Cerca per genere
Attori/registi più presenti

VOLEVO SOLO DORMIRLE ADDOSSO

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 11
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 20/5/07 DAL BENEMERITO G.GODARDI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

B. Legnani 16/7/07 0:15 - 4526 commenti

Il libro di Massimo Lolli fu una bella sorpresa. La resa cinematografica è di tutto rispetto e palesa un’attenzione alla ri-costruzione della vita nelle multinazionali di oggi (purtroppo). Bravo Pasotti, in un ruolo non facile. Clamoroso cameo di Freccero nel ruolo del suo capo a inizio film. Da non perdere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "El muerto!".
I gusti di B. Legnani (Commedia - Giallo - Thriller)

Galbo 3/4/11 8:12 - 11088 commenti

Dopo qualche anno dalla sua realizzazione, il film di Eugenio Cappuccio è ancora quantomai attuale, e rappresenta uno dei film italiani recenti più riusciti tra quelli che si occupano del mondo del lavoro. Merito soprattutto dell'ottima caratterizzazione psicologica del protagonista seguito nella progressiva perdita della sua "umanità", a vantaggio del cinismo lavorativo tipico delle multinazionali. A tale carattere ben si presta la prova di Pasotti, buon attore che non si è però più ripetuto a questi livelli.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Pigro 7/9/09 8:29 - 7410 commenti

Quadro di una multinazionale deve tagliare non pochi dipendenti: il mondo del lavoro in uno dei suoi aspetti più critici è al centro di un bel film con un titolo (derivante dal romanzo originario) suggestivo, ma incongruo. La parte privata della vita del protagonista (molto ben incarnato da Pasotti) è infatti la meno interessante e riuscita. Buona e calzante è invece la narrazione più "politica", glaciale e non priva di annotazioni amare (il tormentone "ti stimo molto"), calata in un'azienda dai contorni asettici e quasi assoluti.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Ciavazzaro 4/9/09 12:24 - 4740 commenti

Ben curato. Giorgio Pasotti è un bravo protagonista, inesistente la Capotondi, da citare il caratterista Elio Veller. Confezione discretamente curata. Il film si fa vedere ed è sorretto da una buona regia di Cappuccio. A mio avviso la visione della pellicola è consigliata.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

G.Godardi 20/5/07 17:04 - 950 commenti

Responsabile della Formazione del Personale viene "incastrato" con un nuovo incarico: licenziare 25 dipendenti. Se ci riuscirà avrà un posto di primissimo piano in azienda, più ricco bonus e auto aziendale. Andamento da thriller per questa bella commedia che scava nella psiche umana e nella realtà aziendale. Un buono spaccato di questo preciso momento storico. Non inganni la struttura all'americana del film: anche nel lavoro l'Italia è stata americanizzata da un pezzo. Bravo Pasotti che sostiene tutto il film, diligente la Capotondi che si mostra spesso nuda.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: "Ti stimo molto....complimenti...." "Dietro ogni grande fallito c'è sempre una gran zoccola!".
I gusti di G.Godardi (Horror - Poliziesco - Thriller)

Redeyes 9/4/08 11:28 - 2068 commenti

Piacevolissima sorpresa questa pellicola che si avviluppa intorno ad un cinico Pasotti nella rappresentazione del fagocitante mondo delle multinazionali. Il ritmo è buono ed è soprattutto, spiace quasi ripetersi, merito del Dr. Pressi che è ottimamente reso. Il contorno non è troppo macchiettistico, per fortuna, ed ha un buon cast di caratteristi: il milanese Borghi, l'amico goffo, la Capotondi (esteticamente tanto di cappello!) che ben rende il personaggio. Finale in cui si intuisce chi sia il 25° ma va bene così! Promosso!
I gusti di Redeyes (Drammatico - Fantascienza - Thriller)

Nando 1/4/11 12:23 - 3389 commenti

Un veritiero spaccato del mondo del lavoro in cui un manager deve, con modi più o meno spicci, liberarsi di alcuni dipendenti. Pasotti interpreta bene la parte, mentre le scene della sua vita privata appaiono abbastanza scontate e poco brillanti. Nel complesso una narrazione interessante provvista anche del giusto finale.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Giùan 22/11/11 13:25 - 2718 commenti

Dopo le esili co-regie de Il caricatore e La vita è una sola, Cappuccio fa un film tutto suo, una pellicola ammaliante dal punto di vista estetico, quanto "incidente" nel tessuto sociale della nostra contemporaneità. Tra i pochi film italiani a occuparsi del lavoro, questo ha il merito accessorio di segnalarcene la corrispondenza col grado zero del privato. Il Pressi (a cui Pasotti fornisce una contraddittoria noncuranza) non distingue tra ruolo e privato, sì che il suo personale rischia d'esser tout court quello aziendale (da tagliare). Un po' ombelicale.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Gabrius79 26/3/14 22:06 - 1137 commenti

Eugenio Cappuccio dirige un bravo e intenso Giorgio Pasotti in un film quanto mai attuale sullo scottante tema dei licenziamenti. La sceneggiatura è un po' zoppicante e a tratti la noia è in agguato, ma per fortuna il cast riesce a coinvolgere lo spettatore.
I gusti di Gabrius79 (Comico - Commedia - Drammatico)

Magi94 12/2/20 23:37 - 582 commenti

Bellissimo film rimasto piuttosto isolato, nel panorama del cinema italiano contemporaneo. Sconta un po' di ingenuità nelle prestazioni attoriali (tranne Pasotti) e nei dialoghi a tratti televisivi, ma il desolante ambiente che descrive è troppo violento per non lasciarsi coinvolgere dalla vicenda. Spicca como tutti i personaggi del film, eccetto forse la ragazza africana, siano alla fin fine negativi. Rimane attualissimo al di là delle condizioni lavorative effettive, perché veritiero è senz'altro il clima e il modo di pensare propagandato.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La stridente alienazione individualista e utalitarista che ruota attorno ai rapporti umani di Pasotti, con i colleghi o con la ragazza.
I gusti di Magi94 (Commedia - Drammatico - Horror)

Lamax61 5/8/12 21:52 - 30 commenti

Più che decoroso film italiano degli ultimi tempi. Ben rappresenta la situazione all'interno dei grossi complessi industriali. Gli esuberi vanno segati a discapito di qualsiasi altra forma di rapporto umano. La legge dei numeri e del profitto deve sempre prevalere. Ottima e credibile prova di Pasotti, ma anche di tutto il resto del cast.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Siamo nella fase della post-trombata. Se continuiamo ci sposiamo, altrimenti...
I gusti di Lamax61 (Commedia - Drammatico - Poliziesco)