Cerca per genere
Attori/registi più presenti

UN TRAM CHE SI CHIAMA DESIDERIO

All'interno del forum, per questo film:
Un tram che si chiama desiderio
Titolo originale:A Streetcar Named Desire
Dati:Anno: 1951Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Elia Kazan
Cast:Vivien Leigh, Marlon Brando, Kim Hunter, Karl Malden, Rudy Bond, Peg Hillias, Wright King, Nick Dennis, Richard Garrick, Ann Dere, Edna Thomas, Mickey Kuhn
Note:E non "Un tram chiamato desiderio".
Visite:1005
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 16
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 5/7/07 DAL BENEMERITO HOMESICK

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 20/9/12 6:40 - 11251 commenti

Verosimilmente il miglior film di Elia Kazan, tratto da un dramma teatrale di Tennessee Willimas. Una bellissima sceneggiatura (in parte dello stesso autore del dramma) e soprattutto la ricostruzione di un ambiente che trasuda umori e passioni. La carismatica presenza scenica di un Marlon Brando all'acme della sua fisicità e raramente così efficace, con il contrappunto della torbida e fragile personalità di Vivien Leigh. Di grande livello anche la prova di Karl Malden. Eccellente.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 2/9/13 9:55 - 7656 commenti

È la fotografia torbida la chiave di volta di questo film, dove gli anfratti segreti e malati del cuore si celano dietro ombre misteriose, solo a tratti solcati da fallaci sprazzi di luce. Così va in scena il balletto feroce del rapporto tra maschi muscolari e femmine trepidanti; così erotismo e follia si intrecciano nel buio claustrofobico di relazioni incandescenti. Un cult dal teatro di Williams, splendidamente diretto e interpretato, dove la passionalità travolgente da mélo barocco si tinge di squarci espressionisti che sfondano l’anima.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 5/7/07 8:24 - 5737 commenti

Teatrale e iperdrammatico, si segnala innanzitutto per l'eccellente recitazione degli attori, in primis i due protagonisti: la veterana Vivien Leigh, romantica e malata, e il quasi esordiente Marlon Brando, che affianca una serie di opposti eccessi che sfogherà nel bertolucciano Ultimo tango a Parigi, apparendo al contempo virulento e debole, crudele e tenero, sadico e indifeso, odioso e irresistibile, zotico e acutissimo. Perfetti pure Malden e la Hunter.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La famosissima entrata in scena di Brando con maglietta sudata e attillata che scatena da subito le pulsioni-tensioni sessuali della Leigh. .
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 16/7/08 0:30 - 7322 commenti

Tratto dalla splendida piece teatrale di Tennessee Williams che si occupò anche della sceneggiatura, il film è semplicemente magnifico. Merito della notevole regia di Kazan e soprattutto di una eccellente prova degli attori tra cui spicca un Marlon Brando semplicemente memorabile (ma che vergognosamente non vinse l'Oscar) il cui abbigliamento, jeans e maglietta, è entrato nella storia del cinema oltre che nella memoria collettiva. Cinema allo stato puro che non ci si stancherebbe mai di rivedere.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 12/2/15 17:19 - 8924 commenti

Blanche DuBois, donna dal passato tormentato e dalla personalità fragile, si trasferisce a New Orleans a casa della sorella, sposata con Stanley, un uomo rozzo che mal tollera le arie da gran dama dell'ospite... Pur smussato dallo stesso Williams rispetto all'opera teatrale, un dramma che trasuda sensualità: è nel sesso che Blanche ha cercato l'amore che non ha avuto dal marito suicida, è l'attrazione sessuale che spinge sua sorella a sottostare al marito, infine è sensualissimo il personaggio di Stanley. Film un poco datato, ma ancora molto valido per la prova eccellente di tutto il cast.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Brando in canottiera bianca, immagine entrata nell'immagine collettivo come simbolo di maschio rude e desiderabile.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Deepred89 4/12/11 16:37 - 3233 commenti

Non è stato molto clemente il tempo nei confronti di questo celebratissimo film di Kazan. Nonostante il personaggio di Brando (peraltro non ancora all'apice delle sue potenzialità di attore) rimanga impresso nella memoria e nonostante la forza conturbante delle sgredevolezze intuite e accennate ma mai esplicitate, è difficile sorvolare su dialoghi tanto datati, con punte di letterarietà che rasentano la farneticazione (e il doppiaggio italiano non aiuta), o sulla discontinuità del ritmo narrativo. Per l'epoca una bomba, oggi solo un buon film.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Capannelle 13/12/11 11:12 - 3663 commenti

Una storia classica su cui Kazan innesta elementi di modernità e gran vigore. A partire dall'ambiente sordido e sudaticcio di New Orleans dove si impone prepotentemente la presenza scenica di Brando-Kovalski che farà da contraltare alla delicata e terribilmente ambigua figura di Blanche, interpretata da una grande Leigh. Non meno bravo Malden nella parte di Mitch. A tratti troppo teatrale, specie quando Brando parte per la tangente, ma il secondo tempo offre diverse sequenze da ricordare.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Paulaster 31/8/17 12:43 - 2605 commenti

Un’esaurita Leigh va a vivere dalla sorella ma dovrà vedersela col marito. Giocato sulla contrapposizione delle interpretazioni, si trova sbilanciato per il ruolo di lei (ormai datato con dialoghi stucchevoli) che si scontra con un Brando (di ottima interpretazione), rude e maschilista. Pregevole l’ambientazione, che trasuda passionalità con la scelta non casuale di New Orleans. Finale che poteva essere nelle corde di Hitchcock per la tensione di chissà che colpo di testa poteva capitare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Brando che urla “Stella!” da sotto le scale.
I gusti di Paulaster (Commedia - Documentario - Drammatico)

Myvincent 29/4/13 19:07 - 2467 commenti

Via col vento trova un tragico seguito con una storia tristissima di degrado, sfortuna, abusi. Un ambiente livido e squallido, il sudore e la promiscuità dei contatti fisici sono lo sfondo in cui si consuma l'uscita di senno di una donna fragile e poetica che non trova riscatto in alcun modo. La scena della schizofrenia finale è all'altezza di Viale del tramonto. Un classico senza tempo e dai significati universali.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Mickes2 12/11/12 15:53 - 1650 commenti

Cara dolce Blanche, odiosa e struggente allo stesso tempo, incompresa, intenta a rimanere dentro un sogno evadendo dalla realtà, vittima della sua stessa vena passionale e sentimentale, sofferente maschera di dolore celato dietro un passato luttuoso. La mentalità burbera, squallida e diffidente di un quartiere (Brando eccezionale) si scontra con la magia disincantata di uno sguardo fanciullesco e morboso cristallizzato nella fragile sensibilità (Leigh da brividi). E il desiderio che quel tram porta con sé non potrà mai essere vissuto.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Stefania 28/4/10 3:09 - 1600 commenti

Elettrizzante triangolo, con al vertice un Brando animalesco e puerile, bellissimo personaggio! Ma è Blanche ad accendere la miccia, nel già difficile menage tra la sorella e il cognato: semi-ninfomane (forse) pentita, donna sfiorita, che della rispettabilità può solo costruirsi un'apparenza, destinata a sbriciolarsi miseramente. Morboso e allusivo, magistrale crescendo di tensione emotiva e sessuale, in un domicilio coniugale che diventa zona di guerra, sullo sfondo di quel torpido, fascinoso e squallido quartiere di New Orleans...
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Almicione 19/8/14 2:20 - 765 commenti

Blanche vive in un mondo fantastico e irreale, ma è costretta a scontrarsi con l'"ordinarietà" della vita nonché la brutalità di Stanley; in pratica una moderna madame Bovary, quella interpretata dall'eccessiva e a tratti fastidiosa Leigh. La pellicola si regge completamente su questo e la breve storia fra Blanche e Mitch non rende di certo più entusiasmante il racconto. Brava la Hunter, mentre Kazan poteva essere più preciso. Forse un film pretenzioso, che non riesce a dire molto, né dal punto di vista sociale né da quello artistico.
I gusti di Almicione (Drammatico - Gangster - Thriller)

Vito 31/5/17 8:24 - 636 commenti

Ottimo dramma splendidamente diretto da Elia Kazan con un quartetto di attori da applauso continuo: la Leigh, la Hunter, Karl Malden e naturalmente il rude Marlon Brando in iconica maglietta attillata. Si distacca parzialmente dall'ambiguità del testo di Tennessee Williams ma rimane comunque un capolavoro senza tempo che riesce a far respirare un'atmosfera di forte disagio nello spettatore.
I gusti di Vito (Fantastico - Horror - Western)

Magi94 6/4/20 23:20 - 634 commenti

Mostro sacro della cinematografia classica americana che comunque si porta dietro tutta la pesantezza registica dell'epoca: di neorealismo non c'è traccia e la Nouvelle Vague è lontana anni luce. I dialoghi enfatizzati e barocchi e un certo senso di teatralità non riescono infatti a rendere abbastanza tagliente il ritmo e l'attenzione a tratti cala. Ciononostante, rimane un bel film per la straordinaria rappresentazione del personaggio della Leigh, che sì vive di teatro, in insanabile conflitto con la violenza fisica e verbale di Brando.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Flores! Flores para los muertos!"; Il finale.
I gusti di Magi94 (Commedia - Drammatico - Horror)

Maineng 30/7/08 18:48 - 100 commenti

Sicuramente un capolavoro, a mio modesto avviso, grazie alla bravura di Elia Kazan e dei due protagonisti. La vita per Blanche diventa davvero complicata quando si trasferisce dalla sorella Stella e suo marito! Marlon Brando agli inizi della carriera provvisto di grinta e, in questo caso, autentica faccia tosta. Vivien Leigh professionale al top nella parte della donna con problemi di personalità che cerca di mettere in salvo la propria dignità ad ogni costo ma inutilmente (luci soffuse per nascondere l'età e bugie). Bravissimo anche Karl Malden.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La sfuriata di Stanley mentre Blanche passa ore in bagno a lavarsi.
I gusti di Maineng (Documentario - Drammatico - Thriller)

Joker1926 4/4/17 1:23 - 8 commenti

La figura iconica di Marlon Brando è legata, in modo importante, a un regista come Kazan. "Un tram che si chiama desiderio" segna una via importante per l'attore. Il film trasmette un'atmosfera abbastanza devastante, l'impostazione resta quella teatrale per un film etichettabile come cinema d'altri tempi. Siamo in un'epoca ove è la prestazione attoriale a prevalere sui tessuti narrativi. Marlon Brando proseguirà con Kazan l'ascesa e anche il simile Pelle di serpente, conferma il ductus del cinema dei grandi attori.
I gusti di Joker1926 (Drammatico - Poliziesco - Thriller)