Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL TUO DOLCE CORPO DA UCCIDERE

M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 25
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO DAL BENEMERITO DEEPRED89
Alfonso Brescia è il responsabile di questo giallo-thriller di chiara marca lenziana, con un delitto da compiere, complicati intrecci della trama, colpo di scena finale e un continuo tentativo di confondere le ipotesi dello spettatore per depistarlo il più possibile. La star del film dovrebbe essere la francese Françoise Prévost, in realtà tutto ruota attorno al meno convincente Giorgio Ardisson (in scena con un cognome, Arlington, molto simile al suo) che nonostante si cerchi di rendere più espressivo con un paio di occhiali che dovrebbero dargli quell'aria vagamente nobile richiesta dal ruolo (e spesso da lui indossati involontariamente sbilenchi), funziona ben poco. Pur tuttavia, visto il clima all'inglese dell'opera, non è nemmeno colpa sua se il film delude in parte le aspettative. A ben vedere non ci si dovrebbe lamentare troppo: le caratteristiche di questo particolare sottofilone tipicamente italiano vengono rispettate, la sceneggiatura e il soggetto mantengono la chiarezza necessaria e nel complesso tutto fila. E’ la mano di Brescia a evidenziare i limiti maggiori: la vicenda è condotta stancamente, manca di brillantezza e per quanto non mostri difetti gravi si rivela abbastanza noiosa. E’ in fondo la solita storia del marito (Ardisson) frustrato da una moglie ricca e iperattiva (Prévost). Sogna ogni notte di ucciderla finché deciderà di mettere in atto i suoi piani con la complicità del di lei amante. L'avventura comincerà - spostandosi a Tangeri - quando si tratterà di far sparire il cadavere chiuso in valigia. Discrete le musiche di Carlo Savina. Non un brutto film, ma anonimo.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 7/12/09 1:05 - 4656 commenti

Giallo lenziano nel titolo e nella trama, addirittura con citazione iniziale da Orgasmo (in una delle visioni). Il problema non è solo che Lenzi ha un'altra mano, ma anche che il film regge tre quarti d'ora, dopo di che tutto si allontana prima dalla verosimiglianza e poi dalla logica, dimenticando per strada alcuni fatti non esattamente di poco conto (e la lettera anonima?). La cosa migliore è il volto di Orchidea.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Undying 16/5/10 3:38 - 3875 commenti

Arrivista coniugato per interesse si accorge che la dispotica moglie se la spassa con il dottore di famiglia: tedesco ex-nazista con un passato da celare e quindi ideale da sottoporre a ricatto inducendolo all'omicidio. Ha il fascino dei prodotti scalcagnati anni '70, con uso e abuso di zoom, dialoghi (quasi) surreali e azioni illogiche, tipo quella - su cui si fonda l'intero plot - di portare i resti della moglie su due valige in giro per il Mondo, viaggiando in aereo. George Ardisson protagonista è inadatto, e riesce nell'impossibile impresa di farci capire come credesse poco alla parte.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Homesick 5/1/13 16:59 - 5737 commenti

Ampiamente riscattato dal successivo Ragazza tutta nuda assassinata nel parco, il primo approccio di Brescia al giallo segue gli accordi omicidi di Hitchcock e le macchinazioni di Lenzi, senza tuttavia riproporne la suspense e le morbosità; più riusciti sono gli aspetti beffardi nel prologo e nel finale e il tocco glamour d’annata. Ardisson quasi robotico nel ruolo di un marito oppresso dalla moglie (l’implacabile donna-manager Prévost), da lui ripetuto solo un anno dopo nell’esotico La vergine di Bali. Regia e sceneggiatura gracili.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Gli incubi in cui Ardisson sogna di uccidere l’opprimente moglie.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 1/3/08 1:16 - 7325 commenti

Delirante e truffaldino thriller girato dal pessimo Brescia i cui esiti fallimentari vanno però condivisi anche con la sceneggiatura piuttosto piatta, risaputa ed a tratti improbabile, oltre che con attori da filodrammatica su cui spicca il “grande” Giorgione Ardisson che ha praticamente la stessa espressione per tutto il film nonostante gliene capitino di tutti i colori.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Ciavazzaro 30/6/13 21:07 - 4749 commenti

Giallo curioso e interessante; si distacca dai canoni tradizionali del genere e punta molto sull'umorismo nero con esiti interessanti. La prima parte è abbastanza statica nonostante le gustose visioni omicide di Ardisson, ma a partire dal viaggio in Marocco il film risale e risulta gustoso e pieno di ritmo. Aiutano le belle scenografie orientali. Ottimo Ardisson, spassosa la De Santis moglie terribile, di classe Fajardo, stupenda la De Santis.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Deepred89 13/4/07 20:43 - 3236 commenti

Piacevole thriller con apprezzabili tocchi di ironia. La storia, che a tratti ricorda Frenzy, in alcuni passaggi è un po' assurda, ma c'è ritmo e non ci si annoia affatto. Nella media regia e fotografia, piacevoli le musiche di Carlo Savina. Troppo sopra le righe gli attori, specialmente il protagonista Giorgio Ardisson.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Markus 22/5/20 10:25 - 3188 commenti

Giallo di vecchio stampo dalla trama fin troppo arzigogolata ma che resta un po' vittima di una regia ficcante dal punto di vista del ritmo (ma non negli incastri). Si finisce così più col farsi affascinare dai personaggi (a partire dallo stralunato George Ardisson, qui appassionato di pesci e di ittica in generale) che dalla vicenda in sé. Anche la lunga trasferta esotica a Tangeri non aiuta a far chiarezza sulla storia, legata solo al fil rouge di un presunto omicidio nell'ambito dell'alta borghesia. Verrebbe da definirlo "hitchcockiano".
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Daidae 19/10/10 12:53 - 2706 commenti

Niente di eccezionale, ma se visto con lo spirito giusto può anche piacere. Buffonesco e leggero, con il valido Ardisson, attore che ha fatto ottimi film come L'uomo più velenoso del cobra, ma anche porcherie pure come Una donna da scoprire. Siamo lontani dai thriller all'italiana di Lenzi e Martino, ma non è neppure da buttare via.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Trivex 27/6/09 14:14 - 1463 commenti

Storia di un marito e diplomatico di stato, massacrato dal carattere vessatorio della moglie imprenditrice, il cui equilibrio si perde inesorabilmente quando la consorte fa buttare gli amatissimi pesciolini! Bel film, in cui il giallo si fonde con le note ironiche del comportamento stereotipato dei personaggi, accompagnato dalle ottime musiche di Carlo Savina. Quando poi si passa alla caccia alle valigie nll'affascinante scenario di Tangeri, l'anima di genere si impone e la visione ne è conquistata. Il Brescia è noto anche per il suo La bestia nello spazio.
I gusti di Trivex (Horror - Poliziesco - Thriller)

Pinhead80 23/5/20 11:34 - 3779 commenti

Incursione nel thriller per un regista che nella sua carriera ha spaziato di genere in genere. Qui un marito frustrato e vessato dalla consorte decide di ucciderla con la complicità dell'amante. Inutile dire che le cose saranno più difficili del previsto. Ardisson è costantemente in preda al panico (visto quello che gli succede ne ha ben donde) e ci regala una prova di spessore. La tensione rimane discretamente alta ogniqualvolta in scena entrano le valigie di cui il protagonista si deve disfare. Orchidea De Santis al solito è magnetica.
I gusti di Pinhead80 (Azione - Horror - Thriller)

Lucius  25/4/10 2:02 - 2819 commenti

Una sceneggiatura dalle forte potenzialità per un film per certi versi piacevole e che si lascia tranquillamente guardare; e questo è il punto, si lascia tranquillamente guardare e niente più. La regia è troppo piatta e allo spettatore non resta che seguirne le vicende aspettando un colpo di scena che non arriverà mai. Poco credibile per certi aspetti ma non da buttare.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Fauno 13/4/11 11:20 - 1889 commenti

Se titolo e locandina volevano far pensare a un thriller, io lo vedrei come una versione italiana di Provaci ancora Sam, visto che in questo film che dire patetico è dir nulla Ardisson pelato e ringobbito ricorderebbe come stupidità proprio Woody Allen. Le uniche bricioline per un passero in agonia sono l'ambientazione a Tangeri, i vasconi di acido (wooooow!), oltre al bluff con la tardona, dove non si sa neanche se ridere o piangere...
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Nicola81 23/7/18 16:28 - 1883 commenti

Stanco delle vessazioni da parte della moglie, un diplomatico escogita un piano per eliminarla e sbarazzarsi del cadavere. Fermo restando che dalle mani di un Lenzi o di un Martino sarebbe senz'altro uscito un prodotto migliore, a Brescia va quantomeno dato atto di aver imposto un ritmo incalzante che rende piacevole la visione e aiuta a farci sorvolare su qualche magagna. Ardisson è un protagonista piuttosto insipido (decisamente meglio la Prevost e la De Santis), il colpo di scena finale è imprevedibile ma forse non del tutto onesto.
I gusti di Nicola81 (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Il Dandi 29/5/20 11:40 - 1721 commenti

Debitore dell'estetica lenziana (borghesia, tradimenti, località vacanziere, fotografia acida, grandangoli) ma soprattutto dell'etica hitchcockiana (humor nero, imprevisti, un protagonista inguaribilmente "mediocre"): impossibile non sghignazzare del compassato Ardisson bullizzato dalla moglie (fedifraga e arpia) e dei suoi sfortunati tentativi di sbarazzarsene. Brescia, al netto di evidenti limiti di budget, confeziona un divertente giallo di sapore pop fumettistico. Fulci sembra farne un quasi-remake con Quando Alice ruppe lo specchio.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La conversazione diplomatica sull'adulterio quotidiano: "I tedeschi sono metodici in tutto, sua moglie è stata attratta dal metodo".
I gusti di Il Dandi (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Stefania 2/12/12 12:59 - 1600 commenti

Più che Il rosso segno della follia, il Grigio Segno dell'Idiozia grava su questo allucinato e frustrato uxoricida, tanto è imbranato, ancor più che sfortunato! Si intuisce lo sforzo di conferire al thriller una patina brillante, avvicinandosi ai territori della black comedy, si coglie, a tratti, un mood assurdo e stralunato che potrebbe essere gradevole, ma lo script è piatto, la regia pigra, e dell'ammaliante Tangeri sono abilmente valorizzate le location più suggestive: parcheggi di taxi e hall degli alberghi... ehm! Demenziale? No, stupidello, nonché bruttarello.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Ardisson nelle provvisorie vesti di gigolò per la solitaria signora: Sorel se la sarebbe cavata meglio! I deliri a sfondo ittico (da pescheria).
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Dusso 21/9/07 15:03 - 1534 commenti

Buon film di Alfonso Brescia, è un thrillerino girato bene ed è sicuramente un prodotto più che dignitoso. L'unica pecca (per gli occhi dello spettatore) è che non si vede né un seno né niente mentre di solito, in questi film, qualcosa c'è sempre. Molto bravo Ardisson.
I gusti di Dusso (Commedia - Giallo - Poliziesco)

Panza   28/10/19 22:28 - 1483 commenti

Thriller firmato da Brescia dotato di un buon ritmo, nonostante la trama, tutto sommato, sia abbastanza semplice. Sfortunatamente la pellicola si perde per strada proprio quando dovrebbe entrare nel vivo, cioè nel momento in cui Ardisson incontra le tre donne a Tangeri, di cui vengono mostrati scorci poco interessanti. Gustoso invece il ménage familiare tra il marito sottomesso e la moglie, un'antipatica Prevost e le scene oniriche di Ardisson. Nonostante un onorevole risultato, la pellicola poteva ambire a ben di più.
I gusti di Panza (Commedia - Drammatico - Poliziesco)

Faggi 22/5/20 8:22 - 1457 commenti

Il maestro Brescia - navigatore nei mari dei generi - alle prese con il thriller (all'italiana) ci regala un piccolo, inverosimile delirio... Tutto da gustare? Dipende: è necessario essere disposti a sorvolare sui gravi difetti di cui la sceneggiatura è costellata; quindi, come talvolta accade per simili oggetti di quei gloriosi tempi del nostro cinema di serie B, ciò che riesce a intrattenere è lo sprezzo del pericolo di precipitare nel baratro del ridicolo. La splendida Orchidea de Santis e la discreta musica aiutano a mandare giù la pozione.
I gusti di Faggi (Fantascienza - Giallo - Poliziesco)

Ira72 22/5/20 15:53 - 893 commenti

Certi thriller anni 70, per atmosfera e ambientazioni, anche se sciatti diventano apprezzabili. In questa pellicola, però, persino il buon Ardisson pare estremamente annoiato dalla sceneggiatura che, c’è poco da dire, non decolla. Anzi, si affossa. Pare un criceto nella ruota: la trama gira su se stessa senza alcun guizzo e, francamente, della tensione che ci si aspetta dal titolo e dalla locandina, nemmeno l’ombra. Apprezzabile, un po', solo dai nostalgici.
I gusti di Ira72 (Documentario - Horror - Thriller)

Ronax 21/11/09 1:57 - 885 commenti

Non siamo ancora ai livelli de La bestia nello spazio, ma che Brescia tenda a volare basso è già evidente da questo modestissimo thrillerino, interpretato dal terribile Giorgio Ardisson (uno che manderebbe in malora qualunque film) e dalle intrigantissime Françoise Prevost e Orchidea De Sanctis che qui però, a dispetto del titolo truffaldino, concedono poco o nulla. Trama scontatissima, assurdità e incongruenze a go-go, fotografia e musica da "buona la prima" fanno il resto. Un pallino e mezzo: Natale è vicino e ci sentiamo tutti più buoni.
I gusti di Ronax (Drammatico - Erotico - Thriller)

Motorship 9/12/13 17:36 - 567 commenti

Non male questo thriller diretto da Alfonso Brescia, anche se il titolo e la presenza di due bellezze del calibro di Françoise Prevost e Orchidea De Santis ingannano non poco dato che in realtà di seni e fondoschiena non se ne vedono (ed è un peccato). Ciononostante rimane un buon prodotto, ben realizzato, con una suspance e un ritmo soddisfacenti e un finale grazioso. Molto bravo il protagonista Giorgio Ardisson e bellissima la colonna sonora di Carlo Savina.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale.
I gusti di Motorship (Comico - Drammatico - Western)

Maik271 28/1/16 8:18 - 436 commenti

Un film che invita a tifare per il povero marito sottomesso alla moglie autoritaria; così Ardisson attira subito le simpatie dello spettatore in questo giallo italiano ambientato in Marocco. Se ne seguono le sue ingenue disavventure figlie di una sceneggiatura non troppo puntuale fino al finale spiritoso che fa pensare: "chi è il vincitore?". Non eccezionale ma godibile.
I gusti di Maik271 (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Victorvega 22/5/20 0:51 - 280 commenti

La storia è poco verosimile ma, diciamo, non è questo il difetto principale. La sceneggiatura è povera, non spiega del tutto e il film scorre in maniera semplice fino alla fine. Sopraggiunge un po' di noia e anche i guizzi non sono in realtà tali. Povero nel complesso e con un Ardisson assolutamente fuori parte, dagli atteggiamenti caricaturali ed espressioni non in linea con lo sviluppo della storia. Una pellicola mediocre, pallida imitazione di certe opere lenziane.
I gusti di Victorvega (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Alexpi94 2/7/18 20:33 - 186 commenti

Tutt'altro che disprezzabile giallo bresciano (che ricorda in parte un noto film lenziano). Ardisson non è azzeccatissimo, ma se la cava discretamente, brava la Prevost, mentre la De Santis (col suo sguardo magnetico) è a dir poco incantevole. Buon ritmo (eccezionalmente incalzante), qualche colpo di scena e musiche gradevoli valorizzano il tutto. Davvero niente male!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La De Santis che tenta di aprire la valigia.
I gusti di Alexpi94 (Comico - Commedia - Erotico)

Albstef90 3/2/13 19:49 - 78 commenti

Non male, se si pensa che a dirigerlo è stato Alfonso Brescia, autore di moltissime sceneggiate con Merola! La trama mi ha coinvolto e il protagonista Giorgio Ardisson regala qui una delle sue più convincenti interpretazioni della sua carriera, grazie anche al doppiaggio di Sergio Graziani. Brescia si abbandona allo stile hitchcockiano (molto artigianalmente) fatto di primi piani, zoom e riprese tutto sommato apprezzabili, e alla fine riesce a ottenere un prodotto discreto. Non mi è dispiaciuto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La faccia stressata di Ardisson; Le valigie; Il divertente finale.
I gusti di Albstef90 (Commedia - Horror - Western)