Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL FANTASMA DELL'OPERA

All'interno del forum, per questo film:
Il fantasma dell'Opera
Titolo originale:Phantom of the Opera
Dati:Anno: 1943Genere: drammatico (colore)
Regia:Arthur Lubin
Cast:Susanna Foster, Claude Rains, Nelson Eddy, Edgar Barrier, Jane Farrar, Hume Cronyn
Visite:581
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 10
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO DAVINOTTATO NEL PASSATO (PRE-2006)


Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Undying 6/12/15 11:15 - 3875 commenti

Un malinconico Claude Rains presta il "volto" allo sventurato violinista, privo di futuro e di successo, talmente in miseria da essere quasi cacciato dal piccolo locale in cui vive a pigione; ma Claudin è anche tanto nobile di spirito e cuore, al punto di aiutare, come meglio può, l'altrettanto povera Christine. Secondo horror Universal girato in Technicolor in un set allestito presso le proprietà della casa produttrice con finto Teatro parigino più e più volte utilizzato. Costumi e regia perfetti, ma troppi sono gli intermezzi musicali...

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La caduta "dolosa" dell'enorme lampadario e gli ultimi frenetici 5 minuti del film, con inseguimento nei sotterranei.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Puppigallo 12/3/08 9:55 - 4073 commenti

Lo licenziano, lo spernacchiano per ciò che compone e gli tirano l'acido in faccia ("strano" che impazzisca). Si tratta di un buon film (soprattutto quando non cantano) anche se, essendo ambientato all'opera, era inevitabile. Il fantasma è ben interpretato e la sua ombra aleggia minacciosa su tutto e tutti. Anche i personaggi che gli ruotano attorno sono piuttosto interessanti (la bella cantante, il partner in scena, il commissario, il direttore del teatro). La pellicola è datata e gli anni si sentono, ma non è ancora fuori tempo massimo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Commissario e cantante fanno la figura dei pisquani davanti alla bella.
I gusti di Puppigallo (Comico - Fantascienza - Horror)

Daniela 16/3/18 10:29 - 7234 commenti

Sgargiante trasposizione del romanzo di Leroux, in chiave del tutto diversa rispetto a quella potentemente drammatica interpretata da Lon Chaney: largo spazio viene lasciato alle rappresentazioni musicali, fastose neie costumi, e non mancano elementi brillanti legati alla rivalità amorosa fra baritono e poliziotto, entrambi innamorati della cantante "protetta" dal fantasma. Quando a questo personaggio, l'antefatto è descritto nel dettaglio, cosa che consente al bravo Rains di recitare senza maschera per quasi un terzo del film. Nel complesso, uno spettacolo datato ma ancora gradevole.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Rebis 7/7/15 19:21 - 2068 commenti

Certo è che tra i mostri Universal ci fa la figura di un cavolo a merenda. E non è solo una questione di colore: Lubin cerca di allinearsi agli standard della serie narrando in incipit la genesi del mostro, ma sedotto com'è dallo sfarzo e dal melodramma operistico non riesce a conferirgli una statura verosimile. Nel trionfo di gorgheggi, languori, prime donne e ricostruzioni d'epoca, si disperdono gli scorci espressionisti dedicati al fantasma e la diligente interpretazione di Rains lo dissolve sullo sfondo. Rigoglioso, ma inconsistente.
I gusti di Rebis (Drammatico - Horror - Thriller)

Ciavazzaro 24/7/08 12:40 - 4659 commenti

Migliore della versione di Fisher, non bello come la prima versione in bianco e nero con Chaney, insomma una versione intermedia a livello qualitativo. Il protagonista è l'ottimo caratterista horror Claude Rains, anche se il fatto che sia più portato verso il musical non aiuta molto la pellicola. Vedibile.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Deepred89 26/7/08 13:19 - 2986 commenti

Tra i vari remake del film di Chaney, uno dei meno riusciti. Ben fotografato ma appesantito da una regia troppo teatrale che rende oggi il film invecchiatissimo. Inutili e troppo tirate per le lunghe le parti cantate e troppo edulcorato sotto il versante horror. Sufficiente ma nulla di imperdibile.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Lovejoy 21/12/07 18:36 - 1825 commenti

Virato in direzione del melodramma musicale più che sull'horror, è la prima versione a colori e parlata del classico romanzo di Leroux e ancor'oggi la migliore. Merito di scenografie e costumi strepitosi, di una storia appassionante e di musiche molto belle. E, sopratutto, di un Claude Rains semplicemente magnifico nel ruolo principale. Il suo ritratto del povero violinista deriso e derubato che finisce per farsi giustizia da sè, venendo poi sfigurato, è indimenticabile. Si sente tutta la sofferenza e il dolore del personaggio. Ottimi anche gli altri.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il flashback in cui viene mostrata la tragedia del protagonista; il rapimento della protagonista; il crollo del lampadario.
I gusti di Lovejoy (Comico - Horror - Western)

Minitina80 13/8/15 9:10 - 1642 commenti

Certamente è ben realizzato sotto il profilo tecnico, con due Oscar per le scenografie e la fotografia a testimoniarlo, ma ha il difetto di allontanarsi troppo dall’essenza del personaggio. Il migliore è Claude Rains, che esprime magnificamente l’anima sofferta e disperata del fantasma ma una componente operistica a cui viene dato ampio risalto e un eccesso di romanticismo a cui fa eco una comicità semplice affievoliscono di molto la magia del romanzo.
I gusti di Minitina80 (Comico - Fantastico - Thriller)

Von Leppe 27/10/12 19:32 - 866 commenti

Sfarzoso e colorato. Rispetto al precedente film di Julian, viene modificata la trama, che sarà quella più adottata dalle versioni successive (soprattutto da Il fantasma del palcoscenico di De Palma, che più delle altre conserva il carattere musicale trasformato in rock). In realtà in questo film di Lubin può stancare il lato musical tipico del cinema americano di quei tempi. C'è un'ottima caratterizzazione del protagonista, del suo essere un uomo timido e romantico (con qualche disturbo) beffato dal destino, di come diventa fantasma.
I gusti di Von Leppe (Giallo - Horror - Thriller)

HollywoodL 10/4/07 15:28 - 9 commenti

Teatrale e sfavillante remake del film muto di Rupert Julian, tirato a lucido dalla Universal per creare l'ennesimo "mostro" da aggiungere alla squadra, ma dalle atmosfere troppo brillanti (e soffiate di ironia) e fascinose per risultare un horror in piena regola. Nonostante qualche momento veramente riuscito (e le splendide scenografie) il film ci mostra con avarizia il "fantasma" e le sue gesta, puntando di più sulla splendida protagonista e buttandola sull'intreccio. Godibilissimo (soprattutto per gli occhi), ma poco horror.
I gusti di HollywoodL (Drammatico - Horror - Thriller)