Cerca per genere
Attori/registi più presenti

UNA MOGLIE

All'interno del forum, per questo film:
Una moglie
Titolo originale:A Woman Under the Influence
Dati:Anno: 1974Genere: drammatico (colore)
Regia:John Cassavetes
Cast:Peter Falk, Gena Rowlands, Fred Draper, Lady Rowlands, Katherine Cassavetes, Matthew Laborteaux, John Finnegan, Nick Cassavetes, Alexandra Cassavetes
Visite:796
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 9
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/11/07 DAL BENEMERITO IL GOBBO POI DAVINOTTATO IL GIORNO 11/11/07
Quando gli chiedono di sua moglie, Nick (Peter Falk) sta sulla difensiva: “Lava, stira, fa i lavori di casa, rammenda..., è una donna”. Non si capisce perché, ma sembra volerne sottolineare la normalità. Quando lei (Gena Rowlands) entra in scena ci appare infatti così: una moglie qualunque, magari delusa dalla troppa assenza in casa del marito. Poi, pian piano, capiamo che qualcosa non va: si comporta in modo bizzarro, fa delle strane smorfie... In un'escalation che lascia di stucco capiamo che le manca qualche rotella. Alla cena con i colleghi di lui (fa il capo cantiere) si lascia andare e scatta il primo diverbio. La situazione in casa, ce ne accorgiamo lentamente, è drammatica (e ci sono di mezzo pure tre figli). Nick dapprima abbozza (un Falk eccezionale, benché piuttosto oscurato dalla “mattatrice”), poi esplode. Lei, Mabel (la Rowlands, si guadagnò una meritata nomination all'Oscar ma è solo nell'ultima parte che mostra davvero di cosa è capace), alterna momenti di lucidità ad altri di totale distacco dalla realtà. Subentrano la suocera, il medico e la situazione si fa incandescente. Cassavetes dirige con la consueta semplicità ed efficacia un dramma familiare in tutti i sensi (oltre a sua moglie, Gena Rowlands, recitano nel film sua madre, sua suocera e pure suo figlio Nick, il biondino che alla festa non trova le scarpe), in cui l'overacting inevitabile della Rowlands è nella prima parte un po' eccessivo e a tratti fastidioso. Si recupererà nello straziante finale, con un Falk perfetto che prima asseconda e poi sbotta.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 26/12/11 8:24 - 10643 commenti

Da una delle figure più importanti della cinematografia USA indipendente, un film che rappresenta una solida critica all'istituzione famigliare ma anche uno spietato e veritiero ritratto di una personalità borderline come quella della protagonista. Il film è un'ottima rappresentazione ambientale e sentimentale, sostenuta da due magnifici attori (la Rowlands sicuramente ma anche Peter Falk) e da una grande prova del regista.
I gusti di Galbo (Commedia - Drammatico)

Il Gobbo 2/1/08 18:17 - 3005 commenti

Angoscioso, asciutto drammone domestico di Cassavetes, giocato più sulle atmosfere (sempre più opprimenti, fatali) che su eventi veri e propri, e giocato sui contrapposti ma intercambiabili registri interpretativi di due cavalli di razza. Se la performance della Rowlands è giustamente celebrata (ma il copione la agevola, quanfdo non la costringe addirittura) Peter Falk è fenomenale. Un film di sgradevole autenticità.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Cotola 26/10/15 15:01 - 6746 commenti

Notevole ritratto di donna firmato da Cassavetes che si dimostra ancora una volta maestro nel descrivere mentalità e psicologie muliebri, ma anche le dinamiche dei rapporti di coppia e più in generale di quelle familiari. Qui siamo dinanzi ad una moglie fragile, dal carattere discontinuo e lunatico la cui situazione viene resa più difficile da una famiglia che sa essere molto opprimente. Da applausi la prova della Rowland (vera moglie del regista); molto bravo anche Falk. Imperdibile per chi ama il regista.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Enzus79 22/2/14 13:23 - 1540 commenti

Guardando quest'ottimo film non si capisce come John Cassavetes sia un regista così sottovalutato. Ottima interpretazione sia della Rowlands, che ha uno straordinario movimento facciale, e ovviamente di Peter Falk (doppiato magistralmente da Amendola).
I gusti di Enzus79 (Fantascienza - Gangster - Poliziesco)

Giùan 22/12/11 13:14 - 2469 commenti

Esempio paradigmatico del cinema di Cassavetes. Opera intrisa di quel crudele realismo umanistico, teso non a registrar ciò che accade, ma più intensamente a rendere in chiave tragica la quotidianità delle persone e la loro speciale sensibilità. Fenomenologico e spigoloso ritratto di alienazione femminile in un contesto familiare proletario, "Una moglie" è uno di quei rari casi di film che mette i brividi e impedisce giudizi. L'adesione di Gena al suo personaggio lascia senza fiato, mentre Falk è fenomenale nel rendere l'amore di un uomo che non capisce.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La cena con gli amici e l'esplosione della "crisi"; Il ritorno dal manicomio di Gena e il suo sorriso di fronte alla festa che la accoglie.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Stefania 29/4/10 0:59 - 1600 commenti

Mabel è una donna che subisce l'influenza di troppe cose: vista la precarietà del suo equilibrio, tutto la manda in crisi -e che crisi!-, si sente sempre inadeguata, come una ballerina che ha scordato i passi e teme di sconvolgere l'intera coreografia. Suscita emozioni forti: dolore, rabbia, disgusto questo dramma che introietta in un microcosmo familiare un conflitto che è tra l'individuo e la società. Notevoli anche gli ambienti. una casa grande, piena di gente, di rumori, di voci: tutti parlano e nessuno comunica. Pietra miliare!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La festicciola per Mabel dopo la permanenza in ospedale.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Mickes2 15/4/12 18:28 - 1550 commenti

Sublime indagine antropologica all’interno del nucleo famigliare e di riflesso, uno spaccato di società. Il realismo del quotidiano narrato con partecipe intensità attraverso gli occhi, i gesti, i silenzi, il nervosismo schizofrenico di una donna (una monumentale Rowlands che lavora di eccessi e sottrazioni) che lotta con la propria identità e con la vita, per dare e ricevere quell’amorevole calore umano di cui tanto abbisogna. Ha del miracoloso l’approccio filmico di Cassavetes, in grado di far esplodere l’intimità dei suoi protagonisti. ****!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La cena con gli operai; Il ritorno a casa di Mabel.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Alex75 3/9/18 13:37 - 539 commenti

Cassavetes esplora, con l'abituale sensibilità e con un realismo che a tratti urta, il mondo del disagio psichico e il ruolo, non sempre funzionale, della famiglia. La sua indagine trae grande forza dai registri cangianti della Rowlands, dapprima contorti e disarticolati e poi magistralmente modulati nella struggente seconda parte. Da non sottovalutare il contrappunto di Falk, marito nevrotico, ma attento. Efficace anche il resto del cast. Malinconiche e suggestive le musiche jazz di Harwood.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: “Mabel non è pazza, è solo diversa”; Mabel al pub; La cena con i colleghi di Nick; Il ritorno di Mabel dall’ospedale; Il finale.
I gusti di Alex75 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Maxx g 9/8/18 9:14 - 388 commenti

Imbarazzante e delirante, ma il riferimento non è ovviamente alla messa in scena quanto alla situazione familiare che viene descritta. Lui e lei: tre figli e un ménage difficile per il carattere della donna, che la porta al manicomio. Lui che cerca di capire, lei che rientra nel mondo ma non è guarita completamente. Una buona prova di Cassavetes, anche se per l'imbarazzo si fa fatica a seguire alcuni passaggi. Immensa la Rowlands, valido Falk, doppiato da Amendola. Merita una visione.
I gusti di Maxx g (Comico - Horror - Western)