Cerca per genere
Attori/registi più presenti

L'UFFICIALE E LA SPIA

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 6
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 22/11/19 DAL BENEMERITO IL FERRINI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Myvincent 25/11/19 8:18 - 2344 commenti

Il celebre caso Dreyfus torna a interessare il cinema contemporaneo, con la sua storia fatta di inganni, omertà, bugie ai piani alti dell'esercito. Il regista insiste con ossessione sulla ricostruzione di scottanti lettere e perizie calligrafiche, con il rigore artistico a cui ci ha abituati. Ma qualcosa non funziona: la lentezza a volte fa perdere l'attenzione e le stesse vicende giudiziarie di Polanski sembrano far vibrare quel "J'accuse" che alla fine del XX secolo ebbe, però, un effetto a dir poco dirompente.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Il ferrini 22/11/19 22:45 - 1521 commenti

Accurata ricostruzione del caso giudiziario più eclatante della storia recente, straordinaria la messa in scena con particolare attenzione a costumi, trucco e parrucco. Un dramma, sicuramente, ma Polanski lo trasforma anche in un legal thriller, facendo crescere la tensione in vista d'una verità che quando pare finalmente afferrabile s'allontana d'un altro metro. Potentissimo manifesto contro l'omertà delle alte cariche, ma anche un inno alla pervicacia nel perseguire la giustizia. Gran film.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La consegna delle lettere in chiesa; Il processo; La proposta di matrimonio.
I gusti di Il ferrini (Commedia - Thriller)

Digital 26/11/19 14:24 - 1071 commenti

La nuova fatica di Polanski è focalizzata sul controverso caso Dreyfus, tra i più ricordati di sempre. Ciò che impressiona di più è la minuziosa ricostruzione ambientale di una Francia del Diciannovesimo Secolo, con una messinscena di prim'ordine. Fatica a carburare e, specie nella prima parte, il tedio trapela con un po' troppa insistenza; fortunatamente si riprende nella seconda, con un crescendo spasmodico della tensione. Tagliuzzando qua e là sarebbe stato più compatto, ma anche così è film assai pregevole. Bravissimo Dujardin.
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)

Bruce 2/12/19 11:11 - 938 commenti

Polanski, non a caso, prende a cuore la famigerata vicenda Dreyfus, presunta spia dell'esercito ma in realtà innocente, che a fine Ottocento scosse la Francia e dirige con le sue innegabili capacità una ricostruzione cinematografica del caso che è rigorosa e fedele alla realtà storica. Ogni passaggio è curato nei minimi dettagli. L'opera è impeccabile. La prima parte tuttavia pare troppo lenta e nel complesso il film risulta emotivamente poco coinvolgente.
I gusti di Bruce (Giallo - Poliziesco - Thriller)

Lou 1/12/19 0:31 - 844 commenti

Polanski mette in scena il noto "Affaire Dreyfus", clamoroso errore giudiziario in ambito militare nella Francia di fine 800, intrisa di antisemitismo. La rigorosa ricostruzione, molto lenta nella prima parte, segue passo passo l'azione dell'integerrimo colonnello Picquart che riesce a riaprire il caso e a favorire la pubblicazione del famoso "J'accuse" di Zola che divise il paese. Cinema classico, d'altri tempi come impianto ma sempre attuale nel celebrare l'importanza della lotta per la verità contro le ingiustizie e i pregiudizi.
I gusti di Lou (Avventura - Azione - Drammatico)

Josephtura 2/12/19 11:12 - 131 commenti

Un bel film, potente e incisivo. Si affrontano due problemi: il primo, manifesto, è l'abbietta ricerca del capro espiatorio e l'ipocrisia della politica; il secondo, ben rappresentato da Gadebois, è la volgarità e l'indifferenza del Male, il rispetto ottuso e privo di sensibilità nei confronti di qualsiasi ordine. Il film è però deludente: prolisso nella prima parte e quasi superficiale nel finale, dove di alcune situazioni non si capisce lo sviluppo. Nel descrivere l'ipocrisia del potere rimane ancora una pietra miliare Orizzonti di gloria.
I gusti di Josephtura (Documentario - Fantastico - Guerra)