Cerca per genere
Attori/registi più presenti

LE LACRIME AMARE DI PETRA VON KANT

All'interno del forum, per questo film:
Le lacrime amare di Petra von Kant
Titolo originale:Die Bitteren Tränen der Petra von Kant
Dati:Anno: 1972Genere: drammatico (colore)
Regia:Rainer Werner Fassbinder
Cast:Margit Carstensen, Hanna Schygulla, Katrin Schaake, Eva Mattes, Gisela Fackeldey, Irm Hermann
Visite:762
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 11
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 6/3/07 DAL BENEMERITO ATTIS78

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Pigro 29/6/08 10:23 - 7042 commenti

Una stilista, amata dalla propria segretaria, si innamora di un’altra donna: ne nasce una semplice (come trama) e complessa (per i sentimenti in campo) vicenda, tutta all’interno della casa-atelier della stilista stessa. Il film, tratto da un’opera teatrale dello stesso Fassbinder, è claustrofobicamente chiuso nella stessa stanza e insistentemente pervaso da parole e musica. Un film impegnativo da seguire, ma di intense emozioni per parlare non tanto dell’amore, quanto dei rapporti di potere e dipendenza che l’amore innesca. Fassbinderiano.
I gusti di Pigro (Drammatico - Fantascienza - Musicale)

Homesick 18/3/11 19:00 - 5737 commenti

Kammerspiel in cinque atti che attesta l’assoluta padronanza acquisita da Fassbinder nel gestire lo spazio drammatico lavorando sull’efficacia dei dialoghi e sbizzarrendosi con la mdp in lunghi piani sequenza, carrellate, panoramiche, lente zoomate. Al centro, ancora rapporti di potere dettati dall’amour fou e da una dialettica servo-padrone certo riconducibile alle logiche del maschio dominatore – pur non fisicamente presenti, sono gli uomini a condizionare questa vicenda di sole donne - e del materialismo borghese. Il regista fa una comparsa lampo, ritratto in foto su un giornale.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Le crisi isteriche della Carstensen; la presenza muta e servile della Herrmann.
I gusti di Homesick (Giallo - Horror - Western)

Cotola 3/9/10 12:01 - 6690 commenti

Melodramma lucido e spietato sull’amore inteso come strumento di potere e controllo sull’altro con tutto il suo carico gravido di conseguenze negative. Nella prima parte risulta un filino meno riuscito e coinvolgente di altre opere del regista tedesco, tuttavia nella seconda parte ingrana e raggiunge risultati ragguardevoli. Splendide tutte le attrici, mirabilmente dirette da Fassbinder la cui mdp (grazie all’operatore Ballhaus) si muove sinuosamente negli spazi angusti di un unico ambiente. Cinema teatrale, impegnato e molto impegnativo (quindi non per tutti)
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Deepred89 13/3/15 13:37 - 3010 commenti

Quasi una versione sentimentale e gridata di Eva contro Eva, un melodramma da camera con una regia dall'impianto fortemente teatraleggiante ma al tempo stesso sapientissima nell'utilizzo della mpd. Il primo tempo possiede una finezza psicologica sopraffina, in seguito si cade in eccessi e legge del taglione in rosa, ma il beffardo finale ristabilisce l'equilibrio. Ottima la protagonista, atmosfera particolarissima, qualche sfumatura (la bambola, il personaggio della figlia) che colpisce nel segno. Pur coi suoi alti e bassi un buon film.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Harrys 16/6/11 22:30 - 679 commenti

Chiaramente tratto da una pièce teatrale (dello stesso Fassbinder, tra l'altro), l'autore ne conserva l'unità di luogo e la logorrea, impegnandosi in una continua sfida geometrica tesa a valorizzare la ponderata scenografia e a donare dinamicità ad un'altrimenti sterile rappresentazione. Preziosa la metafora degli onnipresenti specchi, che contribuiscono a scandagliare nel problematico triangolo costituito dalla protagonista disillusa, dalla segretaria complessata e dalla giovane rampante. Un rapporto destinato a mietere contrappassi. ***
I gusti di Harrys (Comico - Fantastico - Horror)

Lucius  18/9/12 12:55 - 2623 commenti

Esteticamente ineccepibile, ma eccessivamente teatrale, basato troppo sui dialoghi che risultano a tratti estenuanti. Se ci si arma di pazienza però si entrerà appieno nella storia, apprezzandone tanto i contenuti quanto i virtuosismi di regia. La recitazione delle protagoniste è straordinaria anche se i dialoghi sono volutamente cadenzati; le scenografie sono un vanto per gli occhi. La pellicola si rivela molto lentamente agli spettatori. Intenso, impegnativo, ipnotico.
I gusti di Lucius (Erotico - Giallo - Thriller)

Giùan 23/3/12 11:16 - 2442 commenti

Una delle opere più impervie di Fassbinder. La derivazione dal suo omonimo testo teatrale (di cui per inciso vien modificato in senso pessimistico il finale) vien "corretta" da una serie di virtuosismi registici, in grado di utilizzare con raffinatezza lo spazio (specchi, manichini, telefono) in funzione drammatica. Le tematiche cardine del suo cinema son tutte presenti e fin troppo esplicitate (i rapporti sentimentali fondati sul dominio e la sopraffazione in primis), tuttavia l'insieme è ancora troppo cerebralmente brechtiano. Il tris d'attrici è servito.
I gusti di Giùan (Commedia - Horror - Thriller)

Mickes2 3/11/13 13:08 - 1550 commenti

Sulfureo e magmatico melò fassbinderiano che da pièce teatrale diviene un claustrofobico kammerspiel ammantato da sinuosi movimenti di macchina e impreziosito da attrici in stato di grazia. Puro pathos impresso su celluloide, verboso, depressivo, dolente, radicale, stillicida: è la rigorosa e passionale visione del maestro tedesco sui rapporti d’amore-odio e sulle lotte continue, i moti dell’anima, le prevaricazioni tra individui. Un dilaniante gioco di specchi che sdoppia e nasconde; abietto, tragico e implorante come Mida con Bacco. Sublime.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Petra che, in ginocchio, implora ai piedi di Karin prima della partenza; Petra da sola che, in ginocchio, si dispera.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Magi94 22/5/18 22:15 - 454 commenti

La potenza dell'opera è indubbia, ma rimane il sospetto che fosse più adatta alla rappresentazione teatrale piuttosto che al cinema come mezzo espressivo. Non che, di per sé, il film non abbia tratti eccezionali in quanto tale: la caratterizzazione perfetta dei personaggi, la fotografia accesissima, certi lenti movimenti di macchina... Eppure è davvero difficile affrontare la visione tutta d'un fiato, perché soprattutto la prima parte è colma di dialoghi che non portano a nulla se non alla costruzione dei personaggi. In ogni caso da vedere.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Petra che si rivolta contro le tre donne, quasi insostenibile da vedere per la crudezza della situazione.
I gusti di Magi94 (Commedia - Drammatico - Horror)

Gippal 18/1/17 23:00 - 66 commenti

Se Le lacrime amare di Petra von Kant fosse una legge, sarebbe spietata, disumana. Al principio di apertura generale, Petra lascerebbe seguire una serie di commi, ciascuno eccezione del precedente. Sarebbe in apparenza un abile legislatore, ma in realtà dissiperebbe parole, con incoerenza. Lei è serva, ma anche padrona. Lei è vittima, ma anche carnefice. Brancicando nel buio, è frangiflutti ormai sventrato e battigia battuta e ribattuta. E in un tale sfacelo, ti chiedi se anche tu sei uno sfacelo. Se anche tu non sei vittima, carnefice.
I gusti di Gippal (Animazione - Drammatico - Sentimentale)

Attis78 6/3/07 12:57 - 22 commenti

Interessantissimo soprattutto sul piano registico. Tutto girato in una stanza, il rapporto tra la fashion-designer Petra Von Kant, Marlene e Karin. I quadri, i manichini, tutto rende la scena mai statica seppur la camera agisca con lunghe sequenze e profonde inquadrature. Certo non il film più illuminante di Fassbinder, ma uno dei meno conosciuti, tratta a fondo il tema dell'ossessione, molto caro a tanto cinema (specie d'autore).
I gusti di Attis78 (Animazione - Drammatico - Horror)