaggi di varie età, dove i giovani sono evidentemente vittime (ma anche consolate) delle generazioni precedenti. L'inutilità dello spazzare la polvere dalle strade, che sempre si accumula, porta però a una tragedia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'urlo dei cowboys che spingono la mandria nell'ultimo film proiettato ad Anarene (Red River di Howard Hawks), è la speranza nel futuro.
I gusti di Saintgifts (Drammatico - Giallo - Western)

Belfagor 20/5/13 12:10 - 2563 commenti

L'opera più rappresentativa di Bogdanovich, intrisa di citazionismo e nostalgia per i tempi d'oro del cinema americano, come traspare dal b/n intenso di Surtees e dalla malinconia della colonna sonora. La lenta agonia della città di provincia è lo specchio di un'epoca ormai al tramonto, fra l'avvento della TV e la guerra di Corea che distruggerà molte giovani vite. Eccellente il cast multigenerazionale, che include l'esordiente Cybil Shepherd. Due Oscar meritatissimi per Johnson e per la struggente Leachman.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sala da biliardo vuota; Il finale.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Giùan 13/8/15 16:35 - 2496 commenti

Si può imputare a Bogdanovich (ma si deve aver l'occhio lungo e troppo cinico dell'appassionato) un che di saccente intellettualismo, così come il fatto che l'aspirazione all'asciuttezza hawksiana sia talora offuscata da una naturale tendenza al patetismo fordiano; è incontrovertibile tuttavia che L'ultimo spettacolo sia uno degli omaggi cinefili più lucidi e malinconici mai girati. I fotogrammi scorrono con la solenne possenza dei classici, l'afflato per gli sconfitti vecchi e giovani ha la struggente sincerità di chi non giudica ma vorrebbe salvare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Indimenticabili tutti i protagonisti, con nota al merito ulteriore per il duetto Sheperd-Burstyn e per la fremente Cloris Leachman.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Buiomega71 1/8/11 17:09 - 1854 commenti

Capolavoro assoluto di Peter Bogdanovich, che non farà mai più un film così intenso e toccante. Un paesino americano in mezzo al nulla, con cinefilia che scorre nelle vene, amori, tragedie e tanta nostalgia. Il cinema che chiude non si scorda più, così come i protagonisti e i loro amori. Splendido il bianco e nero di Robert Surtees. Da non mancare assolutamente, tocca il cuore e l'anima. Forse uno dei film americani più belli in assoluto. Bogdanovich arriva due anni prima su Lucas, raccontando con amarezza i suoi American graffiti. Imperdibile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il disastroso incontro intimo tra Bridges e la Shepherd; il pedofilo occhialuto; bottoms e la Leachman; il cinema che dà l'ultimo film.
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Ryo 11/5/16 23:49 - 1724 commenti

Un delizioso dramma ambientato in una piccola comunità texana: tutti si conoscono e tutti sanno tutto di tutti. Girato ricreando incredibilmente nello stile di montaggio e nella fotografia i film degli anni 40 e 50. Tante piccole storie che si intrecciano e testimoniano la transizione di un'età vista in ottica sia maschile che femminile. Recitazione ai massimi livelli, regia perfetta.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Alex1988 9/10/18 18:40 - 457 commenti

Il primo grande successo per Peter Bogdanovich il quale, dovendo raccontare la giovane generazione degli anni '50, già in pericolo per l'imminente guerra di Corea, realizza il film interamente in bianco e nero, sottolineando l'atmosfera di malinconia che permea tutta la vicenda. E' un amaro percorso di iniziazione alla vita per i protagonisti; due anni dopo, George Lucas realizzerà l'analogo American graffiti. Interessante.
I gusti di Alex1988 (Azione - Poliziesco - Western)

Maxx g 24/8/15 15:53 - 392 commenti

Film struggente sulla gioventù anni '50, che a poco a poco perde le proprie illusioni e i propri sogni dovendo fare i conti con l'amara realtà. Per la sua terza opera, Bogdanovich (su suggerimento di Welles) sceglie il bianco e nero e la scelta si rivela azzeccata, anche per sottolineare la sottile linea di amarezza che permea tutta la pellicola. Un film da riscoprire, anche per la bravura degli attori. Merita davvero!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le scene di tenerezza tra Ruth e Sonny.
I gusti di Maxx g (Comico - Horror - Western)

Roger  27/8/12 10:31 - 143 commenti

Il capolavoro di Bogdanovich è un maestoso ritratto della provincia americana dove, nell'arco temporale di un anno, viene mirabilmente dato il senso del passare del tempo, delle cose che cambiano inesorabilmente sia per le vicende personali dei protagonisti che per la modernità che avanza. Con l'ultimo spettacolo finisce la giovinezza del protagonista, ma anche l'epopea del west. L'era della TV incalza, come sottolineato nell'ultima sequenza. Tutti i personaggi, con poche battute, ti entrano dentro per sempre...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sala da biliardo vuota, spazzata dal vento.
I gusti di Roger (Comico - Commedia - Drammatico)

Gelido 25/8/11 17:18 - 16 commenti

Un film bellissimo che riprende lo stile del cinema classico americano (compreso un intenso b/n) per raccontare il tramonto di un'epoca e la disillusione di una generazione. Sembra quasi che Bogdanovich abbia voluto alzare il velo sull'età dell'oro americana, mettendo in evidenza tutta la polvere che la sporcava (e il ragazzo con la scopa è una figura assolutamente memorabile). La costruzione del film e dei personaggi è profondamente metaforica, forse anche troppo; si rasenta lo schematismo.
I gusti di Gelido (Commedia - Drammatico - Musicale)

Pinoderosa 14/6/09 23:08 - 12 commenti

Bellissimo e struggente film sulla fine dell'adolescenza in un'anonima cittadina texana (Anarene). Il passaggio alla vita adulta dei due protagonsiti Sonny e Duane visto attraverso il susseguirsi di vari eventi: la morte di Sam "il Leone", la fine della scuola, la partenza per la Corea di Duane e la chiusura del cinema con "L'Ultimo Spettacolo" in cui si proietta Fiume Rosso con John Wayne. Regia splendida coadiuvata da attori strepitosi. Il film ha avuto un seguito (Texasville) nel 1990.
I gusti di Pinoderosa (Animazione - Drammatico - Fantascienza)