Cerca per genere
Attori/registi più presenti

NELLA STRETTA MORSA DEL RAGNO

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 23
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 18/4/07 17:54 - 3875 commenti

Margheriti rigira, questa volta a colori, il diabolico accordo tra Edgar Allan Poe (Klaus Kinski) e l'incauto incredulo: una notte all'interno di una casa che si dice infestata. Il colore, però, sembra alleggerire il clima di tensione e di fantastico presente in Danza Macabra. Il risultato finale è garantito dal nutrito gruppo di attori, ma l'effetto non è dei più memorabili a causa di alcune lungaggini cui la lenta sceneggiatura sottopone lo spettatore...
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Il Gobbo 26/2/18 9:45 - 3011 commenti

Tale è l'affetto che proviamo verso il vecchio gotico che a questo auto-calco perdoniamo i non pochi difetti: dal colore che tutto sommato poco si addice all'eccessiva gestualità da Actor's studio di Franciosa, in generale al suo essere un po' fuori tempo. Però un ottimo inizio (con Kinski che dopo Sade inanellla un'altro ruolo da scrittore) e la felice presenza di tutto l'armamentario di prammatica ce lo fanno apprezzare. Un po' meno la pigra edizione in dvd della Sinister, però.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Homesick 18/11/07 9:34 - 5737 commenti

Dilatato e inutile remake a colori di Danza macabra, assai meno convincente dell'originale; si sente soprattutto la mancanza della Steele, con la quale la Mercier non regge certo il confronto. Motivi di interesse sono i toni bluastri del Technicolor e il prologo inziale, con un grande Kinski che vaga tra le tombe di un cimitero declamando "Berenice".
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 5/10/09 20:10 - 6970 commenti

E’ raro che uno stessa regista rifaccia un suo film. Margheriti lo fa, realizzando una nuova versione dell’ottimo Danza macabra senza però bissarne i risultati. La differenza fondamentale tra i due film è sicuramente nella mancanza di atmosfera che caratterizzava invece marcatamente e positivamente l’originale. Viene da chiedersi perché sia stata fatta un’operazione del genere e se non sarebbe stato meglio (io propendo per il sì) lasciar perdere.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Caesars 6/11/09 10:31 - 2456 commenti

Remake di Danza macabra girato dallo stesso Margheriti, col quale non posso fare un confronto in quanto non l'ho visto. Presa come pellicola a sè, questa ha alcuni lati pregevoli: una bella fotografia a colori (molto cupi), una buona recitazione di Franciosa e di Kinski (che però si vede poco) e una bella atmosfera; d'altro canto però la lunghezza pare eccessiva e vi sono numerosi momenti in cui si avverte un po' di noia. Peccato, perché con un ritmo leggermete più svelto avrebbe potuto essere un bel film.
I gusti di Caesars (Drammatico - Horror - Thriller)

Ciavazzaro 21/6/08 12:41 - 4722 commenti

Margheriti gira un ottimo remake del suo già famoso Danza Macabra. Certo forse la lunghezza è eccessiva, ma l'aria inquietante del precedente si respira di nuovo. Il technicolor poi, così cupo, è davvero molto suggestivo e le musiche sono molto meglio rispetto al predecessore. Molto meglio anche Franciosa protagonista e Kinski nel ruolo di Poe. Non paragonabile alla Steele, ma regale la Mercier. Da vedere.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Hackett 1/5/08 9:40 - 1597 commenti

Affascinante film di Margheriti che, rigirando il suo Danza macabra a colori può avvalersi di un cast di ottimi attori reso ancor più prestigioso dalla presenza di Klaus Kinski. La storia, già nota, è sempre affascinante e il colore non scalfisce il buio inquietante del castello in cui si consuma la diabolica scommessa. Interessante operazione di autoremake non usuale per il cinema italiano, soprattuttto all'epoca.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La corsa finale di Franciosa.
I gusti di Hackett (Giallo - Horror - Thriller)

Ghostship 20/7/10 21:59 - 394 commenti

Film costruito correttamente per ciò che concerne il reparto tecnico, che però, a causa dei tempi dilatati tipici del genere, risulta di una noia mortale oltre ad apparire palesemente fuori tempo massimo, chè nel 1971 il gotico era morto e sepolto. Non si capisce il perché di una simile operazione, un remake nel quale nessuno crede, da Margheriti a Franciosa, quest'ultimo sopra le righe ed assolutamente fuori parte.
I gusti di Ghostship (Giallo - Horror - Thriller)

Lele Emo 12/9/07 11:06 - 173 commenti

Remake davvero poco riuscito, anche se girato dallo stesso regista. Di certo il colore non aiuta e la "foschezza" gotica ne risente non poco, generando appena un po' di tensione di scarso valore e tuttavia largamente prevedibile. Tony Franciosa sembra un cowboy trapiantato da un western in un film horror, non riesce a creare tensione e risulta parecchio goffo in tantissime scene. Deve rimanere nella storia però tutta la parte iniziale dove un Kinski immenso ci regala la più perfetta interpretazione di Poe di tutti i tempi!
I gusti di Lele Emo (Drammatico - Erotico - Musicale)

Rufus68 19/7/16 23:35 - 2618 commenti

Incomprensibile remake. Danza macabra già accusava momenti di stanca; questa versione rischia, a più riprese, il totale disinteresse dello spettatore (nonostante l'indubbio mestiere di Margheriti). Manca la tensione e, soprattutto, la sottile eversione propria del genere. A rompere la scontatezza del tono rimane solo Kinski che, purtroppo, si vede pochi minuti.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Giùan 19/9/12 22:13 - 2617 commenti

Son nella larga schiera di coloro che valutano superflua e risibile la necessità di questo remake margheritiano. Certo, si potesse far opera di collazione cinematografica, sarebbe d'obbligo interpolare i primi 15 minuti della nuova versione sull'originale del 1964, vista la resa di un Kinski ispiratissimo nelle vesti di un Poe allucinato e febbrile. Tutto il resto del cast però (con in testa Franciosa e la Mercier) non ha alcuna intensità e la messa in scena appare pedante, prolissa ed alimentare. Dal ritmo catatonico, emblematico campione di opera morta.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Nel bene: tutto il primo segmento con Kinski/Poe; Nel male: le sopraciglia marcatissime della Mercier e i corsetti di Karin Field.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Myvincent 29/3/19 8:03 - 2286 commenti

Il grande Margheriti in un gotico che ancora sopravvive, quando l'aria sta per cambiare nell'espressione cinematografica orrorifica. Ci sono tutti gli elementi tipici per far rabbrividire: un castello, i fantasmi, le apparizioni, le antiche maledizioni ancora insolute. Per di più "supervisiona" il tutto addirittura Edgar Allan Poe. Se in qualche punto pare tirato per le lunghe, il finale indovinato lo rende degno di essere visto e rivisto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Anthony Franciosa e il finale che curiosamente anticipa un celebre film di Argento.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Buiomega71 8/4/11 0:08 - 2002 commenti

Premetto che non ho visto l'originale, quindi mi preservo dal fare paragoni, ma trovo questo gioiello uno dei migliori film di Margheriti. Già dall'inizio, con Kinski (formidabile Edgar Allan Poe) che scava nella tomba, all'incontro nella locanda, la scommessa e Franciosa che si reca al castello dei fantasmi, con un "incominciamo bene", riferito al cancello irto di spuntoni. Angoscia e tensione, i fantasmi del passato, il serpente tagliato in due, la sensualità della Mercier, lo straordinario e visionario finale. Piccola gemma della paura.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Franciosa fugge con la Mercier inseguito dai fantasmi, l'alba, il giardino, il cancello con gli spuntoni...
I gusti di Buiomega71 (Animali assassini - Horror - Thriller)

Minitina80 1/1/19 9:38 - 1976 commenti

Dopo un inizio promettente in cui è possibile ammirare Kinski impersonare Edgar Allan Poe caricandolo di una follia palpabile, si rimane impantanati in frammenti noiosi e poco coinvolgenti. Purtroppo il ritmo è lento e i tempi si dilatano eccessivamente. Non tutto è da buttare in quanto si tratta pur sempre di un racconto di fantasmi che conserva un certo fascino, almeno per chi apprezza il genere. Non aggiunge nulla di rilevante a Danza macabra, se non il colore che in fin dei conti non smuove molto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Voi confondente la morte con la tomba.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Ryo 13/5/13 15:36 - 1875 commenti

Remake di Danza Macabra (sempre di Antonio Margheriti), stavolta a colori. A livello di trama non aggiunge né toglie niente al film precedente. Dopo sette anni la regia appare ovviamente "diversa"; diverso anche il cast, con la comparsa di Klaus Kinski nella parte di Edgar Allan Poe. Margheriti doveva proprio essere affezionato a questa sua storia, se decise di raccontarla due volte in sette anni! Buona scenografia gotica, trama romantica, qualche lungaggine.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Fauno 21/10/11 11:25 - 1808 commenti

Chiunque accetterebbe una scommessa di morte se avesse la sorpresa di passare una notte con l'attrice che interpreta la serie di Angelica (salvo poi doversene amaramente pentire). Ok il giovane Franciosa e Kinski nel ruolo del grande Edgar Allan Poe, ma la gelosia come movente collettivo non incolla proprio e mi vengono in mente almeno due film migliori e di genere diverso che toccano lo stesso mistero. Peccato perché il titolo prometteva ben di meglio...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il cancello è davvero strano.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Nicola81 23/4/14 12:53 - 1660 commenti

Ha senso girare un remake soltanto sette anni dopo aver diretto l'originale? Per Margheriti evidentemente sì. Stavolta abbiamo il colore, 20' di durata in più (di cui non si sentiva proprio il bisogno) e un cast tutto nuovo che rende inevitabili i confronti. E allora io dico: Kinski più intenso del pur bravo Tranquilli, Franciosa un po' meglio di Riviere, Carsten fa rimpiangere Dominici, la Mercier se la cava ma la Steele nel genere non aveva rivali. Non è un brutto un film, ma per chi ha visto Danza macabra è praticamente inutile.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Jena 20/7/19 20:11 - 1012 commenti

Margheriti rigira a colori pari pari il suo Danza macabra e il risultato non è certo inferiore all'originale. In meno c'è la Steel: la pur bella e brava Mercier non ha l'angelico fascino satanico della regina assoluta del gotico italiano. In più c'è però un Kinski/Edgar Alan Poe che nei primi 15 minuti ci regala puro cinema della follia: ovviamente lui non fa Poe, cui neppure somiglia, ma fa Kinski, delirante febbricitante, roso dall'orrore e dalla follia. Per il resto c'è l'ottimo mestiere di Dawson/Margheriti, grande artigiano.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Kinski che si aggira nel cimitero all'inizio; Il racconto di Kinski.
I gusti di Jena (Fantascienza - Fantastico - Horror)

Ira72 11/1/19 22:19 - 741 commenti

Il fatto è che Kinski - con quella faccia lì - potrebbe raccontare la favola di Biancaneve e i 7 nani, come recitare il Rosario, che ne potresti essere comunque incantato e terrorizzato al contempo. La fregatura sta nel fatto che il film inizia proprio con quella faccia lì. Peccato ne segua un’epopea alla Via col vento, tra una vampira e un incursore, ma con meno mezzi (basti guardare le frotte di ragnatele farlocche, sparse ovunque come se piovesse). Klaus, però, scompare del tutto per poi riapparire due minuti sul finale. Nel mentre il nulla. Anzi, peggio: la noia!
I gusti di Ira72 (Documentario - Horror - Thriller)

Maik271 3/12/13 21:14 - 436 commenti

Trasposizione cinematografica di un racconto di Edgar Allan Poe nella quale troviamo un bravo Klaus Kinski che interpreta lo scrittore di incubi, un giovane Anthony Franciosa nei panni del malcapitato di turno e una presenza femminile discreta. Caratterizzato da una notevole lentezza tipica del genere, almeno nella parte iniziale, si riscatta nel finale, che sembra un premio per chi è riuscito a reggere fino a quel punto della pellicola. Un voto di sufficienza per la regia ben curata.
I gusti di Maik271 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

John trent 26/4/11 21:01 - 326 commenti

Remake a colori di Danza macabra, diretto dallo stesso Margheriti sei anni prima, si lascia preferire all'originale per la buona prova di Franciosa e per i 10 minuti deliranti che regala Klaus Kinski nei panni di Edgar Allan Poe. Certo, si nota l'assenza di Barbara Steele, ma Michele Mercier riesce a non farla rimpiangere. Un buon horror gotico, sicuramente da vedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'inizio con Kinski/Poe che vaga tra le tombe alla ricerca di quella della cugina Berenice.
I gusti di John trent (Commedia - Horror - Thriller)

Ducaspezzi 9/11/14 2:04 - 222 commenti

Il ragno del titolo dev'essere quello che ha pervaso di ragnatele ogni angolo della suggestiva scenografia gotica, come si conviene nelle pellicole di questo genere. E il genere è ripercorso efficacemente nel suo lemma, non difetta nella suggestività delle atmosfere a cui ben introduce l'incipit straordinario dell'impareggiabile Kinski nei panni di un Poe allucinato e febbrilmente etilico. Franciosa, nei suoi primi lunghi minuti dentro il castello, è quasi un mezzo guascone riluttante alla paura, ma poi si accorgerà. Non male il reparto donne.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli occhi che fanno capolino nelle orbite del cadavere con una contrapposizione di immagini; Le lunghe passeggiate sepolcrali a lume di torcia.
I gusti di Ducaspezzi (Drammatico - Fantastico - Thriller)

Kriminal 12/3/13 21:38 - 45 commenti

Discreto horror a tema fantasmi. L'ambientazione è buona e eccellente il clima gotico; ottime anche le inquadrature, le musiche e le luci, che sanno dare un'adeguata atmosfera alla storia. Purtroppo non si può dire altrettanto dell'andamento della vicenda, troppo diluita e con diverse fasi di stanca che vanno a scapito dell'adrenalina che dovrebbero far crescere nello spettatore. Solo il finale è adeguatamente carico di pathos. A vederlo la sera non ci si terrorizza più di tanto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La giovane Elisabeth: "Io vivo solo quando amo"; L'insana passione di Julia per Elisabeth; Il sarcofago con lo scheletro che respira.
I gusti di Kriminal (Commedia - Drammatico - Guerra)