Cerca per genere
Attori/registi più presenti

ATTACCO AL POTERE 3 - ANGEL HAS FALLEN

All'interno del forum, per questo film:
Attacco al potere 3 - Angel has fallen
Titolo originale:Angel Has Fallen
Dati:Anno: 2019Genere: action (colore)
Regia:Ric Roman Waugh
Cast:Gerard Butler, Morgan Freeman, Danny Huston, Jada Pinkett Smith, Nick Nolte, Piper Perabo, Tim Blake Nelson, Lance Reddick, Frederick Schmidt, Rocci Williams, Harry Ditson, Ori Pfeffer, Michael Landes
Note:Terzo capitolo della saga di "Attacco al potere".
Visite:218
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 3
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 28/8/19 DAL BENEMERITO RAMBO90 POI DAVINOTTATO IL GIORNO 15/9/19
Terzo capitolo per l'eroico Mike Banning (Butler), da sempre uomo di fiducia del Presidente degli Stati Uniti (che poco importa abbia la faccia di Aaron Eckart o come qui quella del pi¨ rassicurante Morgan Freeman). Una vita passata a far fuori la gente e a sgusciare tra le pallottole ha portato con sÚ i suoi guai: dolori alla schiena, giramenti di testa conseguenti a traumi di ogni sorta... Ma quando c'Ŕ da salvare un Presidente tutto passa in secondo piano; l'attacco questa volta viene condotto mediante uno stormo di droni lanciati da un'organizzazione cospirativa capeggiata da Wade Jennings (Huston), ex collega di Mike vendutosi al nemico. Organizzati in vere e proprie squadriglie, i droni si sfracellano al suolo facendo saltare in aria decine di guardie del corpo in un tripudio di fuoco e fiamme che il suo effetto indubbiamente lo fa. Il Presidente, sul fiume a pescare con Mike, viene da quest'ultimo cacciato sott'acqua e salvato ma finisce in coma, prontamente sostituito a capo del Paese da un vice (Nelson) molto pi¨ guerrafondaio di lui e fin dalle apparenze decisamente meno saggio. Banning assieme al Presidente Ŕ l'unico sopravvissuto all'attacco dei droni e viene presto accusato di essere il diretto responsabile dell'accaduto, ma riuscirÓ a sfuggire alla detenzione rifugiandosi nella catapecchia nel bosco in cui vive suo padre (Nolte), veterano di guerra mezzo matto che ha allestito intorno a casa un campo di guerra ove faranno una brutta fine gli agenti chiamati a riprendergli il figlio. E' la scena pi¨ divertente del film, costruita come fosse parte della saga di Rambo (citato apertamente con una delle sue celebri frasi-sentenza: "Non siete voi che venite a prendere me, sono io che vengo a prendere voi"); affidarla a un attore capace di ironizzare con gusto come Nolte si rivela scelta vincente. Contrario alla tecnologia (ma in casa ha un complesso sistema di telecamere a circuito chiuso per sorvegliare i dintorni da far invidia alla CIA), con una folta barba bianca e gli occhi furbi a far capolino tra le rughe, il babbo Ŕ senza dubbio il personaggio pi¨ centrato del film, per il resto adagiato nella riproposizione della solita formula da action a buon mercato o poco pi¨, in cui camera a mano, stacchi frenetici e concitatissimi scontri a fuoco la fanno da padroni. Ed Ŕ questo a disperdere ogni buona intenzione pensata per arricchire una trama decisamente povera: giÓ nelle prime sequenze par di stare in uno sparatutto in prima persona; si continua con fughe, inseguimenti e agguati prima di un'ultima parte stile TRAPPOLA DI CRISTALLO con decine di poveracci presi a pistolettate e interi caseggiati che crollano o finiscono bucherellati dalle centinaia di colpi sparati tanto per far confusione. Infilate qua e lÓ un po' di dolci quanto inutili parentesi familiari con moglie (Perabo) e figlioletta. Mike Ŕ chiamato a rischiare la vita in ogni fotogramma, ma c'Ŕ carenza di azione realmente efficace: per la maggior parte si parla di anonime sequenze di sangue e morte trattate con la faciloneria di sempre ma senza l'estro di un Fuqua, ad esempio. Forse lo si ricorderÓ per la divertita performance di Nolte, il film; pi¨ probabilmente farÓ solo volume (il terzo, appunto).
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

124c 9/9/19 1:58 - 2712 commenti

Gerard Butler cambia presidente USA da salvare (non pi¨ il giovanile e belloccio Aaron Eckhart dei primi due film, ma il "vecchio saggio" Morgan Freeman), raddoppia il partner (anche un Nick Nolte che, per l'occasione, rispolvera il suo barbone alla Su e gi¨ per Beverly Hills e alla Hulk) facendo strage di chi gli si para davanti. Il personaggio di Gerard Butler Ŕ inarrestabile, persino da una commozione cerebrale che gli dovrebbe rallentare i riflessi. Non male come terzo capitolo di un franchise che pareva aver detto tutto nel primo film.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: Il rapporto d'amicizia/odio che intercorre fra Gerard Butler e il cattivo di Danny Huston; Le scene in famiglia con Piper "Coyote Ugly" Perabo.
I gusti di 124c (Commedia - Fantastico - Poliziesco)

Rambo90 28/8/19 22:56 - 5967 commenti

Mike Banning si ritrova al centro di un complotto per assassinare il presidente, incastrato come principale indiziato. Da qui un'avventura che si svolge su binari abbastanza prevedibili ma che fa il suo dovere di intrattenere, tra belle sequenze d'azione (soprattutto nella seconda parte), un ritmo sostenuto e una certa cura nel delineare i rapporti tra i personaggi. Butler garanzia, Freeman un po' stanco, Nolte e Huston piacevolmente sopra le righe. Un buon film di genere.
I gusti di Rambo90 (Azione - Musicale - Western)

Digital 28/8/19 23:42 - 1071 commenti

Arrivati al terzo capitolo era difficile non ripetere quanto visto precedentemente. Per fortuna la sceneggiatura prende una piega diversa, con Butler perennemente in fuga per scagionarsi dall'accusa di tentato assassinio al presidente degli Usa. Le quasi due ore scorrono velocemente grazie a un ritmo alacre, tra movimentati inseguimenti, sparatorie all'arma bianca, coltellate e spettacolari esplosioni. Certo, capire chi sia il vero colpevole non Ŕ affatto complicato, ma il film ha mordente e i tocchi di ironia sono un piacevole valore aggiunto.
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)