Cerca per genere
Attori/registi più presenti

CHI VUOLE UCCIDERE MISS DOUGLAS?

MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 10/11/19 DAL BENEMERITO HERRKINSKI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione


ORDINA COMMENTI PER:

Ciavazzaro 14/11/19 0:29 - 4730 commenti

Notevole thriller del sottogenere stalker movie. La protagonista Morgan Fairchild Ŕ come sempre favolosa (da sturbo il suo bagno in piscina nei titoli di testa), Stevens Ŕ perfetto nel ruolo dello psicopatico di turno, ottimo anche il cast di contorno: Sarrazin fidanzato, Edwards detective. Splendida la colonna sonora, con menzione per la canzone della Warwick. Notevole la suspense con un crescendo verso la seconda parte e un finale assai d'azione.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Stevens che spia Morgan mentre si fa il bagno e comincia a spogliarsi; L'eroina col fucile; Il colpo di scena finale; Il carillon.
I gusti di Ciavazzaro (Giallo - Horror - Thriller)

Herrkinski 10/11/19 3:56 - 4516 commenti

Esordio su grande schermo dell'elegante Fairchild con questo thriller dalla trama non particolarmente originale; il tema Ŕ quello del voyeurismo che degenera in stalking da parte di uno squilibrato, soggetto molto gettonato nei primi 80s. Schmoeller comunque dirige bene, la fotografia Ŕ brillante e patinata quando serve, il cast offre ottime performance e la ost Ŕ di Schifrin; un prodotto confezionato bene e con un finale che ribalta i ruoli efficace, nonostante il minutaggio potesse essere leggermente accorciato. Ingiustamente sottovalutato.
I gusti di Herrkinski (Azione - Drammatico - Horror)

Gestarsh99 20/11/19 17:03 - 1243 commenti

Buon manovratore di horror pupazzeschi, Schmoeller si presta qui a muovere i fili di un maniaco persecutore armato di teleobiettivo (il convincentissimo Stevens), che da ammiratore fanatico fa sentire il fiato caldo sul collo a una bella telegiornalista (l'altera e scintillante Fairchild), sdipanando tutta la sintomatologia specifica della sindrome di de Clerambault giÓ esperita in Brivido nella notte e Un'ombra nel buio. Thrillerino lamÚ che accosta buoni momenti avvolti nella giusta atmosfera - anche grazie alla suadente fotografia di Ahlberg - a intere sequenze mal costruite e inverosimili.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il fotografo/stalker (lo Stevens di Massacro al Central college e del depalmiano Fury) che spia a distanza la protagonista mentre lei Ŕ in bagno.
I gusti di Gestarsh99 (Horror - Poliziesco - Thriller)