Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'IMMORTALE

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 10
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 15/12/19 DAL BENEMERITO DIGITAL

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 23/3/20 6:59 - 11254 commenti

Sebbene si tratti di un prodotto di chiara derivazione televisiva, che funge quasi da "raccordo" tra due annate di una serie celebre, il film ha una "dignità" cinematografica". Merito di un personaggio interessante e carismatico, del quale si indaga il passato, ma anche della capacità del regista e interprete di costruire intorno alla figura di Ciro una pellicola godibile, non irresistibile dal punto di vista narrativo, ma soddisfacente per ritmo, ambientazione (la scelta di non limitarsi solo a Napoli è vincente) e visivamente.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Nando 21/3/20 1:35 - 3439 commenti

Indubbiamente una sorta di invio verso quello che succederà nella prossima tappa della nota serie, però si notano un bell'impegno e una buona gestione. Probabilmente la trasferta lettone appare troppo prolissa e talvolta noiosa, ma il carisma di D'Amore è innegabile e conduce al finale che gli amanti della saga vogliono vedere. Romanzati ma giusti gli inizi del protagonista.
I gusti di Nando (Commedia - Horror - Poliziesco)

Rufus68 31/12/19 18:41 - 2982 commenti

Più che di un film si tratta d'un segmento, senza alcuna sorpresa, della serie pilota. Al massimo si ingolosisce lo spettatore usuale con anticipazioni di episodi futuri della medesima Gomorra. Il taglio risulta piatto e mediocrissimo, con inverosimiglianze lapalissiane (Napoli vs Russia/Lettonia 5-0) e telefonatissime incursioni nel passato del protagonista. D'Amore è perennemente imbronciato, gli altri son discreti caratteristi; macchiettistici, invece, i personaggi stranieri. Deludente.
I gusti di Rufus68 (Drammatico - Fantascienza - Horror)

Piero68 7/4/20 8:31 - 2748 commenti

Film sicuramente non eccelso. D'Amore non demerita nemmeno alla regia, anche se all'enfasi conosciuta della serie antepone più sentimentalismo e introspezione. Quello che funziona poco è una sceneggiatura piuttosto sciatta che nel finale va alla deriva con alcuni vuoti narrativi che inficiano gran parte del lavoro. Che sia discepolo di Sollima si percepisce quasi in ogni inquadratura, ma Gomorra era anche sostanza, oltre che stile. Non dispiace il cast in generale, anche se un attore di peso in più avrebbe più che giovato. Tanto rumore per nulla.
I gusti di Piero68 (Azione - Fantascienza - Poliziesco)

Ryo 16/4/20 16:13 - 2154 commenti

Gomorra senza Ciro è una delle ragioni della debolezza della quarta stagione della serie. In questo film si apprende che Ciro è vivo e fa di nuovo ciò che sa far meglio. Il film è di gran lunga inferiore alla serie TV ma la musica, la recitazione e la scenografia sono sorprendenti come al solito. Il film piacerà, però, forse solo ai fan della serie, poiché la serie stessa ne fornisce una chiave di lettura, assente nel film. La fine è fantastica ma comprensibile, di nuovo, solo a chi conosce la serie.
I gusti di Ryo (Comico - Fantastico - Horror)

Mickes2 12/4/20 19:06 - 1651 commenti

Un prodotto ben confezionato, possiede se non altro la capacità - non così scontata – d’interessare lo spettatore. Anche se le dinamiche sono ormai inflazionate, è un film che approfondisce il personaggio dell’Immortale attraverso flashback ben costruiti in grado di suscitare empatia. Certo, bisogna essere fan (nemmeno troppo accaniti) della serie per apprezzarlo, tuttavia vive comunque di una luce propria grazie alla regia di Marco D’amore sempre grato alle lezioni di Sollima. Con dei grossi limiti, ma piacevole.
I gusti di Mickes2 (Erotico - Fantastico - Western)

Digital 15/12/19 21:12 - 1110 commenti

L’immortale è nientemeno che Ciro di Marzio, rimasto miracolosamente illeso dopo uno sparo in pieno petto e deciso a vendicarsi. Messo agli atti che la credibilità rasenta lo zero (rimanere vivi dopo un colpo del genere è utopistico), il film è una gustosa appendice alla serie Gomorra. La dinamica regia offre sequenze pregne di violenza, con una tensione che si taglia col coltello, deflagrando nel catartico finale. D’amore nella duplice veste di attore/regista se la cava egregiamente, dimostrando di saperci fare anche dietro la macchina da presa.
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)

Mutaforme 4/5/20 10:38 - 392 commenti

Inutile spin-off della nota serie Gomorra, sostanzialmente un lungo episodio incentrato sul personaggio di Ciro (Marco D'Amore). Il film si rivela meno interessante della serie stessa: mancano le musiche, la scenografia, il ritmo. La sceneggiatura regge a malapena e non è esante da buchi narrativi. Anche il presunto colpo di scena iniziale è piuttosto telefonato... Esperimento non riuscito.
I gusti di Mutaforme (Avventura - Fantascienza - Fantastico)

Berto88fi 1/5/20 13:32 - 199 commenti

Questa pellicola non offre niente in più rispetto a uno dei pochi episodi della (memorabile) serie che risultano mediocri: la regia pallida ha un effetto fotocopia rispetto al lavoro fatto da Sollima, D’Amore recita per tutta la durata senza espressione, gli altri personaggi di contorno tendono quasi tutti alla macchietta. Interessante e ben realizzata la parte dedicata ai flashback dell’infanzia, con le prime gesta criminali del protagonista, ma è un po' troppo poco.
I gusti di Berto88fi (Gangster - Poliziesco - Thriller)

Decimamusa 15/4/20 12:11 - 76 commenti

Non convince questa regia di Marco D’Amore, il Ciro della serie Gomorra. Il film – che getta le basi della quinta stagione della fiction – ha qualcosa di rigido e di poco sviluppato e lascia perplessi specie nella parte riferita al presente, con personaggi ingabbiati in stereotipi, vicende risolte in maniera sbrigativa e poco credibile. La sceneggiatura arranca, si nutre di silenzi e di espressioni di volti che vorrebbero essere eloquenti nella loro ambiguità ma che in realtà comunicano ben poco. Appena migliore la parte riferita al passato.
I gusti di Decimamusa (Drammatico - Sentimentale - Thriller)