Cerca per genere
Attori/registi più presenti

IL SAPRòFITA

All'interno del forum, per questo film:
Il sapròfita
Dati:Anno: 1974Genere: drammatico (colore)
Regia:Sergio Nasca
Cast:Valeria Moriconi, Giancarlo Marinangeli, Al Cliver, Leopoldo Trieste, Pia Morra, Cinzia Bruno, Giancarlo Badessi, Janet Agren
Visite:1836
Filmati:
Approfondimenti:1) LA MOSTRA PERMANENTE DEI FLANI DI LEGNANI
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 16
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 4/6/07 DAL BENEMERITO B. LEGNANI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 4/6/07 22:28 - 4282 commenti

Un po' deludente. Dissacrante, ma sfociante in un eccesso che lo rende, qua e là, fastidiosetto. Gioca bene una carta, quella rappresentata da Valeria Moriconi, che porta perfettamente il fascino della donna matura. Efficace Al Cliver (al suo massimo, almeno secondo quella che è la conoscenza che ho di lui), il saprofita che profitta di ogni situazione. Paurosamente fuori parte la Agren. Sul manifesto stava scritto "sapròfita" con l'accento sulla "o", per evitare che lo spettatore sbagliasse la pronuncia.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Nel finale, la violenta, mezza citazione da La Corazzata Potemkin, del grande maestro sovietico Sergei M. Eisenstein.
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Undying 22/7/09 21:10 - 3875 commenti

Ercole (Al Cliver) ha abbandonato gli studi per afasia e si è riciclato in ruolo d'autista (nonché amante) della baronessa Clotilde (Valeria Moriconi). Durante un viaggio a Lourdes, con finalità speculative sulle precarie condizioni di salute di Parsifal, figlio della nobile casata, il gruppo s'imbatte nella bella Teresa (Janet Agren). Curiosa, ma caotica, parabola sull'opportunismo. Sfruttatore ovvero parassita: il significato del titolo. Pier Luigi Conti (Al Cliver) per la prima volta in un ruolo principale per il quale ottenne pure una nomination per il Nastro d'argento come miglior attore.
I gusti di Undying (Horror - Poliziesco - Thriller)

Il Gobbo 8/1/08 23:23 - 3010 commenti

Morbosetto e olezzante di esercizio manieristico, alla Samperi/Bellocchio (più il primo) dei primi tempi scopiazzati scolasticamente e con mano piuttosto greve; tuttavia non è malaccio malgrado i frequenti scivoloni trash (da Carlo Monni santone alla Agren finta beghina - ma dai... ). Succulenta la Moriconi, funzionanti Cliver/Conti muto (buona idea purtroppo non replicata) e l'odiosissimo ragazzino. Discontinuo, buono il colpo di scena finale.
I gusti di Il Gobbo (Gangster - Poliziesco - Western)

Homesick 1/12/08 15:30 - 5737 commenti

L'esordio registico di Nasca si colloca a metà strada tra la famiglia allo sfascio de I pugni in tasca e l'erotismo pruriginoso di Grazie zia, con l'anticipo di quelle forme di religiosità popolare (il pellegrinaggio a Lourdes) che saranno l'asse portante del successivo Malìa. La Moriconi si rilancia come moglie frustrata e vogliosa, Conti se ne sta muto fino allo choc finale, la Agren è seria e quasi monacale, il giovanissimo Marinangeli pare un aspirante Alex/Lou Castel. Scombinato, eppur rappresentativo di una certa stagione del nostro cinema.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 27/3/09 17:36 - 6795 commenti

Ispirandosi a un certo cinema dell'epoca (specie quello di Samperi), Nasca dà vita ad una galleria di personaggi bizzarri e sgradevoli attraverso i quali non dice nulla di sostanzialmente nuovo (il tema della famiglia come coacervo di desideri repressi era già stato rappresentato con ben altri risultati). Tuttavia la pellicola è dignitosa, anche se a tratti confusa, soprattutto grazie a riuscite iniezioni di umorismo nero che colpiscono i bersagli a cui si rivolgono. Un po' di maniera la descrizione della società dell'epoca. Non male.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Deepred89 5/6/17 18:21 - 3047 commenti

Dramma morboso tipicamente settantiano che si innalza al di sopra della media del genere per la sua abilità nel mescolare sacro e profano non senza toni ironici e dissacranti e per un personaggio principale che rimane impresso, impersonato da un Al Cliver nel ruolo della vita. Purtroppo il crescendo regge fino a un certo punto e il film delude proprio nel segmento decisivo (ambientato a Lourdes), tra tempi un po' sbilanciati e un finale tra provocazione e sorpresa la cui esagerazione lascia più perplessità che sconvolgimento.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Markus 27/9/15 11:22 - 2657 commenti

Evidente epigono del ben più noto Grazie zia di Samperi. Nasca traccia un drammetto borghese con personaggi improbabili, a partire dal "sacerdote" Al Cliver (impedito nella parola) impiegato come “stallone” dalla sexyssima signora di casa (Valeria Moriconi). Chiaro che l'intento del film è assecondare una certa pruderie e, quindi, cavalcare un filone che per qualche tempo ebbe successo. Divertente il ruolo del piccolo Parsifal (Giancarlo Mariangeli). Sul versante pruriginoso concorrono Janet Agren e Cinzia Bruno.
I gusti di Markus (Commedia - Erotico - Giallo)

Daidae 27/2/10 20:10 - 2472 commenti

Dissacrante e spinto, è forse la migliore interpretazione di Al Cliver alias Pierluigi Conti, valido caratterista italiano del 70-80. Qualche esagerazione di troppo ma nel complesso un film niente male. Ottimo il cast, a partire dalla sensuale Moriconi per terminare con l'odioso ragazzino.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il finale.
I gusti di Daidae (Comico - Horror - Poliziesco)

Lucius  25/12/13 0:30 - 2653 commenti

Il classico scandalo di provincia di una famiglia borghese X. Lei è nobile e sola, lui un seminarista povero, aitante e fuori da ogni schema. Due mondi lontani che si attraggono, pur con diversi sentimenti, in un vortice di ineluttabile passione. Pur con tempi morti e troppo spazio dedicato all'imbelle ragazzino, la sceneggiatura risulta realistica. I personaggi sono gradevoli (ad eccezione sempre del ragazzino) e fuori dai cliché. Una pellicola che descrive con autenticità taluni ambienti altolocati in cui tutto è permesso (o quasi).
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Giùan 11/10/14 14:55 - 2498 commenti

Pellicola indubitabilmente curiosa, che per la sua stessa intrinseca fragile "eccessività" non riesce ad assurgere a reale oggetto di culto. Nasca non gioca male la carta della "derivatività" (dai coevi Bellocchio e Samperi come è stato detto ma anche dal Pasolini di Teorema o da certo Buñuel), infondendo ai suoi personaggi una discreta carica perturbante (dall'afasico necrofilo Cliver, alla inaspettata mantide Moriconi, alla fragrante frigidità della Agren); troppo però è lasciato a metà in una evidente incapacità di sintesi e incisività.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Stefania 6/1/11 22:33 - 1600 commenti

Il capovolgimento dei tradizionali equilibri di potere (uomo-donna, anziani-giovani, borghesia-proletariato), il parassitismo come rivoluzione muta e passiva, il connubio tra religiosità popolare e sensualità: c'è molta carne... sulla graticola, il fumo è acre di sarcasmo e di rabbia, gli eccessi caricaturali nei personaggi sono spesso grevi, ma gustosi. Lo scarto finale sul metafisico e imperscrutabile intreccio tra Peccato e Grazia è un colpo che va a segno. Buon film!

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'enuresi cronica del piccolo Parsifal. La Agren a Lourdes col reggiseno in mostra sotto la camicetta. Il coito Kline-Agren accanto alla nonna morta.
I gusti di Stefania (Commedia - Drammatico - Giallo)

Giacomovie 1/5/15 11:37 - 1295 commenti

Il saprofita è un organismo che si nutre di materia organica morta. In questo film non può che essere identificato col personaggio dell’ex prete quasi muto (Al Cliver) ma l’accostamento è un po’ forzato in quanto si comporta più da parassita che da saprofita. L’intento di Nasca è comunque quello di denunciare malcostumi sociali e falsa moralità e lo fa partendo da situazioni estreme (l’invalidità e l’emarginazione) e puntando sullo humour graffiante di situazioni tra loro slegate. Le frecciate al mondo ecclesiastico sono però riuscite.
I gusti di Giacomovie (Drammatico - Erotico - Sentimentale)

Ronax 9/6/13 1:32 - 756 commenti

Ambizioso esordio di Nasca che tenta, a metà dei '70 e più o meno contemporaneamente a Bazzini e a Pirri, di far rivivere i furori iconoclasti del cinema sessantottino. I momenti magici però non si ripetono: le provocazioni girano abbastanza a vuoto e i pugni nello stomaco non colpiscono mai veramente. Ciò detto, il film è tutt'altro che da buttare, a cadute macchiettistiche fanno da controcampo momenti felici e il finale lascia indubbiamente il segno. Cliver passabile, irresistibilmente sensuale la Moriconi, totalmente assurda la Agreen.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'amplesso fra Cliver e la Agreen di fianco alla morta.
I gusti di Ronax (Drammatico - Erotico - Thriller)

Bubobubo 18/9/18 0:18 - 414 commenti

Pruriginoso, dissacrante, bachtiniano saggio cinematografico sull'opportunismo umano. Il (quasi) muto protagonista ne è solo l'esempio più eclatante, ma nessuno fa niente per niente: c'è chi si vende per amore (gay, etero, incestuoso), chi per l'oro delle salme, chi per un'ombra di ascendente sul prossimo. Nell'Italietta dei tifosi (sparsi tra curve provinciali, luoghi di pellegrinaggio e nostalgici ricordi del Ventennio) non ce n'è uno che non abbia la rogna. A tratti disomogeneo, ma colpisce a fondo. Il successivo sarà ancora migliore.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Janet Agren accoglie la notizia del "miracolo" del seminarista con la camicetta aperta.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)

Marcolino1 19/11/16 14:46 - 291 commenti

Nasca anticipa il tema della superstizione religiosa che tornerà nel suo seguente film del '75. Qui il discorso si estende nella relazione tra il fascismo defunto e la religione superstiziosa e a cui i personaggi del film (tra cui il bravissimo pre-adolescente Marinangeli baby gerarca nero) si attaccano come una pianta saprofita si nutre di organismi morti. Scoperto il fallimento del fanatismo e distrutto ciò che lo rappresenta, avverrà il vero miracolo, in contrasto con i finti Gesù e la follia delle false promesse di Lourdes.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Al Cliver seduce la Agren a Lourdes accanto al corpo defunto della madre di lei; I deliri fascisti di Marinangeli.
I gusti di Marcolino1 (Documentario - Fantascienza - Musicale)

Kazanian 30/9/12 16:08 - 48 commenti

Grande film in cui tutto è convincente, da Al Cliver (nonostante una certa inespressività) al terribile ragazzino paralizzato fino alla madre non tanto a posto e la Agren finta timorata. Il racconto appassiona e si vuol vedere fin dove si spingeranno i protagonisti. Forse già avanti, per l'epoca.
I gusti di Kazanian (Giallo - Horror - Thriller)