Cerca per genere
Attori/registi più presenti

THE LIGHTHOUSE

All'interno del forum, per questo film:
The lighthouse
Titolo originale:The Lighthouse
Dati:Anno: 2019Genere: drammatico (bianco e nero)
Regia:Robert Eggers
Cast:Willem Dafoe, Robert Pattinson, Valeriia Karaman
Visite:466
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 8
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 16/12/19 DAL BENEMERITO DEEPRED89

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Cotola 12/2/20 22:02 - 7204 commenti

Tecnicamente sontuoso: con una fotografia di grande suggestione, un sonoro eccellente ed una regia da leccarsi i baffi. Dafoe e Pattison giganteggiano, con il primo che si fa leggermente preferire al secondo. Narrativamente e contenutisticamente parlando le suggestioni sono moltissime: registiche (Bergman e Polanski su tutti); letterarie (Lovecraft e Coleridge); pittoriche (Goya in primis). Ed è bello, ed un po' impegnativo, perdersi in quest'incubo in bianco e nero dai tempi e dai contorni imprecisati, in cui si staglia chiarissimo il mito di Prometeo che sfida un Dio geloso e vendicativo.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Daniela 11/1/20 18:32 - 8582 commenti

Un racconto apocrifo di Lovecracf diretto da Bergman in un momento di depressione ed interpretato da due tizi che sembrano usciti da una litografia di Goya... Le suggestioni suscitate dalla visione transitano attraverso una forma raffinata in cui ogni scelta tecnica, dal formato alla fotografia alla colonna sonora, accentua una sensazione di disagio che si insinua sottopelle. Horror primordiale che si nutre di miti e leggende, come dimostra nell'epilogo la possente rappresentazione del destino di un Prometeo pazzo che ha osato rubare il fuoco ad un Dio rozzo geloso del suo meschino potere.
I gusti di Daniela (Azione - Fantascienza - Thriller)

Deepred89 16/12/19 22:34 - 3145 commenti

Eggers, tecnicamente dotatissimo, punta in alto a dipinge con tocchi di un autorialismo vicino a certo est Europa una storia di isolamento e follia, sturm und drang antieroico tra tempeste, fiumi di alcol e una progressiva - seppur ridondante - discesa nel delirio e nell'allucinazione. Pellicola di non leggera fruizione ma potente e spesso sgradevole, che getta su un'isola sperduta nel tempo e nello spazio due divi desiderosi di sporcarsi le mani: Dafoe maschera repellente e pietosa, Pattinson in ascendente climax alcolemico e paranoide.
I gusti di Deepred89 (Commedia - Drammatico - Thriller)

Herrkinski 21/12/19 16:49 - 4632 commenti

Eggers si dimostra sempre più regista talentuoso e con una visione ben precisa, qui evidente nella direzione degli attori (entrambi straordinari, per inciso) e nella particolare impostazione tecnica di fotografia e aspect-ratio, studiata per richiamare il cinema d'essai e reminescente delle prime pellicole del '900, in particolare certo cinema tedesco. Notevole l'ambientazione naturale, muta testimone di una discesa nella follia umana e nei peggiori istinti, in un crescendo di alienazione raramente rappresentato su schermo con tale efficacia.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Kinodrop 4/1/20 20:23 - 1240 commenti

A partire dall'ambientazione già si percepisce un'inquietudine che all'apparire dei due protagonisti diventerà vera e propria tensione fino alla fine. Due personalità al limite della paranoia che percorrono un'impossibile convivenza tra vincoli gerarchici, insubordinazioni e tentativi di una conciliazione in chiave amicale-omoerotica, il tutto sotto il peso di un pregresso misterioso e allucinatorio. Una grande regia e un b/n di stampo espressionistico danno forza a un soggetto di realtà alterata che però nel finale si incaglia nel ridondante.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: L'esemplare performance dei due protagonisti; Le prove fisiche di Pattinson; Il gabbiano; La cura del sound; La "terapia" alcolica; La sepoltura.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Bubobubo 23/12/19 21:35 - 948 commenti

Due maschere grottesche deformate dall'alcol, un gabbiano guercio, un faro-fallo custode di un tesoro inaccessibile, una tempesta infinita. Il secondo opus eggersiano, manifesto di un orrore grafico che percola tra le pieghe di una storia folk ugualmente debitrice a Poe, Lovecraft, Coleridge, Henry James e Murnau (b/n espressionista di perfezione tecnica spaventosa), è una logorante e a tratti eccessiva tenzone omoerotica fra Kronos-Dafoe e Zeus-Pattinson che, tra allucinazioni ero-ematiche, collassa sotto il peso di segreti inconfessabili.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Autoerotismo allucinatorio nella rimessa; Da (quasi) bacio a scazzottata; "Bullshit!"; L'orrore puro e infinito del finale metafisico.
I gusti di Bubobubo (Drammatico - Horror - Thriller)

Fedeerra 31/12/19 5:38 - 361 commenti

In Persona di Ingmar Bergman erano due donne ad attraversare il fosco sentiero della follia e della solitudine. Qui, nel plumbeo film di Eggars, sono invece due uomini a illustrarci il cammino verso la perdita di sé. Il regista statunitense si aggrappa a tutto il cinema est europeo degli anni 50 e 60 e inscena una sorta di rivendicazione autoriale. Dafoe e Pattinson sono due formidabili derelitti umani, accovacciati tra i loro incubi e le loro visioni, annegati dall’alcol, affascinati dai propri spettri. Fotografia e sound da brividi.
I gusti di Fedeerra (Drammatico - Horror - Thriller)

Cinecologo 27/12/19 14:31 - 33 commenti

Non basta andare a scuola dai grandi maestri per approssimarsi alla loro grandezza... Non funziona così nemmeno per Eggers, le cui fonti ispirative sono evidenti: da Bergman a Polanski all'ultimo Trier (per le scene visionarie e spesso grossolanamente pacchiane) e chi più ne ha... Ma se il film è potente e ben riuscito sul piano visivo, risulta fortemente insipido sul piano dei contenuti. Eggers è un ottimo venditore di fumo e, difatti, uno dei registi probabilmente più sopravvalutati degli ultimi anni.
I gusti di Cinecologo (Commedia - Drammatico - Horror)