Cerca per genere
Attori/registi più presenti

SANGUE - LA MORTE NON ESISTE

All'interno del forum, per questo film:
Sangue - La morte non esiste
Dati:Anno: 2005Genere: drammatico (colore)
Regia:Libero De Rienzo
Cast:Elio Germano, Emanuela Barilozzi, Luca Lionello, Libero De Rienzo
Visite:623
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 9
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 18/6/07 DAL BENEMERITO G.GODARDI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Capannelle 31/10/09 17:47 - 3470 commenti

De Rienzo gioca a fare il santone, vuole provocare e, pur sacrificando la coerenza, dimostra una certa stoffa. Mette tanta carne al fuoco ma ha il merito di rinunciare ai clichè più facili (belloni, genitori, denaro). Si muovono bene gli attori e l'atmosfera psichedelica cattura abbastanza con certi passaggi visivi/musicali che riescono bene. Alla fine non può tornare tutto ma più di quanto si possa sperare. E certi passaggi, certe verità presunte, possono farci anche sorridere ma sono più di un vacuo sperimentare.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'epilogo: l'irruzione nella sacrestia e il sermone di Germano che da improvvisato diventa potente.
I gusti di Capannelle (Commedia - Sentimentale - Thriller)

Brainiac 29/12/08 6:34 - 1081 commenti

Gioiellino tutto italiano. Per una volta il cinema italiano è ben rappresentato in campi a noi non congeniali (la commedia schizzata, i deliri lynchiani). Bravi gli attori con menzione speciale per Elio Germano. Tante idee. Alcune raffazzonate ma con grinta. Stupenda la scena finale, quella dell'incubo, in cui Germano trova cimeli fascisti nella sacrestia. Geniali alcune trovate atemporali (fate caso a che razza di banconote prendono i ragazzi dopo aver spacciato).
I gusti di Brainiac (Commedia - Gangster - Horror)

G.Godardi 18/6/07 17:22 - 950 commenti

Delirante e sperimentale esordio alla regia di De Rienzo, bravo attore che ricordiamo in Santa Maradona. Diviso in due atti più un "epilogo comico" è la storia del rapporto incestuoso tra due fratelli. Nel primo atto frenetico, vorticoso, quasi incomprensibile) abbiamo il punto di vista di lei. Nel secondo di lui (qui lo stile rallenta e diviene quasi visibile) fino al finale dove sfocia nella farsa indignata. Opera incasellabile, di cui De Rienzo fa quasi tutto lui. Certamente non riuscita ma merita attenzione. Bravo Germano.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il monologo di De Rienzo in versione ispanico-messicana che pare uscito da uno spaghetti western con Tomas Milian!
I gusti di G.Godardi (Horror - Poliziesco - Thriller)

Redeyes 19/1/08 15:02 - 1971 commenti

Film non convenzionale e sicuramente non banale. Bello? Onestamente non direi. Merita attenzione, ma tende ad annoiare. Qualche buono spunto alternato a trovate di poco valore. Su tutte il cammeo di De Rienzo che ho trovato forzato/forzoso e pretenzioso. Germano è bravissimo (come quasi sempre), ma anche la sorella se la cava bene. Più che alla trama o al susseguirsi degli eventi presterei attenzione alla massima di fondo.
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Lucius  30/7/12 22:46 - 2655 commenti

Per quanto a tratti diseducativo, si traduce in un film coraggioso per l'argomento che affronta (soprattutto nell'ambito del panorama cinematografico italiano). Non si può non riconoscere al regista padronanza del mezzo e stile. Gli attori sono bravi, Germano primeggia nel suo non facile ruolo. La musica è azzeccata e di gran classe; peccato per alcune connotazioni politiche fuori luogo e fuori tempo. La presa di coscienza delle proprie angoscie non è mai facile; il linguaggio della pellicola è estremo, come la morte, che non è mai utopia.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Stefania 18/12/10 16:35 - 1600 commenti

Interessante! Fervido e ingenuo, vanitoso, ridondante, ma trascinante. Stella ha un biglietto aereo in tasca, Yuri ha I pugni in tasca, e le mani "sempre sporche di sangue": le usa per frantumare autoritarie icone, ma il sangue è il suo. Il film racconta di un esorcismo lungo un giorno e una notte: sesso, sballo, santoni e fuochi (fatui) per scacciare fantasmi passati, presenti e futuri. Notevole la virata tragicomica dell'epilogo, ove il conflitto col potere sfocia in gioco di ruolo, auto-investitura, auto-esautorazione e auto-immolazione. Imperfetto e coraggioso.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "La verita? La verità è una cosa da ubriachi!".
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Bubobubo 24/9/18 0:32 - 442 commenti

Caotico, anarchico, a tratti imperdonabilmente fluviale, a tratti laconico oltre misura: pertanto interessante. Non parlerei senso strictu di un "bel" film, non fosse altro perché emergono da subito tutte le ingenuità (e le velleità) di un giovane al passo d'esordio registico: la sua eccezionalità, narrativa e stilistica, ne motiva però un recupero a tutto tondo. Tra qualche momento morto, molte le scene chiave, l'inseguimento automobilistico post-rave e la cerimonia funebre improvvisata su tutti. Ottimi gli attori principali.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)

Zio bacco 11/10/14 15:04 - 225 commenti

De Rienzo impasta un film ambizioso, ma molto al di sotto degli elogi ricevuti. La ricetta ha ingredienti non banali (incesto, disagio), eppure l'infornata non riesce. Inquadrature e montaggio caotici creano pathos e il film è quantomai dannato, però il materiale affastellato è eccessivo e alla lunga logora. Bravo Germano, apprezzabile l'indefinitezza di certi dettagli (banconote, Polizia), ma troppe scene esulano dal contesto (comparsata di De Rienzo) e i riferimenti politici non hanno attinenza. Talvolta meno è meglio. Pretenzioso ma confuso.
I gusti di Zio bacco (Comico - Commedia - Drammatico)

Beatgiva 26/7/08 13:17 - 11 commenti

Irritante e presentuoso. La (non) storia senza capo né coda di una ragazza e del suo fratellastro che si trascina fra dialoghi alla Brizzi e pulp a buon mercato. Forse visto fuori tempo massimo (se avessi avuto una decina di anni di meno, magari lo avrei anche apprezzato), ora l'ho trovato solamente inutile e a tratti ridicolo.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il monologo di Elio Germano a fine film è qualcosa di imbarazzante.
I gusti di Beatgiva (Drammatico - Giallo - Poliziesco)