Cerca per genere
Attori/registi più presenti

TUTTI PAZZI A TEL AVIV

All'interno del forum, per questo film:
Tutti pazzi a Tel Aviv
Titolo originale:Tel Aviv on fire
Dati:Anno: 2018Genere: commedia (colore)
Regia:Sameh Zoabi
Cast:Kais Nashif, Lubna Azabal, Yaniv Biton, Maisa Abd Elhadi, Nadim Sawalha, Salim Dau, Yousef 'Joe' Sweid, Amer Hlehel, Laëtitia Eïdo, Ashraf Farah, Ula Tabari, Yazan Doubal
Visite:202
Filmati:
M. MJ DAVINOTTI JR: MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 5
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 11/6/19 DAL BENEMERITO LOU POI DAVINOTTATO IL GIORNO 28/12/19
“Tel Aviv brucia” è il titolo di una soap che si gira a Ramallah nella quale la protagonista, Tala (Azabal), è una spia palestinese che ha un flirt con un importante generale israeliano e che progetta qualcosa di non ancora ben definito. Perché si sa, le soap sono un mondo in divenire e gli autori devono esser pronti a modificare le storie secondo le esigenze del momento. Il nuovo segretario di produzione, Salam (Nashif), costretto a passare ogni giorno per il checkpoint di Ramallah, viene casualmente fermato dall'ufficiale israeliano di stanza lì, il capitano Assi (Biton); quando questi scopre che lavora per la stessa soap di cui sua moglie è fanatica, pretende di leggere il copione e suggerisce in amicizia piccole modifiche di stampo sionista; che tuttavia piacciono, tanto che Salam viene promosso ad autore e comincerà in gran segreto una collaborazione con Assi pagandolo in... humus arabo di prima qualità! Le cose vanno per il meglio fino a quando la produzione (palestinese) non comincia a storcere la bocca per l'eccesso di positività nel personaggio del generale israeliano... Una simpatica idea che ci lascia osservare in filigrana la difficile convivenza tra due popoli da sempre in lotta; mostrandoci comunque come non tutto debba necessariamente ricondursi a odio e vendetta. Assi, l'ufficiale del checkpoint, è il personaggio meglio caratterizzato; più del protagonista, fin troppo arrendevole e passivo, che sembra sempre agire in relazione a pressioni di ogni tipo e da ogni parte. Non è infatti solo Assi a pretendere di indirizzare il corso della soap ma anche la produzione, cui la svolta sionista non piace, e la star francese, improvvisamente irritata quando le si rifila un tumore per catturare l'attenzione de pubblico. Difficile far contenti tutti e Salam fatica infatti non poco, oltretutto deciso a riconquistare la fidanzata d'un tempo (Elhadi). La sceneggiatura è scritta con bel gusto per l'ironia e riesce a infilare più di una scena spassosa senza mai dover alzare i toni. Si sente che manca un po' di brillantezza, che musiche e montaggio non hanno i tempi delle commedie americane, che nell'ultima parte si tendono a diluire troppo le situazioni, ma nel complesso si apprezza il gusto con cui la storia viene articolata nei rapporti tra le persone, in primis tra Assi e Salam. E per la capacità di non fermarsi in superficie offrendo una sceneggiatura ragionata, con qualche dialogo azzeccato che lascia il segno e una sottile tensione sempre percepibile. Qualche esagerazione nel comportamento di Assi, ma si sopporta.
il DAVINOTTI

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione

ORDINA COMMENTI PER:

Galbo 3/10/19 5:36 - 11152 commenti

Il set di una soap opera è uno spunto originale per parlare dei rapporti conflittuali israelo palestinesi. Ne deriva una commedia che preferisce una narrazione piana più che brillante, con predilezione per i dialoghi piuttosto che per le situazioni. Si sorride e la sensazione è quella di un’occasione in parte perduta anche a causa di una recitazione che sembra poco spontanea da parte dell’attore protagonista.
I gusti di Galbo (commedia - drammatico)

Cotola 13/6/19 19:09 - 7260 commenti

Commedia che affronta il serissimo tema del rapporto conflittuale tra israeliani e palestinesi e lo fa col sorriso sulle labbra. La sceneggiatura affronta anche il tema della creazione artisitco-cinematografica e più precisamente quello della scrittura. Ma i pochi spunti interessanti si perdono in cose che lo sono meno. E nonostante una certa piacevolezza d'insieme non si ride tanto, ma al massimo si sorride qualche volta. E la leggerezza del tutto appare persino troppa, tanto da non incidere più di tanto ed è un peccato, visti i temi trattati.
I gusti di Cotola (Drammatico - Gangster - Giallo)

Myvincent 22/7/19 16:39 - 2430 commenti

"L'amore fra due persone si riconosce dal modo con cui si ascoltano l'un l'altro": uno dei pensieri-feticcio di questa commedia dolceamara dal titolo improponibile che traccia un altro solco nella narrazione del conflitto arabo/israeliano. I toni sono soft, il racconto meta-cinematografico (una soap-opera raccontata da un film), l'umorismo strisciante che certo non fa scoppiare di risate. Kais Nashif è il protagonista spesso inespressivo, non si sa se volutamente o meno.
I gusti di Myvincent (Drammatico - Giallo - Horror)

Kinodrop 26/9/19 20:01 - 1308 commenti

Il giovane Salam si ritrova dall'oggi al domani a dover scrivere i dialoghi per una popolare soap che sfiora i rapporti arabo-israeliani, cercando di raccattare dialoghi e battute da amici, nemici e conoscenti. Simpatico il sovrapporsi della romantica telenovela alla non facile reltà vissuta, stante il conflitto perenne tra i due popoli che però resta in superficie, anche se non è difficile tra una battuta e l'altra scorgerne i problemi. Alla fine sembra quasi più telenovelistica la storia in primo piano, che la telenovela in produzione. Legnoso.
I gusti di Kinodrop (Commedia - Drammatico - Thriller)

Lou 11/6/19 18:17 - 896 commenti

Per una volta le insopprimibili tensioni tra israeliani e palestinesi vengono proposte al cinema sotto forma di commedia satirica e leggera. Il regista palestinese riesce a stemperare le contrapposizioni e ridicolizzare il potere militare raccontando, tra farsa e allegoria, le disavventure dello sceneggiatore di una soap-opera trash prodotta in Cisgiordania ma molto seguita anche in Israele. Il risultato è godibile, anche se talvolta il tono farsesco risulta eccessivo.
I gusti di Lou (Avventura - Azione - Drammatico)