Cerca per genere
Attori/registi più presenti

I CONQUISTATORI DELL'URANIO

All'interno del forum, per questo film:
I conquistatori dell'uranio
Titolo originale:Uranium Boom
Dati:Anno: 1956Genere: avventura (bianco e nero)
Regia:William Castle
Cast:Dennis Morgan, Patricia Medina, William Talman, Tina Carver, Philip Van Zandt, William Henry, Gregg Barton, Mel Curtis, Henry Rowland, S. John Launer, Michael Bryant, Frank Wilcox, Ralph Sanford, Carlyle Mitchell, DopoNick Tell
Visite:42
Filmati:
MEDIA VOTO DEGLI UTENTI: N° COMMENTI PRESENTI: 2
Le impressioni del Davinotti non sono vere critiche ma appunti utili a capire che tipo di film si ha di fronte. Scritte dall'età di 18 anni (vintage e ultra baby vintage collection) su quaderno, per i film che Marcel vede al cinema vengono oggi compilate su pc.

TITOLO INSERITO IL GIORNO 12/5/19 DAL BENEMERITO FAUNO

Clicca sul nome dei commentatori per leggere la loro dissertazione
  • Quello che si dice un buon film a detta di:
    Fauno
  • Mediocre, ma con un suo perché a detta di:
    Digital


ORDINA COMMENTI PER:

Fauno 12/5/19 14:53 - 1822 commenti

Dopo l'oro l'uranio, e anche qui di ricchezza non ci si disseta mai abbastanza: non basta trovare la miniera migliore, ma si vogliono conquistare e assorbire pure le altre, anche solo per godere di un senso d'invincibilità. Ma come si dice, in assenza di Bacco e Tabacco ci pensa Venere a ridurre in cenere i due soci, prima facendoli diventare due rivali, indi creando un lieto fine tutto a suo favore. Fra i due meglio l'ingegnere, se non altro per il suo idealismo romantico, anche se una volta ferito nell'orgoglio combinerà una discreta serie di carognate. Buono.

• MOMENTO O FRASE MEMORABILI: La ribellione dei concessionari minori; Lo stratagemma per rovinare Collins; "Charlie vi farà ricchi"; L'indiano dopo essersi tagliato le trecce.
I gusti di Fauno (Drammatico - Poliziesco - Thriller)

Digital 12/6/19 9:51 - 1042 commenti

Avventuroso dal fiato corto, con una sceneggiatura che arranca in cerca di situazioni che possono portare avanti un film povero di idee. L’inizio faceva ben sperare: è piuttosto frizzante e con una bella ambientazione montuosa, ma è un fuoco di paglia poiché il ritmo tende a calare bruscamente e la noia inizia a serpeggiare. Fortunatamente il breve metraggio consente di arrivare piuttosto agevolmente al finale (rigorosamente alla vogliamoci bene). Tra gli attori è Talman che si merita il premio di migliore; Morgan è protagonista insignificante.
I gusti di Digital (Fantascienza - Horror - Thriller)