Cerca per genere
Attori/registi più presenti

PERFECT BLUE

All'interno del forum, per questo film:
Perfect blue
Titolo originale:Pafekuto buru
Dati:Anno: 1997Genere: animazione (colore)
Regia:Satoshi Kon
Cast:(animazione)
Visite:664
Filmati:
Approfondimenti:1) L'ANIMAZIONE GIAPPONESE E LA CENSURA IN ITALIA
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 12
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 31/10/07 DAL BENEMERITO DEEPRED89

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 26/12/08 12:50 - 6728 commenti

Straordinario film d'animazione afferente al genere thriller (con ampie spruzzate di gore ed irrobustito da qualche incursione nell'erotismo) che se nella prima parte Ŕ abbastanza usuale, raggiunge invece nella seconda una complessitÓ davvero notevole che lo innalza ben al di sopra di un semplice film di genere. Attraverso la riflessione sul doppio il regista cita ed omaggia Hitchcock e De Palma e ci regala un pellicola molto riuscita con una strepitosa ed indimenticabile ultima mezz'ora. Da non perdere.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Rebis 11/2/08 19:14 - 2072 commenti

Piccolo, prezioso thriller d'animazione che ammicca - opportunamente - al cinema di Hitchcock, Argento e De Palma, fatta salva l'inedita capacitÓ di inabissare lo spettatore in uno smarrimento vertiginoso tra realtÓ e sogno. La superficialitÓ dei caratteri e la linearitÓ del racconto lasciano emergere nella sua totalitÓ la forza di una tecnica registica pregevole, purissima, che sa incalzare e irretire progressivamente il suo pubblico. Le incursioni gore sono credibili e spiazzanti, la sofisticata colonna sonora un tappeto acustico davvero perturbante. Da vedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'abisso delle identitÓ; l'omicidio in ascensore.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Deepred89 31/10/07 15:13 - 3024 commenti

Interessante thriller/horror d'animazione. Una riuscita analisi sul mondo del cinema con vari riferimenti a Hitchcock e a De Palma. Se la prima parte si lascia seguire senza per˛ riuscire a distinguersi, la seconda riesce a creare un gioco di realtÓ e finzione incredibilmente suggestivo, raggiungendo livelli inaspettatamente elevati. Alla fine alcuni conti potrebbero non tornare, ma l'insieme (colpo di scena finale compreso) lascia sicuramente soddisfatti. Ottimi gli effetti sonori e bellissima la scena della morte del fotografo. Consigliato.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 3/5/10 16:00 - 3436 commenti

Bel prodotto di animazione che riesce a dotarsi di una trama propria di un film mantenendo il giusto filo di tensione e permettendosi anche risvolti parapsicologici, horror ed erotici. Il tutto si innesta sul motivo centrale del racconto, il cambio di immagine della protagonista da idolo per teenager ad attrice molto "esposta", con riflessioni sullo show-business e sul rapporto tra star e fan. Favorito anche da un buon doppiaggio, cosa che non Ŕ scontata in questo genere.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Gugly 16/3/08 19:57 - 946 commenti

Inconsueto thriller d'animazione, nel quale una scelta di vita e il dietro le quinte di uno sceneggiato omaggiano il cinema di De Palma (Le due sorelle) e il gioco d'identitÓ caro ad Hitchcock. In pi¨, poichÚ siamo in Giappone, non manca una descrizione interessante della societÓ, con fenomeni di celebritÓ che se da un lato possono sembrarci vicini, dall'altro appaiono a noi inconsueti per la ricerca di assoluta perfezione in qualsiasi lavoro svolto.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'"altra" casa della protagonista; le profonde scuse per ogni sbaglio ai ciak.
I gusti di Gugly (Commedia - Horror - Teatro)

Belfagor 21/1/15 18:49 - 2554 commenti

L'animazione dallo stile tradizionale fa pensare a un'opera come tante sul mondo dello spettacolo, ma presto la trama si addentra nei meandri pi¨ oscuri di quel mondo: ossessioni, perdita dell'identitÓ, lascivia, nessuna distanza di sicurezza tra la vita reale e lo schermo. Nonostante le inaspettate scene di violenza (decisamente brutali per il genere), il film riesce a raccontare una storia morbosa senza diventare morboso a sua volta. Le svariate citazioni a Hitchcock, Lynch e De Palma sono gestite con notevole abilitÓ.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Lo stupro simulato (fino a che punto?); L'omicidio in ascensore.
I gusti di Belfagor (Commedia - Giallo - Thriller)

Mdmaster 24/9/10 10:50 - 802 commenti

Una buona prima opera di Satoshi Kon, che si presenta al pubblico con un thriller su una Idol apparentemente un po' fuori di testa, labirintino e piacevole, riuscendo a unire della buona tecnica d'animazione a scene inquietanti e decisamente memorabili. Forse nella seconda parte ci si perde un po' in una trama non proprio facile da seguire, ma sono difetti che si rimedieranno nei successivi lavori del regista.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La violenza sessuale di gruppo (vera? finta?).
I gusti di Mdmaster (Avventura - Drammatico - Horror)

Darkknight 6/9/15 15:06 - 323 commenti

Trama degna di Hitchcock, o meglio ancora di De Palma (per temi come il doppio, il cinema nel cinema e la critica allo showbiz), con esplosioni di violenza alla Dario Argento (citato giÓ dal titolo Perfect Blue, Profondo rosso...). La confusione tra realtÓ e ficton, specie nella parte centrale, confonde e pu˛ perfino irritare, ma rende bene la schizofrenia in cui sembra precipitare la protagonista. E inoltre Kon sa trovare il giusto ritmo e i suoi personaggi disegnati sono pi¨ convincenti di qualsiasi attore in carne e ossa.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'omicidio del fotografo zozzone.
I gusti di Darkknight (Animazione - Horror - Western)

Yamagong 10/12/16 3:11 - 274 commenti

Fulminante esordio per Satoshi Kon che, attraverso una contorta implosione a scatole cinesi, ci inchioda al cospetto di uno scenario a dir poco baudrillardiano: Perfect Blue Ŕ, sinotticamente parlando, un gioco di simulacri e simulazioni, di immagini che rimandano a immagini, di corpi che diventano a loro volta immagini e viceversa in una scissione indotta che si leva urlante contro le tentazioni della stordente societÓ del virtuale e, al contempo, assurge a un'irrevocabile funzione apotropaica. Plauso all'argentiano impianto audiovisivo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'incrocio diegetico col serial "Double Bind"; I primi due omicidi; Lo stupro.
I gusti di Yamagong (Animazione - Commedia - Drammatico)

Fedeerra 23/1/18 5:44 - 251 commenti

Il vero capolavoro di Satoshi Kon, psico thriller morbosissimo e straordinariamente feroce. Siamo in un contesto di estrema alienazione, siamo nell'era in cui internet destava per la prima volta curiositÓ e paure, un posto dove nascondere e al tempo stesso esibire trofei, sconfitte e perverse patologie. Una storia che racconta di una paladina non perfetta, smarrita e sottomessa alle rigide regole dello star system giapponese. Memorabili le scene sul disturbo di personalitÓ in metropolitana e l'urlo soffocato nella vasca da bagno.
I gusti di Fedeerra (Drammatico - Horror - Thriller)

Bubobubo 12/9/18 22:39 - 128 commenti

Come iniziazione assoluta all'animazione lunga nipponica pu˛ forse essere una scelta un po' audace, ma il gioco vale ampiamente la candela. A riprova del fatto che il medium espressivo di per sÚ non presignifica nulla, Kon infila un thriller erotico notevolissimo, la cui non consequenziale temporalitÓ interna permette di rinfrescare - con risultati assai originali - la classica dialettica veritÓ/finzione in rapporto a chi agisce e a chi osserva. Autentico capolavoro!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il plot twist nel plot twist della scena dello stupro: se ne ricorderÓ, probabilmente, il Lynch di Inland empire.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)

Saintjust 7/6/13 20:48 - 111 commenti

Pur non essendo sorretto da un gradevole disegno, ci si trova davanti a una piccola gemma dell'animazione nipponica. Siamo lontanissimi dallo studio Ghibli, da Miyazaki e simili, qui si viene calati in una narrazione intricata e tesissima. Lynciano in diversi passaggi, inquieta (tanto) e sorprende con un mix di violenza sanguinolenta e dramma psicologico. Il contorno ci mostra l'essenza, ammalata, della societÓ giapponese, pregna di preconcetti e di sublimazione della brutalitÓ tessuto connettivo della realtÓ sociale. Ottima la colonna sonora.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'impressionante e disturbante realismo della sequenza dello "stupro simulato".
I gusti di Saintjust (Fantascienza - Gangster - Horror)