Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ANGST

All'interno del forum, per questo film:
Angst
Titolo originale:Angst
Dati:Anno: 1983Genere: drammatico (colore)
Regia:Gerald Kargl
Cast:Erwin Leder, Robert Hunger-Bühler, Silvia Rabenreither, Karin Springer, Edith Rosset, Josefine Lakatha
Note:aka "Schizophrenia" o "Fear".
Visite:1539
Il film ricorda:Lucker the necrophagous (a Herrkinski), Mosquito Der Schänder (a Herrkinski), Schramm (a Herrkinski)
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 14
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/11/07 DAL BENEMERITO SCHRAMM

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Schramm 20/11/07 14:51 - 2223 commenti

Come si possa ritenere valido certo cinema "horror" dopo essersi fatti osservare dal primultimo opus di Kargl resta uno di quegli insondabili misteri dell'universo davanti ai quali fare spallucce. Il miglior studium analitico ed umorale sulle cavità sibilline della mente di uno psicopatico, filtrato da un elevatissimo senso del cinema. Quanto a malattia e vertigine se la gioca ardimentosamente con Schramm e Clean, shaven. Non è solo un ottimo psicodramma, è ottimo cinema su tutti i fronti. Insorreggibile, ma imprescindibile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Meraviglioso il tessuto sonoro-musicale del corriere cosmico Klaus Schulze, ex-Tangerine Dream.
I gusti di Schramm (Drammatico - Fantastico - Horror)

Daniela 16/12/13 15:41 - 7430 commenti

Appena scarcerato dopo 10 anni scontati per omicidio, un sadico compulsivo ammazza tre persone scelte a caso ma, a causa della sua goffaggine dilettantesca, non riesce a trarre dalla loro morte tutto il piacere che si riprometteva di ricavarne... Allucinato come lo sguardo del protagonista, un film il cui vero autore, più del misterioso Kargl (pochissimo prima, nulla dopo), è il geniale Rybczynski, cui si devono sceneggiatura e fotografia, con una tecnica particolare di ripresa, ansimante a ridosso dei personaggi. Disturbante, imperdibile.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lo strangolamento maldestro, seguito dall'affogamento in vasca .
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Capannelle 14/11/13 12:27 - 3469 commenti

Personalità nel girare Kargl ne dimostra, ma la sensazione, col procedere del film, è che manchi qualcosa, che l'approccio minimalista ai dialoghi (perché, ce ne sono?) risulti pesante e che insomma potesse evolvere meglio. Rimangono scene di efferata follia su soggetti deboli e indifesi e una quasi empatia con lo stralunato protagonista. Buono invece il minimalismo ambientale, che insieme al sound descrive bene la vicenda.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Herrkinski 3/11/13 2:51 - 3976 commenti

Appartenente a quella scuola europea di horror malsani e periferici che ha trovato il proprio mentore in Buttgereit (pur successivamente al film in questione), "Angst" ha il pregio di avere quell'atmosfera grigia e desolante tipica dei prodotti provenienti dai paesi di lingua tedesca, aggravata da ambienti squallidi e dalle atrocità perpetrate dal vile protagonista. A parte il ripetitivo commento fuori campo, un bel lavoro di mdp, una discreta fotografia e una certa cattiveria, il film resta però piuttosto incompiuto, pur valendo la visione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il cane; L'omicidio della donna giovane.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Pinhead80 30/5/11 13:48 - 3147 commenti

Angst ovvero un'esperienza unica, un disorientamento emotivo che ti fa star male a partire dalla primissima scena. Un viaggio senza ritorno nei meandri della follia umana che ti fa precipitare in un senso di angoscia che ti logora dal di dentro. Vedere il protagonista (uno dei personaggi più inquietanti mai visti dal sottoscritto) nella sua smania ossessiva, che non trova pace se non nel trovare altre vittime da sacrificare a se stesso, è una delle esperienza cinematografiche più micidiali a cui abbia mai assistito. Dotarsi di antiemetico...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'omicidio iniziale di Erwin Leder con effetto emetico.
I gusti di Pinhead80 (Documentario - Fantascienza - Horror)

Giùan 23/9/18 17:19 - 2498 commenti

Angst essen seele Kragl, diremmo parafrasando un gran titolo fassbinderiano. Già: perché vien da chiedersi se la paura non abbia mangiato l'anima del regista austriaco, dileguatosi dopo questa invasata escursione nel flusso di (in)coscienza d'un maniaco seriale. La narrazione in sostanziale media res, lo scaraventarsi nella schizofrenia del protagonista senza preamboli cinematografici, ne fanno una sorta di documen-diario che cortocircuita immagini e parole. Sconvolgenti restano ancor oggi le soggettive di Leder e il suo accanimento parossistico sui corpi.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il tentativo di assassinio della taxista; L'omicidio della ragazza nel tunnel.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Rufus68 10/6/17 15:43 - 2172 commenti

Più singolare che davvero disturbante. L'attore principale è perfetto nella sua breve odissea psicopatica; e le scostanti musiche elettroniche ben si adeguano al tono principale grazie alla totale mancanza di empatia e calore. E tuttavia il film rimane irrisolto: non si concreta quale diario d'una malattia mentale né coinvolge emotivamente nel delirio del protagonista o nella sofferenza delle vittime (trattate sadicamente come orribili sacchi di carne: questo il versante più allucinato della pellicola). Comunque originale.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Mickes2 24/8/11 18:38 - 1550 commenti

Delirante, claustrofobico, il sadismo negli occhi del protagonista. Scevro da orpelli; Kargl imbastisce una giornata da incubo, un omicidio in diretta entrando di continuo nella mente del serial killer. Lucido e spietato il regista ci accompagna prima e ci fa sprofondare poi, in una pulsione violenta, irrefrenabile, nel bisogno viscerale nel voler far male a qualcuno. Introspezioni e pensieri taglienti, un agire senza un fine preciso supportato da una regia vivida e tecnicamente affascinante: piani sequenza, dolly, steadicam... pedinando IL serial killer.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incipit; il finale; le sequenze in steadicam; il volto di Erwin Leder.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Gestarsh99 18/9/10 22:14 - 1061 commenti

Kargl mi ha davvero sbalordito col suo stile di regia epilettico, sperimentale, mefitico ed in netto anticipo sui tempi! Tramite un protagonista ossesso e ributtante quale Leder (secondo solo allo Spinell di Maniac), l'autore austriaco ingaggia un tour de force pervicace con i nervi dello spettatore, facendo uso di dolly ripidissimi, sgradevoli riprese di sguincio e camera a spalla traballante. Un nauseante pedinamento cronachistico in grado di esplicare a fondo il disagio mentale del folle maniaco, incutendo in chi osserva un senso di schifo e rigetto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Scena da incorniciare: la fuga nel bosco del pazzo, ripreso in soggettiva con la steadycam (modalità già impiegata da Scorsese nel suo Mean Streets).
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)

Lupoprezzo 9/7/11 23:55 - 635 commenti

L'incredibile realismo che il regista getta in faccia allo spettatore è qualcosa di inimmaginabile. Paralizza da quanto è efficace e toglie il sonno da quanto è stratificato. La macchina da presa che ondeggia vorticosamente intorno al protagonista ne esalta le gesta e allo stesso tempo ne delinea la psiche deviata irrimediabilmente. Anche le scene nel bar, quelle più "miti", hanno qualcosa di malato. Erwin Leder, (indovinatissimo) ha il volto scavato e l'occhio lucido della pazzia. Un'esperienza allucinante. Ottimo.
I gusti di Lupoprezzo (Horror - Poliziesco - Western)

Raremirko 10/9/16 20:45 - 457 commenti

Buona prova filmica che si occupa di rappresentare la mente deviata di un assassino. Ottimi make up, prove recitative e colonna sonora. Non ha nulla da invidiare neanche se messa a confronto con eventuali film più famosi e blasonati. Cinema reale e senza speranza, che non si scorda con facilità e che non perde colpi anche pensando a eventuali re-visioni.
I gusti di Raremirko (Giallo - Horror - Thriller)

Bubobubo 17/9/18 15:09 - 418 commenti

Fuori dai denti: la miglior esplorazione mai intrapresa nella mente di un serial killer (ex aequo con Henry - Pioggia di sangue). Film di un raro e squallido nichilismo, un girone dell'inferno tra non-luoghi plumbei e degradati, la scenografia ideale per i crimini sadici, inutili e goffamente orchestrati di un Erwin Leder che parla (e lotta) assieme ai suoi personalissimi demoni. Potente, crudele, angosciante. La O.S.T. di Klaus Schulze, tagliata su misura, è fra i migliori commenti musicali di sempre.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)

Geppo 6/3/16 21:24 - 262 commenti

Più che un film è un documentario che ci dimostra in maniera dettagliata i pensieri pericolosi di uno psicopatico e malato di schizofrenia appena rilasciato dal carcere. La crudezza delle immagini racconta il suo comportamento a piede libero: il disorientamento, la sete di sadismo, l'amore/odio per le donne, le sue paure (il titolo tedesco "Angst" tradotto in italiano vuol dire "Paura"). Pochissimi dialoghi, con la voce fuori campo dei suoi pensieri che narra minuto per minuto tutto il suo percorso e il suo ingiustificabile desiderio di uccidere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'omicidio della ragazza Silvia; I cadaveri nel bagagliaio; Lo psicopatico che mangia un würstel mentre osserva vogliosamente due belle ragazze.
I gusti di Geppo (Commedia - Erotico - Poliziesco)

Bizzu 12/1/14 21:06 - 210 commenti

Una giornata in compagnia di un killer e dei pensieri che gli frullano in testa. Un film che angoscia, dà una sensazione di claustrofobia, repelle. Molto particolare e dettagliata la descrizione del bisogno di uccidere e in generale tutto il film riesce nel compito quasi impossibile di farci immedesimare nello psicopatico.
I gusti di Bizzu (Drammatico - Fantascienza - Horror)